Falerno del Massico: report magica annata 2004 a Villa Domi

Letture: 104
Il tavolo dei relatori. Da sinistra: Marco Ricciardi, Maria Teresa Lanza, Monica Piscitelli, Luciano Pignataro

di Roberta Raia

Se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto.
E’ accaduto! L’ Ager Falernus si sposta a Napoli, siamo in trenta, in una sala elegantissima di villa Domi, a partecipare all’orizzontale 2004 dell’immortale Falerno, organizzata da Monica Piscitelli e Luciano Pignataro con l’intervento di Marco Ricciardi e Maria Teresa Lanza. Sono loro ad accompagnarci in un sentiero intriso di storia, tradizione e professionalità, aprendo il varco della sensorialità dei vini in degustazione e rendendo partecipe la platea con spunti tecnici.
Il Falerno può essere considerato il primo Cru al mondo, la prima DOC dell’enologia mondiale: già gli antichi Romani, infatti, conservavano il prezioso vino in anfore sigillate con appositi tappi,  catalogandole con delle targhette che indicavano la provenienza delle uve, l’annata e il nome del produttore.
Il Falerno, il vino degli eletti, di cui hanno tessuto le lodi Plinio, Marziale, Orazio e Virgilio, rendendolo eterno,  riesce ancora oggi a stupire, imponendosi con il gusto sapiente dell’esperienza, la magia del passato ed un carattere saggio che lo rende maestro sulla nostra tavola.

La sala

Oggi l’area geografica di questo eccellente vino è estremamente ristretta, limitata ai comuni di Sessa Aurunca, Cellole, Falciano del Massico, Carinola e Mondragone, ubicati all’estremità nord-occidentale della provincia di Caserta, zona che gli antichi Romani chiamavano Ager Falernus. Qui si vinifica il Falerno DOC, nel territorio dei rilievi calcarei del Monte Massico che, partendo dalle pendici del vulcano spento di Roccamonfina, arriva alla costa, confinando con le piane del Volturno e del Garigliano fra Mondragone e Sessa Aurunca.
In questo territorio estremamente eterogeneo, germina la culla del Falerno: la carezza del mare, la protezione paterna del Monte Massico e la presenza del vulcano spento di Roccamonfina, fanno di questo territorio una zona d’elezione, costituendo un microclima unico e pregevolissimo. La litologia “ isterica”, inoltre, ora costituita da terreni sciolti, ora a medio impasto, ora argillosa, rende questo fazzoletto di terra particolarmente vocato alla coltivazione della vite e alla produzione del Falerno, in tutte le sue sfaccettature.
Il Falerno è una DOC di “territorio” (cioè che prende il nome da un luogo e non dal vitigno, come accade spesso in Campania); potremmo considerarla una DOC “anomala”, in quanto nel disciplinare sono ammessi due uvaggi diversi:

–        Falerno del Massico rosso, prodotto  nelle seguenti percentuali: Aglianico 60-80%, in uvaggio con Piedirosso e Barbera

–        Falerno del Massico Primitivo, prodotto con uve del vitigno primitivo sia in purezza che in uvaggio con il 15% di Aglianico, Piedirosso e Barbera.

In questo scenario così disomogeneo, sia dal punto di vista del territorio e dell’uvaggio, sembrerebbe impossibile mantenere un’unicità del prodotto e un filo conduttore nel trend di produzione. Tuttavia il Falerno riesce a conservare delle caratteristiche comuni, quali struttura, la concentrazione, il frutto e l’alcolicità,
nonché il pregio ormai affermato di un’importante longevità.
Il Falerno, mette d’accordo Aglianico-fili e Primitivo-fili, riuscendo sempre e comunque ad esprimere un etereo carattere antico, sostenuto da una cosciente modernità, convergendo in una saggia contraddizione che lo rende unico. Un aspetto importante è dato dalla capacità del singolo produttore nell’esprimere al meglio il vitigno, attenendosi ad un modello di un vino tradizionale come il Falerno.

bottiglie in degustazione

L’orizzontale dell’annata 2004 ci ha consentito di analizzare attraverso i sei vini in degustazione, costituiti da uvaggi diversi, la modalità d’espressione dell’areale in quella determinata annata, in cinque punti diversi del territorio casertano.

vini in degustazione

I vini in degustazione:

Villa Matilde – Camarato

Camarato di Villa Matilde

Un vino corretto, in totale armonia, tutte le componenti organolettiche sono in equilibrio.
In bocca si presenta fine e potente allo stesso tempo, dotato di un frutto croccante e succoso, i tannini vigili e nobili denotano una chiara intenzione di voler durare nel tempo. Una nota di freschezza accompagna la permanenza del vino nella cavità orale.
Al naso è elegante, il frutto si fonde con le  note del legno proponendo un’esplosione olfattiva costante e mai invadente.
Un vino che è consapevole di se stesso e che ha deciso d’invecchiare con tranquillità per esprimersi al massimo.

Regina Viarum- Barone

Barone dell'azienda Regina Viarum

Un vino estremamente evoluto. Sicuramente non immediato e con una beva non facile.
Scisso nelle componenti organolettiche, le durezze, sintomo di grande personalità, sono contrapposte da linee rotonde e dolci.
In bocca è austero e morbido.
Al naso è esplosivo con note balsamiche e di “pout-pourri”.

Vigne

Trabucco – Rapicano

Rapicano dell'azieda Trabucco

Un vino estremamente interessante, molto marcato, che si presenta senza bussare!
Contraddistinto, in genere, da richiami erbacei.
In bocca si presenta, connotato da una forte acidità e da una freschezza spedita e veloce.
Al naso si mostra fresco, con note di erbe officinali mediterranee e clorofilla (molto peculiari).

La platea

Presente l’uso della barrique che apportando note di caffè in seconda battuta, lo rende al naso egocentrico e con una gran voglia di essere ascoltato.
Un vino particolarmente interessante e “sui generis”.

Papa – Campantuono

Campantuono dell'azienda Papa

Un vino materico, palpabile che si mastica, denota una grande linearità naso-bocca.
In bocca presenta un profilo surmaturo, paragonabile ad una confettura delicata, piacevole, ma mai stucchevole.
Al naso offre un respiro caldo e un’esplosione di frutti rossi stile “Ivy Rocher”, inebriante e convincente.
Un vino da “accompagnare” gradevolmente ad un camino, una poltrona ed un vecchio vinile.

Volpara – Tuoro

Tuoro dell'azienda Volpara

Un vino che evoca il mare ed una calda spiaggia.
In bocca è avvolgente con una spiccata acidità, la sapiente presenza del legno rende il profilo tannico, evidente ma morbido.
Al naso è salmastro, con dei sentori evoluti di spezie orientali.

Masseria Felicia – Etichetta bronzo

Etichetta bronzo di Masseria Felicia

Un vino di “filosofia zen” che tende all’equilibrio e all’armonia, un vino che racconta i suoi frutti, la sua vigna, seguendo una maturazione costante, mai caotica, paziente ed impeccabile.
Un bicchiere che si esprime istantaneamente e si presenta senza salamelecchi.
In bocca è veloce, dinamico, acidità-tannini e alcol sembrano aver fatto un patto di non belligeranza: tutto è in equilibrio!
Al naso si esprimono note di frutta secca e leggermente surmatura, tutto questo, sempre in punta di piedi, offre sensazioni eteree ma che lasciano un’eco indelebile nella memoria.

vista dalla cima del monte massico

Dopo questa preziosa analisi, abbiamo potuto constatare nei sei bicchieri degustati, seppur provenienti da areali eterogenei e da uvaggi diversi, un filo conduttore. E’ vero che ogni vino ha dimostrato carattere autonomo e un’ espressione personalissima ma è stato possibile cogliere dei caratteri che convergono nella compattezza della DOC: eleganza, potenza e un sibilo di freschezza, nonché quel carattere antico che contraddistingue il Falerno, rendendolo unico.

Foto di Mimmo Gagliardi

15 commenti

  • Monica Pisictelli

    (22 febbraio 2012 - 15:58)

    Grazie Roberta, è stata una bella manifestazione. Credo che questi vini siano stati una piacevole sorpresa. Il tuo resoconto puntuale è prezioso per ricordarci una volta di più di quanto possano essere caratterizzati i nostri Falerno. Mi ha fatto piacere conoscerti con calma. Un abbraccio. Monica

    • roberta.raja

      (23 febbraio 2012 - 13:14)

      Cara Monica, lo stesso vale per me.
      Complimenti per l’introduzione e per l’analisi degustativa.
      un abbraccio Roberta!

  • Mimmo Gagliardi

    (22 febbraio 2012 - 18:32)

    Grande la Raja!
    La tua conOscenza del Falerno e’ spettacolare, supera persino la mia. Sono curioso di conoscere l’opinione di Maurizio cui girero’ l’articolo.
    Mi devi il favore delle foto anche se la citazione della loro fonte era superflua per me.
    Sempre a disposizione ma con le mani in alto, vero Luciano?

    • roberta.raja

      (23 febbraio 2012 - 13:20)

      Mani in alto!

  • ANTONIO PAPA

    (22 febbraio 2012 - 21:24)

    e brava Roberta! ….per caso conosci chi ha fotografato le vigne? ;))))

    • roberta.raja

      (23 febbraio 2012 - 13:21)

      Grazie a te… sì, il fotografo è Mimmo Gagliardi! :)

  • Maurizio De Simone

    (23 febbraio 2012 - 13:00)

    Come al solito Roberta ti porta per mano nelle emozioni che serate come questa ti regalano, per me è stato un ritorno alle ORIGINI devo tutto al Falerno e alla famiglia Avallone che mi hanno infettato di questa meravigliosa malattia. L’analisi è puntuale e mi trova quasi sempre daccordo, anche se il Regina Viarum, la bottiglia dalla quale è stato versato il mio bicchiere aveva qualche problema di tenuta del tappo……ma ci rifaremo con una visita in azienda appena possibile. E’ stato bellissimo vedere che rispetto alle due aziende storiche ci sono realtà così variegate e di alto livello…..e se diventasse “Benvenuto Falerno” dalla 2005?
    Io ci sarei sicuro….BRAVA ROBY.

  • roberta.raja

    (23 febbraio 2012 - 13:25)

    Grazie Maurizio,
    sarà stata la tua vicinanza ad “ispirarmi”.
    Sono contenta che ti ritrovi nell’analisi, mi da sicurezza. :)
    Roby

  • Paola Riccio

    (23 febbraio 2012 - 14:33)

    Molto ben scritto e suggestivo, complimenti a Roberta!

    • roberta.raja

      (23 febbraio 2012 - 14:37)

      Grazie Paola!
      Roby

  • Pasquale Angelino

    (23 febbraio 2012 - 15:29)

    Salve Roberta, sono Pasquale Angelino della famiglia di REGINA VIARUM. Parlare del Falerno per me che mi ritengo un figlio di questo ancestrale e famoso vino, è cosa naturale. Ma allo stesso tempo è emozionante per me vedere come un’altra persona appassionata ed esperta conoscitrice quale sei può parlare e scrivere così bene del Falerno. Mi dispiace non averti conosciuta di persona l’altra sera, e anzi ne approfitto di invitarti a REGINA VIARUM per farci una piacevole chiaccherata degustando il Falerno, magari di altre annate. L’occasione mi sarà gradita per farti conoscere anche altri aspetti della nostra Cantina.
    Un cordiale saluto e un grazie di cuore a te, Luciano e a Monica.
    Pasquale Angelino

    • Monica Piscitelli

      (24 febbraio 2012 - 10:20)

      Grazie a tutti i produttori che son venuti.Mi sembra sia stata davvero una bella cosa. Alla prossima.

  • roberta.raja

    (23 febbraio 2012 - 17:42)

    Caro Pasquale,
    accetto la tua proposta. Quanto prima verrò a farvi visita in cantina.
    Il limite di chi racconta qualcosa, come nel mio caso, è di non poter mai completamente compenetrarsi in un luogo, se questo non è il suo luogo natale, ma i racconti e le parole di chi conosce profondamente qualcosa sono la chiave per poter appassionare e affascinare chi come me vuole raccontare
    un’emozione,l’emozione di chi il Falerno ce l’ha nel sangue!
    Grazie a tutti voi produttori, che con il vostro lavoro, onorate il nome della Campania.
    un abbraccio
    Roberta

  • Mimmo Gagliardi

    (24 febbraio 2012 - 22:28)

    Viva il Falerno!
    Si caro Antonio, le immagini che ho scelto di “donare” alla bravissima Roberta sono quelle che ho scattato nelle tue vigne insieme a te. Mi sono sembrate molto rappresentative di questo meraviglioso territorio.
    Un abbraccio a tutti

  • Felicia Brini

    (27 febbraio 2012 - 12:25)

    Grazie a tutti per la perfetta organizzazione… e a Roberta per il report molto molto di “pancia” come piace a me. Abbiamo un piccolo territorio gioiello, di cui riparlare… Grazie a tutti, a nome di tutti noi di Masseria Felicia.

I commenti sono chiusi.