Magico Etna a Nicolosi, Rifugio Sapienza

Letture: 273
Rifugio Sapienza, il bar
Rifugio Sapienza, il bar

Rifugio Sapienza

Piazzale Rifugio Sapienza
Nicolosi (Ct)
Tel.  095.915321
www.rifugiosapienza.com

di Fabiola Quaranta

Come ho più volte scritto, abbiamo trascorso le nostre vacanze estive in Sicilia, nei pressi di Taormina. Ormai da quattordici anni  per la nostra famiglia un salto in questa terra meravigliosa è d’obbligo, vuoi perché i nostri più cari amici ci attendono trepidanti, vuoi perché il sole lì è caldo ed il mare trasparente e lucente, vuoi perché la gente è generosa di sorrisi e loquace come non mai. Un aspetto, tra gli altri, di questa terra magnifica e fiera mi attira particolarmente: la presenza, veneranda quasi, del Mungibeddu, ovvero il vulcano Etna.

Sono affascinata dai vulcani e dalla loro attività tellurica, ed essere salita in cima ‘a Montagna quest’estate, mi ha riempito il cuore di gioia. In una calda sera di agosto infatti, con un folto gruppo di amici siamo partiti alla volta dei Crateri Silvestri, a quota circa 1900 m., la cui formazione risale all’eruzione del 1892.

Crateri silvestri
Crateri silvestri

Un’escursione fantastica che consiglio a chiunque abbia la fortuna di recarsi oltre lo stretto di Messina. Ma veniamo al dunque. Dopo una magica passeggiata tra i camminamenti dei Silvestri, con gli occhi carichi di meraviglia e infreddoliti dalle fresche temperature di alta quota, siamo andati a scaldarci e rifocillarci al Rifugio Sapienza, un b&b in stile alpino, tappa d’obbligo sia in inverno che in estate per la sua privilegiatissima posizione.

Rifugio Sapienza, gli interni
Rifugio Sapienza, gli interni

Il locale, infatti, si trova a pochi metri dalla funivia che porta ai punti sommitali dell’Etna, ed offre ai suoi avventori un ristorante pizzeria tradizionale, un bar ed una ventina di stanze. Colpisce immediatamente lo stile rustico ed informale delle sale e l’accoglienza cordiale del personale crea da subito un’atmosfera più che familiare. Il menù presenta una vasta scelta di piatti tradizionali, partendo da una serie di stuzzicherie, passando da una discreta offerta di primi, si arriva ai secondi, fino alla lunga lista delle pizze. Una chicca sono i piatti unici, abbondantissime portate a base di carne e verdura.

Rifugio Sapienza, piatto unico
Rifugio Sapienza, piatto unico

Personalmente sono golosa di pistacchi e non ho saputo proprio resistere alla tentazione di ordinare un piatto di ravioli al pistacchio di Bronte!

Rifugio Sapienza, ravioli al pistacchio di Bronte
Rifugio Sapienza, ravioli al pistacchio di Bronte

Non potevamo farci mancare una birra artigianale ad annaffiare il tutto, a suggellare con un brindisi rustico e conviviale la possenza della natura e il valore dell’amicizia.

« … l’Etna nevoso, colonna del cielo / d’acuto gelo perenne nutrice / lo comprime. / Sgorgano da segrete caverne / fonti purissime d’orrido fuoco, / fiumi nel giorno riversano / corrente di livido fumo / e nella notte rotola / con bagliori di sangue / rocce portando alla discesa / profonda del mare, con fragore. » (Pindaro, Pitica I 470 a. C.)

 

 

2 commenti

  • Giuseppe

    (17 settembre 2015 - 21:56)

    Perfetta descrizione di un luogo che trasmette emozioni uniche e di un locale che esalta i sapori della cucina siciliana. Brava Fabiola!!!

  • Daniela

    (18 settembre 2015 - 00:06)

    Grazie Fabi per aver riassunto una delle serate più intense di quest’estate. La descrizione del sito merita e con intenso piacere riemerge anche il ricordo dell’acquolina creata da quei piatti, oserei dire, strepitosi!
    Peccato solo non essersi fermati una notte al rifugio, chissà cosa ci avrebbero proposto a colazione! Forse una sana granita al pistacchio con brioche?
    Complimenti dalla tua più cara amica “sicula”!

I commenti sono chiusi.