Napoli, Porta Capuana “ E’ pronto ‘o ‘mmangià”. La famiglia di Mattia Grossi, “ ‘O Luciano”, una tradizione centenaria: disordinato Tour low cost, tra porte, mura, osterie e voci ambulanti

Letture: 1358
da sx Mattia, Titta, Luigi e Antonio Grossi , quarta generazione di osti e purpaiuoli

Via Cesare Rosaroll 65
Tel. 081.0098834 – 339.3571092
Aperto a pranzo e cena h.10,00 – 23,00 non stop
Chiuso: lunedì
Ferie: 10 gg. In agosto
Bancomat, carte credito: no

di Giulia Cannada Bartoli

Ci troviamo nel cuore degli splendori della Napoli Aragonese. Nel 1484, Alfonso d’Aragona, (lo stesso al quale si attribuisce l’arrivo del vitigno catalanesca alle pendici del Monte Somma intorno al 1450)  diede il via ad una serie di opere di risistemazione della cinta muraria della città.

Si trattò di interventi maestosi di risistemazione e rinforzo, tanto che oggi possiamo ancora ammirare Porta del Carmine, Porta Capuana, Porta Nolana e l’imponente Maschio Angioino. Costruita nel 1484 su disegno di Giuliano da Maiano e giudicata una delle più belle del Rinascimento, Porta Capuana si erge solennemente tra due grandi torri cilindriche, Onore e Virtù. Attraverso un percorso tra Porte, mura e chiese tra le più belle di Napoli, arriveremo alla meta low cost proprio in Porta Capuana, accompagnati dalle “voci” antiche degli ambulanti.

Porta Capuana oggi con le torri Onore a destra e Virtù a sinistra

Porta Capuana, nella nuova murazione è quella immediatamente successiva a Porta Nolana,

Porta Nolana

dove si trova il famoso mercato popolare denominato “‘ncopp’e ‘mmura”. Nel 1488, quattro anni dopo l’inizio dei lavori, Porta Capuana fu posizionata dove si trova oggi, in Piazza San Francesco, di fronte alla sede della vecchia Pretura di Napoli, oggi abbandonata.

Porta Capuana 1900

La murazione Aragonese si concluse con il collegamento delle mura, dall’attuale via Foria, angolo via Rosaroll, alla Porta San Gennaro, la più antica porta della città di Napoli e unico punto di accesso per chi proveniva dalla parte settentrionale della città. Nel 1573,  la porta fu spostata nell’attuale collocazione, in via Foria, di fronte a piazza Cavour, inglobata nel complesso edilizio costruitole intorno. La nicchia con il quadro della Vergine, sotto la porta, è un ex-voto del 1887 per lo scampato colera del 1884.

Porta San Gennaro

Alle spalle di Porta Capuana, in Piazza Enrico de Nicola, sorge il magnifico Castel Capuano, ex sede del Tribunale di Napoli.

Castel Capuano

La storia e la vita degli abitanti del cuore di Napoli, sia, per ragioni di dominazioni, quindi anche di influenze culturali, sia per l’indole e la filosofia di vita proprie del napoletano verace, hanno sempre avuto anima e sembianze marcatamente teatrali. Esattamente gli aspetti che il Teatro del Grande Eduardo, figlio naturale di Scarpetta, ha portato alla ribalta  sulle scene in tutto il mondo.

Eduardo de Filippo, saggezza e ironia

Eduardo è nato a Napoli, e, dopo Pirandello, dal quale ha tratto sicuramente ispirazione, può essere senza dubbio, definito il più grande autore e commediografo italiano del novecento, attore – autore, ragionatore, filosofo, poeta e maestro di vita.

l'incontro con Pirandello

Eduardo nasce nel quartiere Chiaia nel 1900. A soli quattro anni è condotto per la prima volta su un palcoscenico. La  sua vita privata , frenetica e confusa nel periodo pre-bellico, trovò invece pace e serenità negli anni della vecchiaia. Tre sono state le donne importanti e straordinarie nella sua vita: Dorothy Pennington (una giovane e colta americana che sposò nel 1928, Thea Prandi (madre dei suoi figli Luisa e Luca, sposata il 2 gennaio 1956) e, infine, Isabella Quarantotti, scrittrice e sceneggiatrice che sposò nel 1977. Isabella, dopo la morte di Eduardo, pubblicò nel 2001 Si cucine cumme vogli’i , ambientato per lo più nell’Isolotto Isca, situato in costiera amalfitana, tra l’aia di Nerano e gli scogli de ‘Li Galli’, dove Eduardo aveva acquistato una magnifica villa. Una sorta di buen retiro dove, con Isabella e gli amici condivideva la sua filosofia in cucina, una bellissima fusione tra lezioni di vita e cucina povera, fatta di parsimonia, ingegno, fantasia e creatività, con ricette e prodotti sempre freschi di giornata.

l'isolotto di Isca

Trovandoci in zona, in omaggio ad Eduardo, facciamo una tappa in Via Nuova Teatro San Ferdinando, nelle vicinanze di Via Foria, a pochi passi da Porta Capuana. Qui c’è un luogo simbolo della napoletanità: il Teatro San Ferdinando, costruito alla fine del Settecento, venne inaugurato con l’opera di Domenico Cimarosa Il falegname. Il 3 settembre 1943 le bombe americane e tedesche lo rasero al suolo quasi completamente: restò in piedi solo parte del palcoscenico. Nel 1948, su quello che un giorno era stato un gran teatro, risuonavano i passi lenti e pesanti di un uomo che, con tristezza, girovagava tra le macerie e che, dopo una lunga riflessione, decise che non poteva finire così. Quell’uomo si chiamava Eduardo De Filippo. Il San Ferdinando fu inaugurato il 22 gennaio 1954 con l’opera Palummella zompa e vola. Eduardo cercò di salvaguardare la facciata settecentesca, realizzando all’interno un teatro tecnicamente all’avanguardia per farne una “casa” per l’attore e per il pubblico. De Filippo muore a Roma nel 1984, in suo onore, l’indirizzo del teatro San Ferdinando è stato modificato in Piazza Eduardo De Filippo n. 20.

Eduardo ne "Il Sindaco del Rione Sanità"

Dunque, il nostro itinerario sulle tracce dei sapori partenopei appartenenti alla cucina popolare, unito alla ricerca di locali storici di città, dove mangiare con pochi euro, magari riscoprendo pure antiche tradizioni andate perdute, continua… tranquilli! Non manca molto, si deve fare ora di pranzo, no?

Proprio alle spalle di Porta Capuana, vicino Piazza Enrico De Nicola, si trova la chiesa di Santa Caterina a Formiello, una delle chiese monumentali di Napoli, detta a formiello (dal latino ad formis, “presso i condotti; presso i canali”), in quanto nei suoi pressi penetrava in città l’antico acquedotto della Bolla – Carmignano.

Santa Caterina a Formiello

Da Piazza Enrico de Nicola, in direzione via Cesare Rosaroll, incrociamo Via San Giovanni a Carbonara, dove si trova l’omonima chiesa. San Giovanni a Carbonara, di epoca trecentesca, fu chiamata così poiché era destinata in epoca medievale a luogo di scarico dei rifiuti inceneriti.

la facciata di San Giovanni a Carbonara

Ci siamo quasi, pochi minuti e in teoria, arriveremmo a Porta Capuana, ma, ci tocca una fermata obbligatoria: il Borgo di Sant’Antonio Abate, per i napoletani ‘o buvero.

'O Buvero 'e Sant'Antonio, fantastico mercato rionale

Da Via S. Giovanni a Carbonara in un centinaio di metri, siamo nuovamente su Via Cesare Rosaroll, dopo mezzo chilometro ci troviamo davanti ad un indefinito palco di varia umanità, è via Sant’Antonio Abate, che collega Porta Capuana a Piazza Carlo III. Lungo la via troviamo la Chiesa di Tutti I Santi, realizzata nel XV secolo, grazie alle elemosine del popolo.

Via sant'Antonio Abate e la Chiesa di Tutti i Santi

Al “buvero” succede e si trova di tutto. Le voci degli ambulanti napoletani, anche se miste a quelle dei venditori magrebini e di altre etnie, sono un lontano ricordo, solo qualcuna sopravvive: “ tengo ‘e cumpagne voste, ’ cucuzziell, a’ capa ro purpoooo, ’o spassatiempo, ‘a scarola riccia, ‘e puparuole e aulive, ‘e  pallune allesse, ‘e friarielli ra Vollaaa …comunque, la vera risorsa napoletana di questa particolare forma espressiva della “voce” è proprio l’ambulante, perché, la precarietà della sua condizione ne fa un soggetto allo sbaraglio, che deve “catturare” i compratori, con la forza e la magia della propria “voce”. Oggi, ahimè,  non ha più vita facile , deve vedersela con le nuove tecnologie, altro che voci…

" 'e friarielli ra Vollaaaa"!

I napoletani si affezionano alle “voci”,  i venditori ambulanti passano ad uno ad uno e si riconoscono dalla voce, dalla cadenza:  una scala di note, un canonico repertorio di motivi, di voci strane, monche, ritmate, che, qui,  preannunciano l’inizio della giornata.  Oggi il borgo è un vicolo largo circa 5 metri e lungo circa un chilometro, sempre stracolmo di gente, dove si tiene ogni giorno un grande mercato all’aperto, con i prezzi più bassi (penso) della città, ma, non per questo con la merce più scadente, anzi. Ci si trova davvero di tutto, la contrattazione sul prezzo è una cosa usuale e attesa dai venditori: frutta, verdura, carne, pesce, pane, taralli, pizze fritte da consumare calde, salumi, latticini, legumi, baccalà, trippa (‘o pere ‘e musso), un misto di profumi unico al mondo.  Il Borgo è fortemente legato al culto di Sant’Antonio Abate da cui prende nome.

Il 17 Gennaio ricorre la festa del Santo, grandi fuochi vengono accesi al calar del sole nei quartieri popolari delle città; e così, intorno ai “fucarazzi”, comincia il ciclo carnevalesco, che si estingue soltanto tra la fine di Febbraio e l’inizio di Marzo. I  festeggiamenti avvenivano soprattutto nella zona intorno al borgo di Sant’Antonio Abate.

S'Antonio Abate, tradizionalmente affiancato dal "puorco"

Il 17 Gennaio, dalle prime luci dell’alba, in concomitanza della prima celebrazione, si assisteva ad una sorta di processione di persone intenzionate a far benedire se stesse e gli animali: cavalli da traino, somari, pecore, animali domestici e da cortile, conigli, cani, gatti, galline.  Il momento più suggestivo della festa era la sera. Le bancarelle si cimentavano nella vendita dei taralli, una sorta di ciambella di diversi gusti e dimensioni: grandi come una graffa, morbidi e più piccoli, duri, “nasprati” bianchi o al cioccolato.  Quelli più richiesti erano i bianchi, che uniti da un cordoncino formavano collane da mettere al collo degli animali prima della benedizione.

i taralli dolci con il naspro bianco tipici di Carnevale

In serata, dopo la celebrazione eucaristica, la statua d’oro di Sant’Antonio Abate, proveniente direttamente dal Duomo di Napoli, veniva fatta uscire dalla chiesa di Via Foria e portata in processione lungo le strade del quartiere. Al passaggio del simulacro, al grido di “menate, menate”, lanciato dalla moltitudine dei bambini, da ogni finestra venivano calati, nei canestri legati alle funi, tutti gli oggetti di legno che in casa non servivano più: mobili vecchi, sedie impagliate, tavoli in disuso e alberi di Natale ormai secchi . Nel frattempo, con quei materiali, nel quartiere Carlo III, si preparava una vampa di fuoco, detta ” ‘o cippo’” oppure ” ‘o fucarazzo.

'O Fucarazzo

Il falò, che rappresenta Carnevale, impagliato, vestito con un abito scuro, con un cappello in testa, la pipa sostituita a volte da una carota, era posto su un pezzo di legno (in genere l’anta di legno di un vecchio armadio) e in processione era pianto da tutti quelli che seguivano il feretro e, a gran voce, si gridava: “È muorto Carnevale”. Carnevale, poi, adagiato sulla pila di legna, veniva dato alle fiamme. Allora calava un gran silenzio, la zona s’illuminava, le fiamme facevano ombre sui muri dell’Orto Botanico e di palazzo Fuga. Si sentiva solo lo scoppiettio della legna che bruciava: tutti erano in silenzio ad osservare quel fuoco che cresceva, che riscaldava, in attesa del momento fatidico: lo scoppiettio dei petardi di cui era stato imbottito Carnevale. Solo allora la gente urlava dalla sorpresa e in quel momento la chiesa chiudeva e la gente tornava a casa. Intorno al falò rimanevano solo poche persone anziane in attesa che il fuoco smettesse di bruciare e offrisse loro legna calda per riscaldarsi e cenere per benedire la casa. Oggi le celebrazioni sono rare e sotto tono, si può tuttavia, avere la fortuna di assistere a riti ancora veri e sentiti, come nella zona alta di Pozzuoli, sulla collina di Cigliano, dove ogni anno viene allestito uno spettacolare fantoccio da incendiare.

Esaurite le storie del “Buvero”, si è fatta  finalmente ora di pranzo,

era ora, non se ne poteva più!

attraversiamo dunque Piazza San Francesco e lungo la parte bassa di Via Cesare Rosaroll, sulla sinistra al n. 65, troviamo l’osteria della famiglia Grossi, meta low cost, ma, soprattutto voce narrante della storia delle tradizioni veraci della mia città.

un altra "voce": è pronto 'o mangiààààà..............

Sapete, anche a Napoli può fare davvero freddo, soprattutto se spira tramontana. Mentre tanti anni fa, Annarella ‘a Tavernara vendeva per strada anche il soffritto,

Annarella 'a tavernara

oggi ci è rimasto, se pur difficile da reperire, “’o broro ‘e purpo”, un toccasana naturale contro le intemperie. Provate a cercarlo presso gli acquafrescai della zona, “sottobanco”, (grazie alle norme HACCP), bolle un gran pentolone con acqua abbondante, un grosso polipo, sale e peperoncino, il prezzo è minimo e con una piccola aggiunta vi regalano pure la tazza.

'o broro 'e purpo di una volta

Qualcuno però non ci sta, ok per le regole sanitarie, ma, “’o broro ‘e purp”non può scomparire. Parlo di Mattia Grossi, nipote di quel Mattia Grossi del dopo guerra detto “ ‘O Luciano ‘e Porta Capuana”, di suo figlio Luigi, e delle ultime due generazioni, Mattia figlio di Luigi e suo figlio, con lo stesso nome del nonno, appunto Luigi, oggi studente all’alberghiero e apprendista dietro papà Mattia. Insomma per farvela breve,  scusate la confusione, quattro generazioni di osti e purpaiuoli. Con loro, mamma Titta, cuoca in casa e in trattoria.

le ultime generazioni, al centro con il cappello Nonno Luigi, a sx suo figlio Mattia e a dx il nipote Luigi con i cugini

Quando sono entrata ho pensato alla semplice osteria, magari ex mescita di vino, con cucina di mare e di terra. Mi guardo intorno e capisco che qui c’è qualcosa di diverso, al muro ci sono tante foto di banchi ambulanti di pescivendoli e purpaiuoli.

le testimonianze del mestiere di famiglia

Mattia junior comincia il racconto. Questo locale è stato per decenni una trattoria conosciuta in tutta Napoli “Corrado”, un omone dal quale si mangiava la migliore zuppa di cozze di Napoli e, naturalmente, ‘o broro ‘e purpo. All’inizio degli anni ‘90 Corrado chiude, le origini si perdono, passando attraverso diverse gestioni, fino alla metà del 2010, quando Mattia Grossi, nato e cresciuto in zona decide di portare avanti la tradizione di famiglia di “pisciavinnuli’, purpaiuoli e acquafrescai”, aprendo una vera e propria trattoria, dove “broro ‘e purpo”, “purpo alless’ co’ ‘o ‘rruss” (polpo bollito condito con olio piccante), “pignatiello alla luciana” e zuppa di cozze fossero protagonisti del locale, insieme alla più tradizionale cucina napoletana.

'o purpo co 'o 'rruss

A metà del 2010, Titta, la moglie di Mattia, da brava cuoca di famiglia, si è ritrovata “ostessa” ai fornelli della trattoria. Insieme a lei e Mattia, naturalmente dopo la scuola, il figlio più grande Luigi, stessi occhi da scugnizzo del padre e tanta voglia di crescere e di imparare.

Titta Grossi dalla cucina di casa ai fornelli della trattoria

Il locale è davvero carino, semplice e solare. Tutto in legno, giallo per tovaglie di carta e tende, tante foto, acquerelli con scene di pescatori, vecchie bottiglie di vino, ereditate dalle precedenti gestioni, in mostra sugli scaffali e, ovunque, “cuorni” porta fortuna.

la sala

In tutto una decina di tavoli, in fondo, la cucina con divieto d’ingresso, norme HACCP in bella vista ed il banco dei contorni. Titta è in divisa con tanto di cappello bianco. Le ricette sono quelle di sempre, c’è un menù del giorno di base, poi è tutto espresso, nel vero senso della parola, ovvero, se il cliente chiede salsicce alla brace, Mattia va dal macellaio a comprarle, se pasta e patate non è nel menù del giorno, Titta è pronta a prepararla, sempre che il cliente abbia tempo, altrimenti ci si attiene al nome della trattoria…” è pronto ‘o mmangià” ( è pronto il pranzo, il piatto è in tavola). Le materie prime sono di prima qualità, mi dice Titta – io cucino le stesse cose, nello stesso modo come se lo facessi per i miei figli-Ecco allora i migliori salumi e formaggi di un amico artigiano a Villaricca,

salumi e provola di prima qualità

provola e fiordilatte dal mercato di Porta Nolana, il pane dal forno a legna di un amico in zona, la pasta di Gragnano, le freselle per zuppa di cozze sono quelle del “fresellaro”, la frutta e la verdura dal teatro, oops, mercato, del “Buvero”, il vino sfuso da uno dei più affidabili rivenditori di città. L’acqua minerale, piuttosto che nella triste bottiglia di plastica, viene servita in caraffe di vetro.

il pane del Borgo

Come in  tutte le trattorie napoletane, il servizio d’asporto del cucinato è un must. Le telefonate arrivano dagli uffici, da Castel Capuano e persino…dagli ambulanti “int’ ‘o buvero”, come “l’acquaiuolo e il baccalaiuolo”. L’asporto include anche la “marenna” con il cucinato, ovvero un bel pezzo di pane farcito a richiesta, con salsicce e friarielli, polpette, provola, etc. Luigi junior, casco in testa, arriva in pochi minuti a destinazione. Passiamo ai piatti, naturalmente si comincia dal “broro ‘e purpo” e dalla zuppa ‘e cozze”.

'a zuppa 'e cozze

In una grossa pentola che fuma in continuazione, si fanno cuocere in abbondante acqua, i polpi più grossi, qualche cucchiaio di olio d’oliva, abbondante peperoncino e sale. Il brodo si beve sorseggiandolo da un bicchierino nel quale è contenuta anche una “ranfetella” (tentacolo) del polpo, oppure versandolo su un tozzo di pane raffermo. Corrado, mi racconta Mattia, faceva una cosa speciale: prendeva un “cozzetto” di pane cafone, toglieva tutta la mollica, metteva dentro le “ranfetelle” di ‘purpo e ‘o broro” bollente e ritappava con la mollica, che profumo, la settima meraviglia del mondo e nell’aria si sentiva la voce che molti napoletani sanno a memoria:

Ve’ faccio vever’ o’ broro

r’e purpertielle’ verace

chine e’ pepe

La vera zuppa di cozze, senza presunzione, continua Mattia, si mangia qua e in pochissimi altri posti a Napoli. La ricetta: cozze solo nostrane di stagione, fresella, polpo, olio piccante (‘o ‘rruss) e “maruzze” (lumache) di terra

le maruzze di terra

che si acquistano ovviamente al “buvero”. Le maruzze sono diverse a seconda delle stagioni e si servono a parte con l’olio piccante. La proverbiale ironia napoletana ha coniato nel tempo diversi proverbi con l’uso della parola maruzza: “Tenghe ‘e maruzzielle d’ ‘a festa, ca so’ meglie d’ ‘e cunfiette”( ho le lumachine della festa, che sono meglio dei confetti). Come significato traslato, “‘A Maruzza “ è sinonimo di vigliaccheria, ed anche di meraviglia e di un senso di paura fuori luogo, come nel detto : “Me pare Pulecenella spaventate d’ ‘e maruzze”, (SembraPulcinella spaventato nel vedere le lumache) quando sta ad indicare un marito fatto becco dalla moglie si dice: “Tene cchiù corna ‘e ‘nu cato ‘e maruzze” ( ha più corna di un secchio di maruzze). Riepilogando, ecco il menù di Titta e Mattia: antipasti di mare come sopra, oltre a frutti di mare cotti e crudi. Piatto misto di prosciutto crudo, pancetta tesa e provola. Ancora bruschette, zeppoline di mare con alghe vere e impasto di Titta. I primi di mare sono quelli tradizionali, spaghetti a vongole, ai frutti di mare e allo scoglio. I primi piatti quotidiani ci sono tutti. Pasta e cavoli, le paste con i legumi, pasta e zucca, pasta e patate con la provola, pasta al pomodoro,

Rigatoni alla puttanesca

all’arrabbiata, o, alla puttanesca e poi quelli di lusso, genovese, ragù e bolognese.

la "scarpetta" è d'obbligo:)

I secondi di pesce dipendono da nonno Luigi e dal pescato del giorno: calamari, gamberoni, saraghi, orate, spigole, frittura di paranza e alici. Anche la carne segue la tradizione, allora, polpette fritte e al ragù, salsicce, cotolette, bistecca alla griglia, scaloppine al vino o, al limone.

polpette fritte con ragù e friarielli "arraggiati ra Volla" (comune in periferia di Napoli)

Oppure, provola, mozzarella, fiordilatte e una discreta scelta di formaggi. Per i contorni c’è solo da scegliere tra le tante fresche verdure del Borgo. Friarielli, peperoni, melanzane, carciofi, carote, zucchine, funghi, patate solo al forno, e insalate miste o di pomodori. I dolci sono fatti da Titta: caprese, pastiera e babà. La frutta arriva fresca, fresca dal mercato. Si respira un’aria serena d’altri tempi da Titta e Mattia: “ simm’ cresciute ‘mmiez ‘a via” mi dice Titta, la gente la sappiamo riconoscere e sappiamo averci a che fare.” Soprattutto, aggiungo io, questi “sposini” da più di vent’anni, si divertono, sono uniti in un progetto comune che coinvolge anche i figli: conservare la sana e tradizionale cucina napoletana, senza grilli per la testa: l’insegna fuori del locale recita” ‘da noi è semp’ pront ‘o ‘mmangià”.

Il conto batte tutti i record del low cost: primo, secondo, contorno e vino della casa…€ 6,00, se aggiungiamo antipasto, secondo di pesce e dessert arriviamo a 12 euro. La colazione da asporto costa 3,00 euro. Acqua minerale, pane e coperto non si pagano.

'o cunto low cost

Sono gratis anche i racconti di Mattia, i ricordi di quando, da bambino, andava al doposcuola nella torre e riusciva a vedere dalla finestra il chiosco di papà Luigi che raggiungeva subito dopo, spesso fino a tarda notte, quando, d’inverno, “s’appicciava ‘a lampa, pe’ se scarfà”. Oppure quando la mattina andando a scuola da dove abitava, “mmiez ‘O San Ferdinando”, diretto a Vico Lepri nella zona dei Ventaglieri, da un balcone un signore, fumando una sigaretta, gli diceva: “uagliù, jate a scola, nun facite tarde, dovete andare a scuola”. Quel signore era Eduardo de Filippo, affacciato al terrazzo della sua casa – teatro.

"Uagliù (ragazzi) nun facite tarde, jate a scola" . Dovete andare a scuola

N.b. La ricerca del mangiare low cost a Napoli spesso coincide con racconti di una città che sta scomparendo. Passaggi e ricordi che possono sembrare idilliaci sono, invece, profondamente consapevoli del marcio che si consuma in strade e vicoli, ma, non sempre è bene piangersi addosso ed esaltare i lati negativi…altrimenti dovremmo ascoltare Eduardo: fuitevenne ‘a Napule”. Noi non scappiamo, vogliamo bene a questa città, nonostante tutto.

di Giulia Cannada Bartoli

25 commenti

  • fabrizio scarpato

    (14 gennaio 2011 - 11:57)

    Assolutamente fantastico. Persino commovente nelle stratificazioni culturali e strutturali, nel rimpiattino della memoria.
    Eppoi questa forza evocativa delle “voci”, voci di mercato, voci di cantate, voci di preghiera, voci di lavoro: mai uguali, spesso uniche e irripetibili. Non vanno dimenticate, non andrebbero dimenticate. Non scappate, non scappate.

  • Monica Piscitelli

    (14 gennaio 2011 - 11:58)

    Fantastico! Ne ho sentito parlare molto bene ma pur non essendo lonata da casa non ho ancora avuto occasione di andarci. Ma se Giulia dice che è interessante, alla prossima…

  • marco contursi

    (14 gennaio 2011 - 11:59)

    sulla chiesa di San Giovanni a Carbonara mi DEVO soffermare perchè nel visitarla mi sono Incazzato di brutto.Contiene affreschi della scuola giottesca due bellissimi sepolcri e uno stupendo e grandissimo dipinto della crocefissione di Cristo del Vasari posto ad altezza d’uomo senza nessuna protezione.In pratica io potevo prendere un coltello e farlo a pezzi.Ma dico,come è possibile che una chiesa così ricca di opere,sia sconosciuta ai più e protetta così maldestramente.Sarebbe interessante se qualche giornalista di buona volontà prendesse a cuore il problema facendolo diventare un caso per l’opinione pubblica.Solo così forse si muoverebbe qualcosa.

  • giulia

    (14 gennaio 2011 - 12:10)

    ci hanno provato Marco, ma tutto tace, si svegliiano solo quando arrivano un pò di denari da “spendere” per maggio dei monumenti…

  • Monica Piscitelli

    (14 gennaio 2011 - 12:13)

    E’ UNA SPLENDIDA CHIESA. PER NON DIMENTICARE QUELLO CHE CHIAMANO “IL CONVENTO” ALL’INIZIO DEL BORGO S.A.ABATE. POI VOGLIAMO DIMENTICARE IL CASTEL CAPUANO, LA CHIESA DI SANTA CATERINA AL FORMIELLO, LA PRESENZA A UN PASSO DEL MUSEO MADRE DI ARTE CONTEMPORANEA. INFINE: UNA TELA DI INSETIMABILE VALORE DEL CARAVAGGIO A VIA TRIBUNALI CHE RAPPRESENTA LE VIRTU’. LA PINACOTECA E L’ARCHIVIO DI MUSICA DI OGNI TEMPO (TRA CUI BRANI MAI SUONATI DEI MAGGIORI COMPOSITORI) PRESSO I GEROLAMINI A VIA DUOMO. E NON E’ FINITA. AH: SI C’E’ ANCHE CAMPANIA CHE VAI, IO. : )

    • Romualdo Scotto di Carlo

      (14 gennaio 2011 - 13:06)

      “Le sette opere di Misericordia”, Monica, sino all’anno scorso era conservata praticamente nello stesso modo, a portata di mano dei vandali… non aggiungo altro…

      • Monica Piscitelli

        (14 gennaio 2011 - 18:08)

        si. è un capolavoro.

  • giulia

    (14 gennaio 2011 - 12:21)

    dovremmo aprire una nuova rubrica…

  • claudio nannini

    (14 gennaio 2011 - 12:46)

    Gli elogi oramai si sprecano. Quest’articolo è fantastico Giuliè. So che ci hai messo tutta la notte a scriverlo ma credimi, NE VALEVA LA PENA.Non ho parole.

  • Mario Stingone

    (14 gennaio 2011 - 12:46)

    Venerdì 14 gennaio alle ore 19, (Stasera ) la delegazione FAI di Napoli ed il parroco della Chiesa di Santa Caterina a Formiello presentano il concerto del Maestro Vincenzo De Gregorio presso la Chiesa di Santa Caterina a Formiello in piazza E. De Nicola, 49.

    Il concerto è organizzato per raccogliere fondi per il restauro del reliquiario di San Vincenzo Martire.

    Per informazioni e per acquistare il biglietto per il concerto (10 euro): FAI delegazione di Napoli tel. 0817618514.

    Stasera tutti al concerto e poi tutti a cena da ” E’ pronto ‘o ‘mmangià ” :-D

  • giulia

    (14 gennaio 2011 - 12:53)

    splendida idea!

  • […] Via Cesare Rosaroll 65 Tel. 081.0098834 – 339.3571092 Aperto a pranzo e cena h.10,00 – 23,00 non stop Chiuso: martedì Ferie: 10 gg. In agosto Bancomat, carte credito: no di Giulia Cannada Bartoli Ci troviamo nel cuore degli splendori … Leggi la notizia alla fonte » […]

  • Romualdo Scotto di Carlo

    (14 gennaio 2011 - 13:07)

    i complimenti a Giulia per il bell’articolo sono di rito ma non rituali: ancora un bello spaccato napoletano!

  • Felicia Brini

    (14 gennaio 2011 - 19:49)

    Inutile dirti cara Giulia che mi hai colpito al cuore.
    Parlare di Eduardo e della nostra splendida città è un connubio spettacolare descritto in maniera sempre oggettiva ma con il cuore di chi conosce, le strade, al gente, la vita. La relazione con queste realtà spiega la nostra città molto meglio di qualsiasi altra cosa. Forse per questo Eduardo amava rimanere in Tribunale ad ascoltare le storie quotidiane della gente, parlare al balcone, osservare Napoli e la sua gente, e trasporla poi in scena . Infatti come autore-attore, secondo Eduardo, tutto deve essere pronto ad accogliere l’entrata in scena, mentre l’attore è fermo nella sua zona aurorale, al di là della “porticina” che ci siano quinte, che ci siano scene di cartapesta, che le luci siano pronte e che LA TAVOLA SIA APPARECCHIATA, ossia quello che per Eduardo è l’altare vestito a festa, dove assistiamo a tragedie, silenzi, risate, pianti, delucidazioni, confessioni dei suoi personaggi… Le scene che prevedono una tavola imbandita, sono previste in quasi tutte le commedie, c’è sempre una domenica in cui si debba preparare il pranzo, una tavola da apparecchiare, un ragù da girare, i piselli da sbucciare, una “buatta” che funge da fornelletto per la compagnia di “Uomo e Galantumo”… perché è fondamentale la creazione di uno spazio di relazione per Eduardo, in cui attore e spettatore possano collaborare. Quale miglior spazio di relazione, miglior mezzo se non il cibo… quello quotidiano, quello che esibisce la sua normalità rispetto al sociale quotidiano. E in questo credo che la vita assomigli davvero al suo teatro!
    Ecco quello che amo di questa rubrica ed ecco quello che anche io continuo, nonostante tutto, a vedere in Napoli.
    scusate se mi sono dilungata… ma mi ha davvero colpito al cuore!

  • giulia

    (14 gennaio 2011 - 23:49)

    grazie Felicia non ti sapevo cosi’ esperta:)

    • Felicia Brini

      (15 gennaio 2011 - 09:05)

      cara Giulia, tesi su Eduardo… un lavoro di ricerca che è durato più di 5 anni… è stato il mio “pane quotidiano”… e mi ha accompagnato anche in un sogno… l’ho sempre sentito molto vicino…e credo che tu stia cogliendo, con questa rubrica quella Napoli sfocata dalle cartoline che invece esiste ancora… quando vengono persone da fuori e mi chiedono di vedere Napoli io li porto in queste vie… e ora ho anche la lista degli indirizzi dove farli mangiare ;) stai perfettamente cogliendo quell’umanità che contraddistingue la nostra città… amara, difficile, ma piena di cuore…:) un inferno abitato da angeli caduti… ma pur sempre angeli.

  • giulia

    (15 gennaio 2011 - 09:17)

    che bella descrizione , me la conservo…..

  • enrico malgi

    (15 gennaio 2011 - 11:26)

    Giulia bravissima come sempre, una sola parola: emozionante! Ma permettimi di fare i complimenti anche alla sig.ra Brini,di cui è ieri è apparso il post su questo blog e che la riguarda molto da vicino. Veramente bravissima e molto competente. E poi scopro che abbiamo in comune la passione per il teatro di Eduardo, di cui in tempi passati l’ho indegnamente avvicinato e che ancora adesso continuo a rappresentarlo informa amatoriale. Grandioso. Abbracci.

    • Felicia Brini

      (16 gennaio 2011 - 15:37)

      Grazie Dr. Malgi…
      per l’attenzione che ha avuto nei confronti della nostra piccola realtà e per i complimenti… troppo gentile, l’importante in tutto credo sia avere passione…spero di poterla incontrare presto per scambiarci opinioni sui nostri interessi da vicino. Un caro saluto.

  • luigi

    (17 gennaio 2011 - 22:12)

    il giorno si riposo e il lunedi a detto mio padre se lo poteva cambiare e mio padre la ringrazzia x tutto kuello ke a fatto e ke le aspettiamo di nuovo sono anke venuti i verrella e altri klienti e mio padre la ringrazzi di tutto

    • marco contursi

      (18 gennaio 2011 - 00:46)

      non è possibile scrivere così nel 2011……. accenti,doppie,punteggiatura…….tutto a farsi benedire. :-(((((((((((((((((((

  • Mario Stingone

    (18 gennaio 2011 - 07:20)

    Comunque il Vasari è stato messo in salvo…. è esposto al Museo di Capodimonte …Napoli. Museo di Capodimonte. Vasari a Napoli. I dipinti della sacrestia di San Giovanni a Carbonara, sino al 27.3.2011.

    • marco contursi

      (18 gennaio 2011 - 08:01)

      :-D

  • Antonio

    (12 novembre 2013 - 12:46)

    Unico appunto, riguarda la Trattoria “da Corrado” (che fu mio zio) l’omone grande e grosso a cui si fa riferimento nel blog. In quella tipica trattoria miozio Corrado non ha mai, dico mai, cucinato “‘ brodo di polipo” appannaggio esclusivo di altri siti come ad esempio O Luciano. In quella Trattoria si cucinava (in modo divino) solo per pranzo e restava aperta fino ad una certa ora del pomeriggio per la mescita dei vini. Tanto era dovuto.

  • Gennaro

    (13 novembre 2013 - 14:33)

    A suo tempo non avevo letto questo articolo.

    Seguo questo blog solo da un anno circa. Leggo molto commento poco.

    Pero’ non potevo non ringraziare la Sig.ra Giulia per questo viaggio nello spazio e nel tempo che mi ha fatto fare.
    Quanti ricordi mi ha riportato in mente.

    Mia nonna ed un paio dei miei zii abitavano proprio li’ vicino, in vico Colonne a Pontenuovo.
    Quante giornate passate con i miei cugini a gironzolare proprio per via Rosaroll e per i suoi vicoli laterali.
    A giocare sulle scalinate di quella chiesa di S.Giovanni a Carbonara, a cercare di prendere in qualche modo le monetine lanciate nella fontana, in quella grottina laterale dove c’era la statua della Madonna.

    Purtroppo ormai sono anni che non ci vado (abito a Milano dal ’97).
    Mia nonna non c’e’ piu’, i miei cugini non abitano piu’ li’.
    Ma a leggere di questi posti devo dire che mi sono profondamente emozionato.
    Grazie di cuore.

I commenti sono chiusi.