Ristoranti Gambero Rosso: Le Tre Forchette della guida, quattro new entry e il ritorno di Uliassi

Letture: 212
gambero rosso ristoranti

Guida Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso alla 25esima edizione: 2088 indirizzi, 227 novità recensite, premi speciali assegnati a diverse categorie e ben 4 nuovi Tre Forchette entrati nell’Olimpo.

Entrando nel dettaglio Massimo Bottura e Heinz Beck a pari merito sul podio seguiti dalla famiglia Iaccarino del Don Alfonso e da Antonino Cannavacciuolo di Villa Crespi.

Le nuove Tre Forchette sono concentrate nell’Italia Centrale: Romano a Viareggio con 90/100, La Trota a Rivodutri con 91/100, Enoteca la Torre a Villa Laetitia a Roma con 90/100 e il ritorno nell’Olimppo di Uliassi a Senigallia con 90/100. I nuovi Tre Gamberi sono distribuiti lungo la Penisola: Un Posto a Milano a Milano, Antica Osteria del Mirasole a San Giovanni in Persiceto, Sora Maria e Arcangelo a Olevano Romano e Al Convento a Cetara.

La Lombardia è la regione leader con ben 4 locali che detengono il primato delle Tre Forchette, seguita dal Lazio con 3.

La Lombardia in testa anche nella classifica dei Tre Gamberi, sponsorizzata da Contadi Castaldi, con ben 6 locali che raggiungono il massimo punteggio.

Guadagna i Tre Mappamondi il locale etnico Dao Restaurant di Roma accanto alla conferma di Iyo a Milano.

Sono 10 i locali della categoria “da tenere d’occhio” nella quale potrebbero esserci le Tre Forchette di domani.

Riconfermati i premi qualità/prezzo che mettono in evidenza le diverse soluzioni di menu proposte dai vari locali.

Sale l’attenzione per il benessere fisico e per le persone con problemi di intolleranze alimentari, per cui è stato istituito il premio gusto&salute, andato a quegli chef che nella loro proposta pongono l’accento su questo aspetto: Pietro Leeman – Joia (Milano), Paolo Teverini (Bagno di Romagna FC), Heinz Beck – La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri (Roma) e Domenico Alba – Cantina San Teodoro (Napoli).

Per i premi speciali, anche questa edizione prevede il premio al ristorante che anima il suo territorio e l’ambiente firmato Gambero Rosso e Animante Barone Pizzini, andato a Antica Corta Pallavicina, Polesine Parmense (PR).

Dal locale Aga dell’Hotel Villa Trieste di San Vito di Cadore (BL) arriva il cuoco emergente 2015 premiato da Gambero Rosso in collaborazione con Acqua Panna e San Pellegrino: Oliver Piras.
Il premio al ristorante con la migliore proposta primi piatti di pasta istituito da Gambero Rosso e Pastificio dei Campi è stato assegnato a Don Alfonso 1890 di Sant’Agata sui Due Golfi (NA).
Dalla collaborazione con Trentodoc il premio per la Carta dei vini con la migliore proposta di Metodo Classico Trentodoc è andato al Ristorante I Portici (BO). La Carta dei Vini con la miglior proposta Trentodoc – Trentino al Ristorante Gallo Cedrone dell’Hotel Bertelli di Madonna di Campiglio (TN)

Perdono le tre forchette:

Antica Osteria da Cera – Campagna Lupia (VE)

Guadagnano le tre forchette:
La Trota Rivodutri (RI)
Romano – Viareggio (LU)
Enoteca La Torre a Villa Laetitia – Roma
Uliassi – Senigallia (AN)

 

Ristoranti Gambero Rosso: le migliori due forchette

I tre Gamberi della Guida Gambero Rosso: il ritorno di Pasquale Torrente

Le migliori cucine della guida Gambero Rosso e le future possibili Tre Forchette (c’è Cristian Torsiello)

 

 

Un commento

  • Luca

    (17 novembre 2014 - 18:00)

    Ma Perbellini è sparito? Quanto ha preso?

I commenti sono chiusi.