Le strade della mozzarella a Paestum, il motivo del successo? E’ una manifestazione politici free!

Letture: 101
Antonio Lucisano con Massimo Bottura e Enzo Vizzari

Potrebbe sembrare solo la voglia di cavalcare l’antipolitica ma non è così perché non c’è niente di più politico di una manifestazione senza politici di professione. E poi perché lo scriviamo da tempo.

Ricordo sei-sette anni fa, un pomeriggio assolato e caldo, con un nastro da tagliare e tutti fermi due ore perché non arrivava un presidente di provincia o giù di lì e le solite comparsate delle starlette televisive che con bei cachet pagati dai soldi pubblici sparavano qualche cazzata e andavano via.

Ieri sera si è chiusa una manifestazione da tempo pensata Poltici Free. Il tempo speso nelle sale di attesa delle segreterie e nelle sedi istituzionali è stato investito alla ricerca di sponsor privati e per creare un evento perfetto.

65 cuochi

30 laboratori

20 consorzi del Sud

67 food blogger con 100 ricette

22 aziende di vino

10 artigiani della birra

Tutti i direttori delle guide gastronomiche italiane

Zero politici

L’algoritmo di una manifestazione che serve al prodotto è questo. Provate ad applicarlo, all’inizio sembrerà difficile, poi vi accorgerete che è facile e avrete fatto il pieno di aria pulita.

Tutto questo perché? Lo abbiamo scritto in altre occasioni: il mercato dei prodotti  italiani e dell’enogastronomia è globale, quello dei politici è locale.
E le due esigenze non possono convivere, molto semplice.

I criteri della spesa pubblica in questo campo sono: accontentare tutti, far ingrassare studi grafici e tipografie, piazzare come uffici stampa corrispondenti locali e pagare (ora con ritardo) qualche debito elettorale. Tutto queste non serve a chi lavora nel food e nel vino. In poche parole politici e amministratori locali non sono in grado di rappresentare le esigenze e i bisogni dell’Italia che produce e funziona.

Potremmo parlare di che fine hanno fatto le innumerevoli iniziative figlie di una economia dopata, cioé pagata con le nostre tasse, e annunciate in pompa magna come la manifestazione del secolo anche se si trattava dei cetrioli di Valmontone.

Ma è inutile maramaldeggiare: sono finite tutte.

Il successo va solo a chi ha il coraggio di andare avanto con le proprie forze come hanno fatto Barbara Guerra e Albert Sapere grazie al sostegno del Consorzio della Mozzarella.

Ai politici e agli amministratori chiediamo solo: tenete le strade pulite, assicurate i trasporti pubblici ed evitate di opprimere gli imprenditori e cittadini con le vostre tasse e gabelle stradali che ci riempono solo le cassette della posta con le cartelle Equitalia.

Grazie

 

Un commento

  • donatella

    (9 maggio 2013 - 09:04)

    amen

I commenti sono chiusi.