Il Fisco e i ristoratori: un esempio di ordinaria burocrazia peggio della crisi

Letture: 132

Ieri durante uno scambio di auguri un piccolo esempio di come non funzionano le cose nell’Italia governata dalla burocrazia.
Tutto bene?
“Si ma da gennaio licenzio tutti e staremo aperti solo dal giovedì”.
Perché dopo dieci anni questa scelta?
“Ho avuto una verifica fiscale basata sui famosi studi di settore e mi hanno contestato il fatto che dal lunedì al mercoledì facevo zero coperti. Per loro non fa differenza che lavoro in campagna e non nel centro di Milano. Mi hanno fatto una multa di 9000 euro contro la quale non posso difendermi”
Un prelievo forzoso, insomma
“Si, allora ho  chiamato i miei dipendenti e ho detto loro: ragazzi dal primo gennaio cambiamo rapporto di lavoro, mi dispiace, non siete più a tempo pieno e indeterminato ma l’alternativa è chiudere”.
Magari il comune piazza pure un bell’autovelox per spolpare i tuoi clienti costretti a venire in auto abbassando a sorpresa il limite di velocità a 30 all’ora dietro una curva.
“Come no, altrimenti chi li paga gli stipendi dei dipendenti?

Insomma, che tutti debbano pagare le tasse è fuori discussione.
Che ormai ci sia un impazzimento burocratico è altrettanto evidente. Quando nessuno pagherà, anche il personale delle Esattorie e di Equitalia che ha passato il proprio tempo a taglieggiare il mondo produttivo italiano sarà costretto ad andare a casa.
E saremo tutti più contenti.
Del resto il patròn di un ristorante stellato, all’ennesima verifica fiscale chiese: “ma perché venite sempre da me?”
“Perché sei famoso e se ti becchiamo usciamo sui giornali. Senti il mio consiglio, mettiti a fare spaghetti al pesto e vivrai tranquillo.”

4 commenti

  • Carmine

    (26 dicembre 2013 - 10:17)

    E’ una vergogna. Le tasse si pagano certo, ma ci vuole equilibrio. Meglio mille piccole imprese che 10 grandi, quando gli “amministratori” seri saranno capaci di comprendere questo ( ma é anche una questione di sovranità fiscale e monetaria perduta), allora gli imprenditori ricominceranno a riguadagnare i soldi che meritano di guadagnare a fronte delle giuste tasse da pagare ed i diendenti di tali imprenditori ricominceranno ad avere il giusto potere d’acquisto. E’ l’economia reale, l’a b c dell’attività economica “normale”.

  • mauro

    (26 dicembre 2013 - 12:39)

    La cosa più vergognosa è che se non hai da pagare l’avvocato e dimostrare che non hai evaso niente, non ti resta che pagare il pizzo (questa è mafia dello stato) poi devi sapere che se ti multano di 9000 euro non ti conviene difenderti ti costa di più di avvocato e anche se per principio metti la pratica in mano al legale e vinci le spese non te le rimborsano……vergogna vergogna vergogna…. e comunque se paghi il ” pizzo” risulti un evasore……ma dove……vergogna !!!!

  • gp

    (29 dicembre 2013 - 09:17)

    è l’europa che ce lo chiede… di fallire!

  • alina

    (29 dicembre 2013 - 22:35)

    Una cosa è certa: se l’Italia facesse default, tutti questi parassiti non avrebbero più lo stipendio.

I commenti sono chiusi.