Maddaloni, 8 aprile. Alla Dolce&Salato a cena con la Filiera del Lavoro: dalla formazione al mondo dei professionisti

Letture: 123
alcuni allievi della Scuola di Cucina Professionale Dolce&Salato di Maddaloni
alcuni allievi della Scuola di Cucina Professionale Dolce&Salato di Maddaloni

Si conclude alla Dolce & Salato la XIII edizione del percorso formativo di cucina rivolto ai neofiti della gastronomia, per pasticceri e pizzaioli invece si contano già otto edizioni concluse con successo. Percorsi formativi che hanno permesso la creazione negli ultimi anni di professionisti nel mondo della gastronomia, passando dai banchi di scuola al mondo del Lavoro. E sarà proprio il viaggio nella filiera del Lavoro il tema del meeting organizzato l’8 aprile alle ore 18 alla Dolce&Salato di Maddaloni con diplomati, famiglie ed esperti del settore.

“I protagonisti saranno naturalmente i giovani allievi che si sono appena congedati dai laboratori della scuola per approdare subito al mondo dei fornelli – spiegano lo Chef Giuseppe Daddio ed Aniello di Caprio, fondatori della Scuola di Cucina Professionale Dolce&Salato di Maddaloni, con accreditamento internazionale – i nostri corsi garantiscono una conoscenza focalizzata su solide basi, tecniche sofisticate e contemporanee che sono fondamentali nei laboratori di cucina, pasticceria e pizzeria  per muovere i primi passi in ambito lavorativo. Tenendo presente anche argomenti che spesso si sottovalutano: Aspetto comportamentale e caratteriale”.

Del resto il percorso formativo della Scuola di Maddaloni è trasversale e dinamico. Ogni partecipante ai percorsi lunghi di qualifica ha la possibilità di acquisire nozioni teoriche, aspetti educativi di laboratorio ed infine il lato relativo alla formazione che si svolge quotidianamente con mani in pasta dalle ore 08,30 alle 17,30 affiancati da docenti interni come Giuseppe Daddio e lo Chef Antonio Mastropietro per la cucina, per la Pasticceria il Maestro Aniello di Caprio, per la pizzeria hanno tenuto banco i fratelli Roberto e Salvatore Susta e al loro fianco Antonio Di Crescenzo. Inoltre si sono susseguiti tra le varie lezioni e capitoli dell’arte culinaria, del dolce e del salato nonché della pizza chef di cucina stellati come Pierfranco Ferrara, Alfonso Caputo e Salvatore La Ragione, maestri pasticceri come Leonardo Di Carlo e Alfonso Pepe, per la pizza Gianfranco Iervolino e Pasqualino Rossi.  Dopo la parentesi scolastica lo stesso ente di formazione, accreditato dalle istituzioni e dalla categoria, inserisce le nuove leve nel mondo del lavoro, con accordi fatti prima dell’avvio corsi con strutture alberghiere e ristoranti di spessore. Tra le strutture ospitanti su territorio Nazionale vi sono: Hotel Cipriani di Venezia, Hotel Colonna Pevero Porto Cervo, Palazzo Petrucci di Napoli, complesso Nova Yardinia Taranto, Faro di Capo D’Orso Maiori, Acqua  Pazza di Ponza, Hotel Terme Manzi di Ischia, Hotel Caruso di Ravello, Four Season’s di Milano e tante altre strutture ricettive.

Da qui dunque il tema del dibattito dell’otto aprile alle ore 18: Dalla Formazione al Mondo dei Professionisti. Interverranno: L’On. Domenico Zinzi, Presidente della provincia di Caserta, il rinomato Chef Nino Di Costanzo, il pizzaiolo Franco Pepe che ha reso famosa Caiazzo nel mondo del gusto, la Dott.ssa Patrizia di Monte, dirigente dell’Arlas Regione Campania. A dare i saluti iniziali saranno naturalmente Aniello Di Caprio e Giuseppe Daddio. A moderare il dibattito Franco Buononato, Giornalista de Il Mattino. La scuola riserva una sorpresa, con l’intervento di una ex allieva che racconterà appunto la sua testimonianza da formata a dipendente neoassunta di una delle piu’ importanti pasticcerie d’Italia. Seguirà l’assaggio di varie delizie, dal food al beverage, quest’ultimo settore curato dal docente Bar Manager Roberto Onorati. I partners dell’evento saranno: Ferrarelle, Saint  Johns di Faicchio, le farine Caputo e New Radi o Network.