Napoli, Il ristorantino dell'avvocato a Santa Lucia

Letture: 667
Il ristorantino dell'avvocato, la sala

Via Santa Lucia, 115-117
www.ilristorantinodell'avvocato.it
Tel.338.4402978 e 081.0320047
Sempre aperto
Chiuso domenica sera e lunedì sera

La laurea in legge c'è, ma sono ormai dieci anni che Raffaele Cardillo armeggia dietro i fornelli decidendo di abbandonare il mestiere nel quale si è bravi se si fa male al prossimo a quello dove bisogna farlo stare bene.

I Cardillo's, Father &Son

Decisamente una buona scelta, dal Castagno sui Camaldoli a Santa Lucia, il quartiere più antico di Napoli.

Il ristorantino dell'avvocato, il pane e i grissini

Cambiare quartiere a Napoli è un po' come viaggiare da un continente all'altro tanta è la storia e la sedimentazione antropologica. E' per questo motivo che spesso la gastronomia napoletana assume toni e modi presepiali in cui il personaggio deve essere ben inserito nel contesto in cui opera.
Vantaggi e svantaggi questa condizione, però il calore umano e il rapporto personale in questi luoghi è importantissimo ed il primo segnale per capire se una cosa funziona è vedere se è stato adottato dai napoletani.

Il ristorantino dell'avvocato, antipasto di mare con capuccino di seppia

Il Ristorantino dell'avvocato lo è certamente grazie ad una formula easy a pranzo da cui si esce con un antipasto abbondante a 15 euro, per una moderata rivisitazione della tradizione che usa sempre la buona materia prima dell'orto e del mare come trampolino di lancio.

Il ristorantino dell'avvocato, simmenthal a modo mio

Non mancano buone idee che giocano con la memoria delle prime tracce della vittoria dell'industria sull'artigianato alimentare, come appunto, Simmenthal a modo mio, un antipasto abbonandante senza se e senza ma.

Il ristorantino dell'avvocato, gnocchetti al profumo di mare con pistacchi e limone

La novità è comunque l'aggiornamento nelle tecniche, un buon rapporto con Paolo Barrale che ormai è diventato un solido punto di riferimento per tanti giovani impegnati nei fornelli campani.

Il ristorantino dell'avvocato, Genovese

Le paste, un po' da ansia di prestazione la presentazione della Genovese, ci sono piaciute davvero molto: sapori centrati, napoletani, nessuna stranezza.

Il ristorantino dell'avvocato, spaghettoni al pesto napoletano

Il pesto è ottenuto dai peperoncini verdi.

Il ristorantino dell'avvocato, trancio di merluzzo

Abbondanti e di materia i due secondi di pesce, il fresco merluzzo che resta una grande carne nonostante l'idiosincrasia generazionale maturata con l'obbligo di mangiarlo ogni giorno da piccoli.

Il ristorantino dell'avvocato, il baccalà nelle sue tre varianti

Bello poi il baccalà nelle sue varianti. Un cibo importante a Napoli dopo, può sembrare strano, l'approvvigionamento di pesce fresco è sempre stato un problema per via delle dimensioni della popolazione, già a quota 400.000 abitanti nel '700.

Il ristorantino dell'Avvocato, pre dessert sorbetto all'anguria

Dolci precisi, di buona scuola, chiudono il pranzo.

Il ristorantino dell'Avvocato, il dolce di cioccolato

Insomma, un riferimento importante a Santa Lucia dove in pochi metri abbiamo due pizzerie tradizionali come Ettore e Marino e La Caravella.

Il ristorantino dell'avvocato, il cioccolato di Modica e i cantuccini
Il ristorantino dell'avvocato, l'ingresso.

Buona la carta dei vini, dove la Campania è profonda e ampia. Peccato che si cominci con un banale e scontato Prosecco: in una regione dove ormai si producono un milione e mezzo di bottiglie di bollicine da vitigni autoctono uno sforzo in più andrebbe fatto anche in questa direzione.

3 commenti

  • Sergio Cima

    (3 agosto 2013 - 17:28)

    Il prosecco è figlio di una terra operosa e di una tradizione piena di onore, e quando è “banale” è solo colpa di chi lo sceglie, in questo caso immagino il ristoratore. Un vino perfetto per ogni tipo di “cominciamento”, in ogni caso. Del resto, proprio in questi giorni, in un noto e rinomato bar del Vomero ho dovuto rinunciare a Fiano, Asprinio, Forastera – questi i nomi che ho contrattato col cameriere – semplicemente perché non ce li avevano, ma di prosecco – buono e meno buono – erano pronti a sommergermi. Ho cambiato bar e mi sono fermato quando ho trovato un Coda di Volpe…

    • Luciano Pignataro

      (3 agosto 2013 - 17:31)

      Certamente Sergio.
      Il concetto che volevo esprimere non è certo escludere il Prosecco, ma avere in carta spumantini campani di eguale valore, quello ci vuole. Deve scegliere la curiosità del cliente, non la pigrizia del ristoratore

  • Barbara

    (9 settembre 2013 - 19:02)

    Prosecco di falaghina? Il nome non mi torna…

    Cmq d’accordo con il racconto, e i prezzi sono buoni, se è giusto quanto letto qui. http://www.opensociety.it/it/openrestaurants/ristorante-il-ristorantino-dellavvocato-napoli/

I commenti sono chiusi.