Giorgio Calabrese personaggio dell’anno per l’enogastronomia

Letture: 258

 

Giorgio calabrese riceve il riconoscimento

di Maddalena Venuso

Un ricco parterre di ospiti di riguardo, giornalisti televisivi e della stampa, operatori dell’enogastronomia e dell’agroalimentare hanno applaudito il Prof. Giorgio Calabrese, il famoso nutrizionista che ha al suo attivo un’importante attività di medico e scienziato dell’alimentazione, oltre a  collaborazioni consolidate con alcuni dei più noti programmi RAI al servizio del cittadino, con testate giornalistiche di prestigio, con i Ministeri delle Politiche Agricole e della Salute e, recentemente, la Presidenza dell’ONAV.

“E forse é proprio questo recente incarico, afferma il professore, ad aver avuto un ruolo importante nel determinare una netta preferenza dei partecipanti al sondaggio a mio favore, anche se il numero degli iscritti ONAV non giustifica da solo questo successo”.   “Per me – aggiunge Calabrese, è stata una piacevolissima sorpresa, un riconoscimento diretto del mio impegno per la valorizzazione di una corretta nutrizione”.

Nel dicembre 2009, infatti, si è concluso il sondaggio lanciato attraverso il web da Italia a Tavola, la rivista di enogastronomia diretta dal giornalista Alberto Lupini, in collaborazione con Consultazienda, Oliovinopeperoncino, Yubuk , per scegliere il personaggio dell’anno per l’enogastronomia.

L’operazione, condotta con la massima trasparenza, ha visto la partecipazione attiva di oltre 24.000 votanti,  che hanno determinato anche l’inserimento di cuochi come Filippo La Mantia e Mario Caramella, inizialmente non presenti nella rosa dei candidati.

“Gli elettori, ha dichiarato Alberto Lupini, hanno confermato che l’enogastronomia chiede serietà e trasparenza: il prof. Calabrese è il simbolo di una credibilità costruita su basi scientifiche e sul lavoro di anni”.  In programma anche il Talk-Show  “Il pesce fra casa e fuori casa”, argomento di grande attualità e più che mai appropriato alla location, il ristorante Officine del Pesce, un locale particolarissimo, con all’interno una pescheria dove comprare il pesce fresco da portare a casa o degustare nel locale.

Alla domanda di Lupini “Il pesce è a rischio?”, Calabrese ha risposto che il primato italiano in quanto a garanzia di serietà tecnica e scientifica è palese ed universalmente riconosciuto anche all’estero, tanto che la Cina ha scelto il nostro paese come consulente tecnico formativo nel settore  alimentare. “Certo, – ha aggiunto Ezio Castiglione, direttore generale dell’ISMEA,- oltre alla tutela del Mediterraneo posta in essere  dalla Comunità Europea, occorre una massiccia opera di comunicazione, per permettere al consumatore di identificare il prodotto e garantire la tracciabilità dell’intera filiera.”   A Castiglione ha fatto eco Pietro Lococo, amministratore unico di Fin.Com. Pesca,  mentre Marzia MorgantI Tempestini, giornalista, donna del vino e pr. di Carpenè Malvolti, ha presentato i vini in abbinamento alla cena. Il menù era naturalmente tutto a base di pesce, dalle variazioni di crudi di pesce in antipasto al filetto di tonno in crosta di frutta secca ed erbe aromatIche.  Filippo La Mantia, a sorpresa, ha preparato un piatto speciale, apprezzatissimo dagli ospiti.  Le bollicine del Prosecco Carpené Malvolti, fra gli sponsor della serata, hanno reso ancor più brillante la consegna del premio, una scultura del giovane artista bresciano Roberto Guarnieri.