La Forastera 2012 di Pietratorcia, cuore di Forio

Letture: 105

Inconfondibile terra di fumarole, termale, vulcanica. Unicità del tufo verde, bellezza e storia e poi le viti. Incastonate su stretti terrazzamenti, strappate ad alti dirupi e mosse dal soffio costante del mare che tutto abbraccia e lambisce. La grandezza di certe bottiglie sta nella terra e negli uomini che lì hanno le loro radici. La grandezza di certe bottiglie è che riescono ad essere esperienza di luogo e storia.

Uno sguardo sul porto dell’incantevole Forio d’Ischia.

Sono così i vini di Pietratorcia, nome e cuore del vino dell’isola d’Ischia, dalla vocata Forio. Certo è che nell’annata 2012 i due bianchi di punta, Tenuta Chignole o Tenuta del Cuotto, provenienti da due vigne emozionanti ed incantevoli, hanno veramente regalato delle grandi soddisfazioni. Vigna Chignole, là su, abbarbicata sul monte Epomeo ed i suoi piccoli terrazzamenti da scalare solo con la monorotaia e poi , attorno alla cantina le vigne del Cuotto: da qui con lo sguardo arrivi al mare percorrendo il cuore di Forio.

Dalla bella cantina, uno sguardo sulle vigne del Cuotto.

Non scelgo però per la degustazione questi due bei bicchieri poiché reggono il tempo con vigore ed allora meglio attendere un po’ “per vedere di nascosto l’effetto che fa”. Eccola qui, invece, semplice semplice, nella sua bellezza ischitana la Forastera 2012.

Nello splendido bicchiere di Forastera, Pietratorcia.

E’ un sorso scattante e verticale, veloce e pulito quello di questa bella forastera. Dritto dritto sale con sentori di fiorellini di campo, erbette mediterranee , frutta a polpa bianca estiva e poi tutto coerente chiude con un soffio iodato ben definito ed una chiara sapidità. Di buona struttura si svela lungo nel finale. Non servono tante parole ma solo tanti bicchieri da tenere freschi sulla tavola di pesce, magari assaggiando qualche specialità proprio in azienda dove Vito Verde, gentil’uomo colto e appassionato, saprà introdurvi all’accoglienza isolana. Assieme alla famiglia Iacono, l’altra parte di Pietratorcia, non vi potete perdere questo incanto alla scoperta della storica cantina, del suo antico torchio, delle pergole profumate e della magia di questa terra che tutta, sempre, ritroverete in bottiglia.

Sara Marte

Pietratorcia è in via Provinciale Panza, 267, Forio (NA). Sito: www.pietratorcia.it . Telefono: 081908206. Email : info@pietratorcia.it  oppure pietratorcia@ischia.it Enologo:  Gino Iacono. Ettari:10. Bottiglie prodotte: 150.000. uve: forastera, biancolella, greco, fiano, uva rilla, viognier, malvasia di Candia, gewurztraminer, coglionara, san leonardo, aglianico, guarnaccia, piedirosso, syrah.