Milano, Breakfast d’autore con Moreno Cedroni. Il Clandestino nella Maison Moschino

Letture: 104
Maison Moschino, la colazione di Moreno Cedroni

Viale Monte Grappa, 12b
02 29009858
Il sito internet del’Hotel Maison Moschino

Più che mettere piede nella Maison Moschino – che invece era il principale motivo di interesse per Alessia (lei) – non vedevo l’ora (io) di lasciarmi coccolare dalle creazioni di Moreno Cedroni (lui) al quale la celebre casa di moda si è affidata per guidare il “Clandestino”, il ristorante del fashion hotel di Milano che ha aperto i battenti a fine febbraio.

Raccolto al volo l’invito fatto dallo chef bi-stellato in persona sulle pagine meneghine del Corriere del 25 febbraio scorso («mi auguro che i milanesi, che vanno di fretta e sono soliti trangugiare cappuccino e brioche al bar, possano trovare almeno mezz’ora, per un inizio di giornata in relax, alla Maison Moschino»), decido di fare una bella sorpresa alla mia metà.

6 marzo, un sabato mattina senza lavoro. Arrivo alle 09.45 (la colazione viene servita fino alle 10.30, non occorre prenotazione). Una sbirciatina all’ingresso della Maison e poi dritti dritti verso il ristorante, occhio e croce venticinque coperti. L’arredamento è minimalista, le uniche eccentricità sono le sedie, metà delle quali sono tappezzate con abiti neri e verdi in perfetto Moschino-style (questa è di Alessia) e il grembiule colorato dello chef che opera laborioso in cucina (questa è mia).

Il maitre ci da’ il benvenuto e ci porge, gentile, i menù. Non più di un’occhiata, in fin dei conti siamo lì per il Mosc-Kit, la nuova proposta/sorpresa dolce/salato per la colazione. È disponibile in tre sizes: small, medium e large, rispettivamente 16, 20 e 24 euri. Io scelgo il large (tanto pago io…), Alessia il medium. Otto portate il mio, sei l’altro, centrifugato incluso. Per me una classica spremuta d’arancia; un centrifugato di mela, kiwi e zenzero l’opzione di Alessia che evidenzia una volta di più, lo ammetto, la sua indiscussa superiorità nella scelta delle cose più buone/belle/divertenti/innovative/originali.

Moreno Cedroni

Il tutto in due scatole color bianco latte, come quelle da scarpe per intenderci; accompagnate da altrettante scatoline con i croissants alla marmellata, le brioches e i grissini salati. Per la cronaca, nella mia trovo – disposti su due file (da sx a dx nella foto): due fiocchetti di burro; una macedonia di fragole, kiwi, ananas e mirtilli; una macedonia di piccoli frutti rossi e neri con panna e marmellatina di fragole e menta; un tortino panna e cioccolato; una pallina di ricotta di bufala con confettura di prugna, timo e menta; una mozzarella di bufala campana DOP con marmellatina di pompelmo rosa; una frittatina di uova, pomodoro e alici. In quella di Alessia c’è la mozzarella di bufala ma non la ricottina che è rimpiazzata (si fa per dire…) dal piccolo panino con jamón serrano. E non c’è la frittatina di alici.

Grande! Lode all’idea, molto slow. Bacio accademico alle creazioni, tutte very good! Inusuale, almeno per me, ma straordinario l’accostamento della mozzarella di bufala con la marmellatina di pompelmo. Medaglia d’argento all’intenso contrasto della ricottina con la marmellatina di prugna, timo e menta; bronzo alla calda fragranza delle brioches dolci e salate. Un po’ sottotono il servizio, non attentissimo nella presentazione delle portate per uno che poi spende in tutto 44 euro o euri, caffè e cappuccino compresi. Vale a dire, 3 settimane a fare la solita colazione al bar, cappuccino e croissant scongelati. Una volta ogni tanto si può fare, magari più spesso d’estate quando sarà aperta anche la veranda!

Alessandro Marra

3 commenti

  • giancarlo maffi

    (10 aprile 2010 - 10:10)

    e bravvo cedroni. alla faccia di chi dice che non ci sono caffe’ – bar in italia. credo che li’ non ci siano nemmeno problemi con il wi-fi.

    se mi posso permettere una battuta non capisco lo stupore per gli accostamenti con la mozzarella di bufala. io sono secoli che la accosto a qualsiasi cosa. tartufi e caviale compreso.

    perfino le mie galline la mangiano , dando origine alle ormai mitiche UOVA DI MAFFI( ahh l’autocelebrazione che libidine…).

    comunque la prossima volta che vado a senigallia devo trovare il modo di andare anche da cedroni, non solo da uliassi, per correttezza istituzionale.

    • Alessandro Marra

      (10 aprile 2010 - 21:02)

      Ciao Giancarlo!
      In effetti sulla mozzarella di bufala sono sempre stato molto molto troppo tradizionalista: da sola o alla caprese…
      Ammetto, però, che l’accostamento mi è piaciuto e non poco… potrei rivedere la mia posizione! ;-)
      No wi-fi!

  • fabrizio scarpato

    (11 aprile 2010 - 19:43)

    Lasciando da parte le capacità culinarie, Cedroni è un genio del packaging, nella presentazione delle cose da mangiare, soprattutto nelle sue sedi satellite, dove c’è un approccio molto informale e un evidente invito a toccare il cibo e a mangiarlo con le mani. Una provocazione, ti faccio un panino e te lo metto in una boite firmata in caratteri dorati, seconda al solo Scabin della “Piola” o dell'”Ham Book”, così come i cartocci di salumi ittici timbrati dell’Anikò che riscaldano e divertono, socializzano e sconfusionano allegramente una tavola. Questa voglia di giocare di Cedroni mi piace e conservo le sue scatolotte firmate come porta oggetti ;-)
    P.s. In questo caso, però, il giochino costicchiuccia qualcosina di troppo. Ah Milàn, Milàn….

I commenti sono chiusi.