Napoli, Pizzeria Trattoria Cilea: piccolo è buonissimo al Vomero

Letture: 566
il pizzaiolo Raffaele Nocerino (foto:monicapiscitelli)

di Monica Piscitelli

La pizza, a Napoli, è il ritratto della città e dei suoi quartieri. Alle grosse, sformate e, a volte “sguaiate” pizze delle zone popolari, fanno da contraltare quelle piccole, rotonde e gentili dei quartieri collinari.

Sebbene nel capoluogo campano sia possibile “tutto e il contrario di tutto”, e sebbene alla regola generale, ovviamente, sfuggano alcuni esercizi, il luogo comune che vuole  che la pizza del Vomero rientri nel secondo gruppo è, tutto sommato, corrispondente a verità.


via Cilea, l'ingresso della pizzeria foto:mp

Infatti, mentre i frequentatori del quartiere o gli amanti della pizza piccola, sostengono sia più compatta e leggera, “gli affamati di pizza” arrivano ad evitare il Vomero quando c’è da “farsene una ”  e si lamentano vivacemente delle sue ridotte dimensioni. Con buona pace di chi sceglie semplicemente in base alla qualità, più che in base alla quantità.

un dettaglio della vetrina della Trattoria Cilea fotomonicapiscitelli

Per chi riesce a ricomporre la frattura insanabile fra dimensione e gusto, giusto ai piedi del ponte di via Cilea,  c’è uno dei baluardi della pizza vomerese: la pizzeria trattoria Cilea, nata nel febbraio del 1955 quando il Vomero era un’area residenziale con pochi fabbricati e ancor meno locali. All’epoca, ricorda Raffaele Nocerino che la porta avanti, di fronte alla sua porta c’era il vuoto assoluto e a fargli compagnia c’erano solo la Cantina Sica, la Pizzeria Vittoria, la Pizzeria Ragno d’Oro ed, ovviamente, la ben più antica pizzeria Gorizia.

A dare inizio alla tradizione di famiglia nell’Arte, Immacolata De Concilio, mamma di Raffaele. La signora, per mantenere i suoi tredici figli (dopo la guerra rimasti in cinque), faceva la pizza “ogge a otto” (la pizza a credito che si pagava la settimana successiva)nei pressi dell’Istituto Universitario Orientale, nel centro storico.

Raffaele Nocerino al lavoro al banco (foto monicapiscitelli)

Dopo averlo rilevato, con tanto di debiti pregressi, Raffaele, con i fratelli Ciro (il pizzaiolo di casa, morto in giovane età) ed Enzo (ritiratosi una quindicina di anni fa), ha reso il locale un piccolo gioiellino, nella zona, ben noto a tutti; un gioiellino di incantevole semplicità, e raccolto come pochi altri, nel quale lavora con i figli Luigi, Carmine, Ciro e Salvatore, oltre al nipote Marco Russo.

la scarola per il Calzone fotomonicapiscitelli

In una piccolissima sala che strizza l’occhio ai passanti da una vetrina zeppa di “ogni bene per golosi” (a seconda della stagione; zucchine “alla scapece”, parmigiana di melanzane, funghi trifolati, salsicce e “friarielli” e così via) ci sono sette tavoli, il bancone dove Raffaele impasta e forma le pizze dando sonori “schiaffoni” alla pasta, il forno  e la cucina dove il personale frigge e “spadella” gomito a gomito.

parmigiana di melanzane Pizzeria Cilea foto: monicapiscitelli

Così come è organizzato, il locale, è  tra le pizzerie più piccole della città; aspetto che, confessa Raffaele, ha rappresentato sempre il limite più importante alla sua crescita. Per lui che ogni sera, finito di far l’ultima pizza, lascia il locale in silenzio con una “mappatella” (fagotto) in mano, è stato un limite insormontabile, visti i costi dei fitti nella zona.

“Vede – mi racconta Raffaele – qui non è come ‘giù’ al centro dove la gente mangia la pizza a tutte le ore, sin dal mattino. Al Vomero, fino alle 13,00, non si vede nessuno. Poi,  nella pausa pranzo, da un momento all’altro, il locale si riempie fino all’inverosimile. E dobbiamo correre per riuscire a soddisfare velocemente tutte le richieste. Con un locale più grande lavoreremmo più serenamente”.

la Margherita in preparazione foto: m.p.

Eppure, se è vero che “nella botte piccola c’è il vino buono”,  la pizzeria dei Nocerino, per quanto microscopica, non è sfuggita alla attenzione dei napoletani e, come tale, da sempre, è presa d’assalto negli orari di punta e nel week end. “Non abbiamo una specialità, a parte questa nuova pizza dolce che ho ideato in collaborazione con questo laboratorio artigianale di cioccolato(ndr:  Piluc)” racconta Raffaele indicando un tabellone affisso alla parere. “Facciamo – continua – oltre quelle tradizionali, tutte le pizze che i nostri clienti desiderano. Ci mancherebbe altro!”. In questo modo il pizzaiolo, con l’aiuto dei figli, ha fronteggiato, negli anni,  ogni cambiamento nei gusti soddisfando generazioni  e generazioni di grandi e piccini.

pizza salsiccia e friarielli di Nocerino foto: monicapiscitelli

Chi visita questa pizzeria non potrà non attingere ai contorni (3 – 4 euro a porzione) e alle fritture. Particolarmente riusciti sono i fiori di zucca ripieni di ricotta e salame, oltre quelli semplici in pastella. Nella lista dei primi e dei secondi (tra i 5 e gli 8 euro) troverete certamente un piatto ben eseguito, e senza fronzoli, della tradizione mentre nella scelta della pizza – semplice e gustosa e sempre fedele a sé stessa – potrete sbizzarrirvi. Frittura, pizza e birra mediamente 11 euro.

Pizzeria Trattoria Cilea
Via Francesco Cilea, 43
tel:081.1932 1930
Aperta sempre.

5 commenti

  • giancarlo

    (3 novembre 2011 - 13:44)

    ne ho mangiate di pizze qui

  • Massimo D Alma

    (3 novembre 2011 - 13:48)

    Giorni fa raccontavo le meraviglie di questo micro locale ad un gruppo d’amici.
    Per anni ogni incontro di lavoro nella vicina Via Longo è stato “completato” da una visita alla trattoria Cilea.
    Bene, le foto mi aiuteranno a far capire meglio, anche se per capire bene bisogna andarci, assolutamente.

  • carmine

    (3 novembre 2011 - 15:46)

    e che poker ……!!!!!!!!

  • Carmine Piccolo

    (4 novembre 2011 - 00:22)

    Sono fiero di essere un fornitore della mitica Pizzeria Cilea con affetto Carmine Piccolo…

  • Monica Piscitelli

    (4 novembre 2011 - 12:01)

    E’ un locale amato e Raffaele e i suoi ragazzi sono dei gran lavoratori. m.p.

I commenti sono chiusi.