Napoli. Pizzeria A’ ddo figlio ‘e Michele. Qui Raffaele Condurro fa ancora la pizza a quasi 90 anni

Letture: 834
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola

Calata Capodichino 38
Tel. 081.19101830
Pizze da 3,50 a 6 euro

di Tommaso Esposito
Amanti e buongustai della tradizionale Pizza Napoletana segnatevi questo indirizzo: Napoli, Calata Capodichino 38, salendo da Piazza Ottocalli a destra sul marciapiedi.

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele l’ingresso

Qui ci sta, e lavora ogni giorno dritto in piedi dietro al bancone, Raffaele Condurro.

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro ammacca la pizza
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro ammacca la pizza
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola

Ha quasi novanta anni ed è il figlio vivente di Michele, quello famoso che intorno al 1906 continuò la tradizione del padre Salvatore e aprì la pizzeria che ancora esiste a ridosso del quartiere di Forcella, là dove Julia Roberts nel 2011 ha girato, gustando la Margherita, una delle scene più belle del suo film “Mangia prega e ama”.

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola Gli Avi papa Michele e Mamma
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele la sala interna

Gli dà una mano la moglie Iola Sorega, mentre al forno l’assiste il genero Aniello.

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola

Penultimo di tredici figli, sette maschi e sei femmine, di cui una avuta dal papà con la seconda moglie, don Raffaele ha cominciato a fare il pizzaiolo sin da bambino un po’ seguendo gli insegnamenti paterni, un po’ emulando gli altri fratelli più grandi di lui. Di gomito e di pala se l’è cavata per oltre quindici lustri e ancora tiene duro.

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola

“Controlla che ogni cosa vada bene – dice la moglie con lo sguardo eternamente innamorato mentre ammacca sul marmo le pizze- Prima l’impasto e poi il resto.”

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola la pizza margherita
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro il forno e la pizza

È la filosofia del pizzaiuolo ereditata dal secolo scorso e pure dall’altro quando, proprio nel 1800, in tutta Napoli si diffondeva e si alimentava grazie a Pietro Colicchio, il Pizzaiuolo di Palazzo Reale, il più amato da Re Ferdinando, il mito del più popolare cibo di strada, l’alterativa al Ddoje allattante o al Tre Garibbarde, cioè il piatto di maccheroni condito soltanto con cacio e pepe oppure con un mestolo di salsa di pomodoro lasciata struggere a fuoco lento nei grandi pentoloni senza grasso alcuno, soltanto con il sale.
E come si faceva l’impasto della pizza in quel tempo?

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro al bancone

 

Con i panetti avanzati nel giorno precedente, lasciati crescere oltre misura a temperatura ambiente.
Non si trattava di un vero e proprio lievito madre, che invece come si sa si rigenera ogni notte.
Siamo in presenza della semplice pasta di riporto, una sorta di criscito che ogni volta avviava in modo diverso la lievitazione. Il bel tempo, il caldo, il freddo, l’umidità facevano il resto.
Raffaele Condurro, in piena epoca scandita dalla tecnologia applicata fin dentro la madia lavora ancora così.

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro

Niente temperature controllate (quello che basta si fa e tutto finisce in giornata), niente milligrammi di saccaromiceti: un po’ di criscito, sciore di grano, acqua, sale, l’occhio, la mano e via.
Poi viene quello che ci deve andare sopra: il pomodoro San Marzano, l’origano, l’aglio novello quando c’è e l’olio per la semplice Marinara;

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola la marinara

il fiordilatte di Agerola, il parmigiano e il basilico per sua Maestà la Margherita.

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola la pizza margherita
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola la margherita
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola la margherita

Il risultato è quello di una superba pizza d’antan che bisogna assaggiare necessariamente per capire quale sia stato il vero gusto dei napoletani per l’intero arco di due secoli, prima cioè che l’avvento dei blend di farine speciali insieme alle idratazioni spinte ci portasse ad gustare oggi il meglio delle cosiddette pizze gourmet, quelle cioè che, soltanto per citare i primi di una ipotetica classifica, sono capaci di sfornare artisti del calibro di Enzo Coccia, i tre fratelli Salvo, Gino Sorbillo o Gugliemo Vuolo.
E poi i fritti di Iola. Una goduria per la fattura tutta popolare e la frittura bionda bionda dorata che più bella non puoi trovare.

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola i fritti pronti per la padella
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola per i fritti
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola la frittata di maccheroni
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola l’arancino
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola la mozzarella indorata fritta
Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele Raffele Condurro e la moglie Iola la ricotta indorata fritta

Sapori d’altri tempi, insomma; la protostoria della Verace Pizza Napoletana che, eterna, sopravvive e fa diventare più che mai attuale proprio lo scambio di battute di Julia Roberts con la sua compagna di pizziata in quel film: “A Napoli è un imperativo morale mangiare e goderti una pizza!”

Pizzeria a’ddo figlio ‘e Michele

7 commenti

  • Fabrizio Scarpato

    (3 luglio 2014 - 10:27)

    Bellissimo. Con una sensazione sottile del tempo che fugge: le foto, a Maronna, una margherita a 3 euro e mezzo, Cavani e Lavezzi, i gesti, le mani. Poi tutto si cortocircuita in Don Raffaele Condurro che guarda il Lotto sul plasma: e ti rallegri ( t’arrecrei?)

  • MassimoP

    (3 luglio 2014 - 12:12)

    Lavoro nei dintorni, Via Don Bosco e ci sono andato spesso… vi dico che non solo è buona ma anche a “rrota di carretto”.

    e lo so, sono un ingordo. :)

  • Gennarone

    (3 luglio 2014 - 14:24)

    Bella segnalazione, grazie

  • gix

    (3 luglio 2014 - 15:08)

    …bellissimo pezzo e grazie per la segnalazione…ho vergogna nel dirlo, ma piu passa il tempo e piu mi rendo conto di conoscere veramente poco….

  • Andrea

    (3 luglio 2014 - 17:42)

    Bellissimo articolo, Luciano!
    questo è uno dei migliori spot di Napoli.. gente onesta laboriosa e che si è dedicata una vita alla propria passione e che grazie alla bravura e al sostegno di familiari e collaboratori è diventato il modello di fast food vincente da esportare in tutto il mondo.. la pizza napoletana.

    Al prossimo giro andrò a visitare questa pizzeria, è proprio una pizza da Michele, senza tutta quella folla (o almeno spero).

    Vedendo le immagini sembra che il tempo si sia fermato e che vi sia proprio una sensazione di buono a vedere quelle foto, mi piace assai. Complimenti ancora!! bel colpo.

  • Paciello rosa

    (3 luglio 2014 - 17:45)

    E’ semplicemente tutto spettacolare!!!!

  • francesco salvo

    (3 luglio 2014 - 23:11)

    ho letto l’articolo affascinato. ringrazio tommaso per la piacevole citazione. ricordo anche io (anni 80) in epoca relativamente recente, che mio padre, nel fare il suo impasto quotidiano, non usava alcuno strumento (TERMOMETRI E/O BILANCE ECC). tutto affidato alla sua sensibilità manuale

I commenti sono chiusi.