Macelleria Donnarumma, le buoni carni a Pontecagnano

Letture: 559
Gege e Alfonso
Gege e Alfonso

di Marco Contursi

Ci sono Macellai che fanno loro i salumi e altri che spacciano per propri quelli di alcune industrie campane e lucane che escono sul mercato a prezzi davvero bassi. Spesso ingannando anche chi scrive di questi argomenti poiché a meno di essere un profondo conoscitore della materia, è facile confondersi e prestare fede a quello che ti viene spacciato per un proprio prodotto artigianale.

Macelleria Donnarumma
Macelleria Donnarumma

Alfonso e Gegè Donnarumma appartengono alla prima categoria e gran parte di quello che troverete nel banco salumi di questa fornitissima macelleria di Pontecagnano è fatto da loro: pancette, salami, cotechini, capicolli. D’altronde la loro è una tradizione macellaia che affonda le radici nel lontano 1863 quando,  il 15 Aprile, il Consiglio di Cagnano esamina ed approva «la dimanda di  vendere al minuto» presentata da Carmine Donnarumma. E’ comunque nel 1890 che trova la sua vera nascita la Beccheria Donnarumma, fondata da Alfonso Donnarumma che, con passione, si dedicava alla commercializzazione di bestiame. Per la bontà dei capi macellati e la riconosciuta abilità e maestria di tagliatori di filetti e bistecche, la “chianca” (ovvero la beccheria) Donnarumma, presente sul Corso, faceva i suoi buoni affari anche coi forestieri che si fermavano a Pontecagnano per brevi soste. ( tratto dal libro Durantes Vincunt del dott.. Pellegrino che parla della storia di pontecagnano faiano).

Uno degli allevamenti
Uno degli allevamenti

A gestirla oggi ci sono il sign. Alfonso e la moglie Anna, con il figlio Gegè che appassionato di salumi ha seguito numerosi corsi sulla materia.

O mast
O mast’

Il banco macelleria è molto fornito sia di tagli anatomici classici che di preparazioni sempre a base di carne quali involtini, polpette, peperonate, impanati, che velocizzano il lavoro delle massaie in cucina.

Banco carni
Banco carni

Alfonso va personalmente a scegliere i capi da macellare direttamente nelle stalle dell’alto beneventano e del Cilento.

Costoletta seria
Costoletta seria

Questa ricerca viene fatta sia per i bovini che per i suini, scegliendo animali sani e con una buon rapporto grasso-magro indispensabile per avere una carne saporita e che non si asciughi in cottura. Una ricerca della materia prima migliore che non tutti fanno perché presuppone tempo e competenza.

Pancette a stagionare
Pancette a stagionare

I salumi sono molto buoni, alcuni come il capicollo stagionato oltre 1 anno ha messo in fila omologhi ben più conosciuti in una degustazione in Puglia, risultando il primo per bontà e stagionatura perfetta. Ottima pure la pancetta ancorchè qualche volta penalizzata da un pizzico di sale in più ma ,si sa, quando il sale è l unico conservante che metti è normale che sia un po’ più sapido il prodotto finale. Il segreto è usare animali pesanti, dalla carne matura e ricca di sapore e non avere fretta di far uscire il prodotto, consentendo alla lunga stagionatura di conferirgli profumi intensi ed eleganti. Da provare pure i salami e le salsicce secche, e nel periodo natalizio il salsiccione, insaccato povero e gustoso che va ad arricchire zuppe e ragù, uno dei migliori provati. Completano l’offerta della Macelleria una buona selezione di vini e di prodotti di eccellenza (pasta, sughi, conserve, biscotti ecc..). Per un buon barbecue estivo, un indirizzo da annotare, magari andando un paio di giorni prima del giorno dedicato ad arrostire per mettere Alfonso e Gegè nella condizioni migliori per accontentarvi al meglio .

Macelleria Donnarumma
via Sicilia 18 Pontecagnano Faiano tel 089382272
aperto dal lun al Sabato 07:30 – 14:00. 16:30-20:30 giovedì pomeriggio chiuso
www.macelleriadonnarumma.it

 

5 commenti

  • generoso

    (5 luglio 2016 - 23:19)

    Ringraziamo il dott. Pignataro per questa possibilità e la invitiamo a venirci a trovare per farle provare le nostre carni e i nostri salumi tra cui il capicollo che in Puglia ebbe cosi successo.
    Con stima
    Generoso Donnarumma

  • Marcello

    (6 luglio 2016 - 12:06)

    Ringraziate Marco Contursi che vi ha segnalato, Pignataro, com’e’ ovvio, va a fiducia e riporta…

  • marco contursi

    (6 luglio 2016 - 17:57)

    Invece no, fanno benissimo a ringraziare Luciano a cui va il grande merito di aver creato un blog seguitissimo ma soprattutto di sapersi scegliere i collaboratori ;-)))))))))). Io sono troppo pigro ed incapace con la tecnologia, solo per pensarlo un blog così interessante, però mi piace scoprire nuovi artigiani del food. Sai cosa ho capito in tanti anni di militanza sul campo? che solitamente chi produce bene è pure una bella persona…..detto ciò, questa macelleria merita, a Natale fanno un salsiccione…..per non parlare del capicollo di oltre 1 anno, che mesi fa mise in fila nomi blasonatissimi……ma questa è un’altra storia…..

  • Marcello

    (7 luglio 2016 - 10:11)

    Carissimo Marco i meriti sono d’entrambi per carita’, ma la ricerca sul campo, come tu ben sai, necessita di energie nervose e fisiche non indifferenti visto che ahime’ viviamo in un’era dove la mediocrita’della materia prima, per usare un eufemismo, e la frode la fanno da padrone….I meriti del Pigna li hai gia’ elencati tu, piu’ tecnologici, e non son certo da meno…

  • Marco Contursi

    (7 luglio 2016 - 12:03)

    Caro Marcello sante parole su mediocrità imperante nel food…non è facile scovare buoni produttori….ma la forza del blog è proprio avere collaboratori dalle competenze diversificate….Luciano su vini e ristoranti stellati è imbattibile,io sono competente su osterie e salumifici,Andrea su birrifici,Tommaso su pizzerie,Enrico su vini e prodotti tipici ecc….

I commenti sono chiusi.