Metodo Classico Rosé Costaripa e la magia di Mattia Vezzola

Letture: 491
Costa Ripa

Uve: chardonnay (80%) e pinot nero
Fermentazione e maturazione: metodo classico

Quest’anno ci siamo occupati molto di Franciacorta e continueremo a farlo. Il motivo è semplice: sia il Consorzio sia alcune aziende leader come Contadi Castaldi stanno investendo molto sulla gastronomia partenopea e campana che, per le sue caratteristiche, non è mai stata così moderna.
Dunque per questo si adatta alle bollicine, sulla pizza, certo. Ma anche sulla stile inimitabile della penisola Sorrentina. Questa settimana restiamo al Nord e vi proponiamo le bollicine rosè, il nostro vero debole, di Costaripa, l’azienda di famiglia di Mattia Vezzola: un enologo forse poco mediatico ma molto conosciuto e rispettato nel mondo del vino, artefice come pochi della rivoluzione franciacortina degli ultimi anni.
Questo rosato, goduto in un pranzo alla Caravella di Amalfi, è ottenyuto da uve Chardonnay 80% e Pinot Nero 20% con spremitura comunque molto soffice del Pinot Nero (vinificato in parte in rosa e in parte in rosso) provenienti dalle zone calcareo-argillose più vocate del Garda e della Franciacorta, il 35% dei mosti fermenta in piccoli fusti di rovere bianco. Viene prodotto ormai da 41 anni.
Il risultato è all’insegna della eleganza e della finezza, un rosato pensato per i crudi di mare ma anche per alcune preparazioni appena un po’ più robuste e pesci più strutturati come tonno e palamita, o, ancora, sui crostacei.
L’azienda è stata fondata nel 1936 in terra di Chiaretto, dove il vitigno principale è il groppello di cui viene proposta una versioen godibile e raffinata, decisamente moderna. Mattia Vezzola dopo i suoi spumanti Metodo Classico reinterpreta il chiaretto con RosaMara, il rosè che dà nuovo colore alla produzione vino della Valtenesi: fresco come un bianco ma con un poco della struttura tipica dei rossi.
Si tratta di uno stile andato un po’ fuori moda ma che adesso, proprio grazie alla leggerezza e alla bevibilità di bianchi, rossi, e rosati tipici dell’areale e che adesso stanno tornando in grande spolvero perché offrono grande qualità a prezzi per tutte le tasche.

www.costaripa.it