Incomincia la stagione del maiale alla Pignata di Bracigliano

Letture: 224
La Pignata, soffritto
La Pignata, il soffritto

di Nunzia Gargano

Le temperature si abbassano e c’è voglia di pasti che riscaldino il cuore e il palato. E così il pensiero corre a Mafalda Amabile e Gerardo Figliolia, inimitabili animatori dell’Osteria “La Pignata” in Bracigliano. Eh, già perché tra dicembre e gennaio, c’è la macellazione dei maiali di famiglia che poi diventano protagonisti delle degustazioni a tema.

Qui la filosofia del km 0 è nata prima che diventasse una moda! Dal giorno dell’apertura del locale in via D’Amato, la maggior parte degli ingredienti è reperita direttamente dall’orto di famiglia. D’altronde, Bracigliano è un paese noto ovunque per la propria operosità. Durante la stagione delle castagne, del maiale e delle ciliege tutti si fermano per partecipare al rito, al di là della propria principale occupazione lavorativa.

Il maiale declinato secondo le interpretazioni di Mafalda e Patrizia, la sorella, è ormai apprezzato ovunque. Lo confermano i sold out riscossi nelle serate organizzate.

In questo caso, la stagione si è aperta nel mese scorso, il 15 e il 17 dicembre. I più attenti, infatti, sono riusciti già a commettere il peccato di gola.

Vale sempre la pena partecipare a quest’avventura culinaria, a incominciare dall’accoglienza che i padroni di casa riservano ai propri ospiti.

Una passeggiata da loro, anche se le temperature sono basse, è sempre una serata in famiglia.

Quando poi si dà il via alla sfilata di golosità, si diventa ancora più convinti della scelta effettuata.

L’antipasto è ricco e gustoso. Ogni anno si aggiunge qualche tassello. Oltre alla pancetta, alla soppressata e al capicollo rigorosamente fatti in casa dai genitori di Mafalda, cultori e detentori delle tradizioni del posto, ci sono il soffritto su biscotto di pane dello storico “Biscottificio Calabrese”, la ricottina accompagnata dalle proprie marmellate, le melanzane sott’olio, le frittelle, la frittata di cipolla, la minestra maritata, il mitico mallone.

La Pignata, insaccati
La Pignata, insaccati

 

La Pignata, minestra maritata
La Pignata, minestra maritata

 

La Pignata, mallone
La Pignata, mallone

Arriva il primo, preparato come tradizione detta: fusilli fatti in casa con cotica e carne di maiale.

La Pignata, fusilli
La Pignata, fusilli

Si raggiunge l’apoteosi con la carrellata di secondi: lo sfritto di maiale con patate e papaccelle; il cuore e il fegato con le cipolle.

La Pignata, sfritto di maiale
La Pignata, sfritto di maiale

 

La Pignata, cuore di maiale
La Pignata, cuore di maiale

 

La Pignata, fegato con cipolle
La Pignata, fegato con cipolle

Anche il dolce è nel nome della tradizione: torta di gallette.

La Pignata, torta di gallette
La Pignata, torta di gallette

Azzeccata anche la scelta del vino: il rosso di Cantine Barone.

La Pignata, il rosso di Cantine Barone
La Pignata, il rosso di Cantine Barone

Dopo una serata del genere, si torna a casa soddisfatti, non soltanto per la lauta cena, ma per lo spirito di questa coppia che guarda ancora al futuro con l’entusiasmo degli adolescenti.

 

Prossimi appuntamenti: 11, 12, 18 e 19 gennaio 2016

Per info e prenotazioni

Osteria “La Pignata”, via F. D’Amato 58 – Bracigliano

Tel. 081969580

 

Foto di Mariano Lauro