Noé 2005 Cilento bianco doc

Letture: 63

DI BARTOLOMEO

Uva: fiano, trebbiano, malvasia
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Daniele, la moglie Stefania e la sorella Ilaria sono i giovani protagonisti di questa piccola impresa che ha caratteristiche simili a tanti segnali di ripresa della campagna meridionale. Siamo nel comune di Laureana Cilento, ma la strada è quella, molto battuta durante il periodo estivo, che collega Agropoli a Santa Maria di Castellabate. Sul poggio di una curva c’è la piccola cantina attrezzata da un paio di vendemmie dalla quale si ammirano i tre ettari di vigneto comprati tre anni fa: aglianico, fiano, trebbiano e malvasia secondo lo stile cilentano. Il vigneto è a mezza collina, ben sistemato in una vasta conca sempre soleggiata, come si capisce bene nel bianco 2005 dove la potenza, il frutto, la sapidità, sono gli elementi che colpiscono al primo impatto, c’è una leggera percezione ossidata che svanisce dove qualche minuto. Un vino in puro stile cilentano dunque, più potente rispetto al Fiano di Avellino, ma soprattutto, in questa versione, marca una distanza strabiliante dalle caratteristiche dei bianchi degli altri terroir della Campania come del resto confermano anche i vini di tutti i produttori. La magrezza e la scompostezza di molti bicchieri su cui hanno pesato le piogge impietose della scorsa estate qui non esistono, e il Noé regge baldanzosamente il confronto con pancetta di maiale, piatti con funghi, tartufo nero, dall’alto dei sui quasi 14 gradi di alcol. Ne scriviamo quando i nostri eroi lo hanno quasi finito tutto, ma sicuramente potrete trovarlo ancora nei ristoranti del Cilento che quest’anno ha conosciuto un boom turistico senza precedenti. Voglio chiudere ricordando che Daniele, Stefania e Ilaria si sono affacciati da poco al mondo del vino, ma che vengono da una lunga e qualificata tradizione di lavoro in campagna: la loro azienda di miele è da ormai oltre dieci anni alla ribalta con prodotti affermati nell’alta ristorazione. Non dimentichiamo, infine, anche la produzione di olio d’oliva. In termini economici si parlerebbe di diversificazione del rischio di impresa, io penso invece che sia una delle tante espressioni della ricchezza del Cilento.

Sede a Laureana Cilento, Contrada Marettima. Tel. 0974.962185. apisanpietro@tiscali.it. Enologo: Daniele Di Bartolomeo. Ettari: 3 di proprietà. Bottiglie prodotte: 5000. Vitigni: aglianico, fiano