Oscar del Vino. Fiorduva miglior bianco dell’anno!

Letture: 81

Sono stati assegnati a Roma gli Oscar del Vino 2006: nella Terrazza del Campidoglio. In una grande serata, condotta da Franco Ricci, presidente dell’Ais Roma, e da Antonella Clerici, sono stati comunicati i vincitori degli ambiti premi attribuiti dai lettori di DuemilaVini, la guida dell’Associazione Italiana Sommelier e della rivista Bibenda.
All’evento – su Rai Uno l’11 giugno alle 17,30 – hanno partecipato anche numerosi vip e personaggi dello spettacolo, che hanno consegnato i premi ai vincitori: Albano, Lamberto Sposini, Massimo Giletti, Claudia Gerini, Oreste Lionello, Gianfranco Vissani, Caterina Vertova, Andy Luotto, Laura Freddi, Riccardo Rossi, Fabrizio Del Noce e Roberto Laganà.
L’11 giugno (dalle ore 16,30 alle ore 21,30), inoltre, nella sede dell’Associazione Italiana Sommelier di Roma (Grand Hotel Parco dei Principi), grande kermesse in cui sarà possibile degustare, a banchi di assaggio,  i vini dell’edizione 2006.

Ecco i premiati (in neretto)

Vino bianco
Alto Adige Terlano Chardonnay 1993 – Cantina Terlano – Terlano (Bolzano)
Costa d’Amalfi Furore Bianco Fiorduva 2003 – Marisa Cuomo – Furore (Salerno)
Soave Classico La Rocca 2003 – Pieropan – Soave (Verona)

Vino rosso
Barbera d’Asti Bricco dell’Uccellone 2003 – Braida – Rocchetta Tanaro (Asti)
Brunello di Montalcino Riserva 1999 – Biondi Santi – Montalcino (Siena)
Carignano del Sulcis Superiore Terre Brune 2001 – Cantina Sociale Santadi – Santadi (Cagliari)

Vino Rosato
Grayasusi Etichetta Argento 2004 – Ceraudo – Marina di Strongoli (Crotone)
Salice Salentino Rosato Le Pozzelle 2004 – Candido – San Donaci (Brindisi)
Teres 2004 – Commendator G.B. Burlotto – Verduno (Cuneo)

Vino spumante
Franciacorta Comarì del Salem 2000 – Uberti – Erbusco (Brescia)
Franciacorta Gran Cuvée Pas Operé 2000 – Bellavista – Erbusco (Brescia)
Trento Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 1996 – Ferrari – Trento

Vino dolce
Alto Adige Moscato Rosa 2004 – Franz Haas – Montagna (Bolzano)
Marsala Vergine 1962 – Pellegrino – Marsala (Trapani)
Stillato 2004 – Principe Pallavicini – Colonna (Roma)

Vino straniero
Cheval Blanc 2002 – Château Cheval Blanc – Saint Emilion (Bordeaux – Francia) – Importato da Sarzi Amadè
Pouilly Fumé Silex 2002 – Domaine Didier Dagueneau – Pouilly Fumé (Loira – Francia) – Importato da Moon Import
Tokaji Aszù 5 Puttonyos 1993 – Disznókö – Mád (Ungheria) – Importato da Vino & Design

Miglior rapporto qualità/prezzo
Barbaresco 2001 – Cantina Produttori del Barbaresco – Barbaresco (Cuneo)
Chianti Classico Tenuta Sant’Alfonso 2003 – Rocca delle Macìe – Castellina in Chianti (Siena)
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Il Coroncino 2003 – Fattoria Coroncino – Staffolo (Ancona)

Miglior etichetta
Alto Adige Valle Isarco Kerner Praepositus 2004 – Abbazia di Novacella – Varna (Bolzano)
Cosmato 2003 – Coletti Conti – Anagni (Frosinone)
Langhe Sauvignon Alteni di Brassica 2004 – Gaja – Barbaresco (Cuneo)

Miglior produttore
Elisabetta Foradori – Foradori – Mezzolombardo (Trento)
Principessa Coralia Pignatelli – Castell’in Villa – Castelnuovo Berardenga (Siena)
Francesco Siciliani – Fattoria San Francesco – Cirò (Crotone)

Miglior azienda
Il Pollenza – Tolentino (Macerata)
Petra – Suvereto (Livorno)
Tenuta San Leonardo – Borghetto all’Adige (Trento)

Miglior enologo
Roberto Cipresso
Bruno De Conciliis
Sergio Paternoster

Miglior giornalista
Luciano Pignataro – Il Mattino
Federico Quaranta – Radio 2
Sandro Sangiorgi – Porthos

Miglior sommelier nel ristorante
Davide Merlini – Hostaria dell’Orso di Gualtiero Marchesi – Roma
Mauro Scarponi – Ristorante La Madonnina del Pescatore – Senigallia (Ancona)
Andrea Ugolotti – Ristorante Dal Pescatore – Canneto sull’Oglio (Mantova)

Miglior enoteca cantina d’attrazione
Enoteca La Torre – Viterbo
Enoteca Ombre Rosse – Parma
La Stüa de Michil – Corvara in Badia (Bolzano).

Il premio speciale dell’Oscar del Vino 2006 è andato al professor Attilio Scienza, uno degli scienziati più importanti del mondo del vino e ordinario di viticoltura all’Università di Milano.
Un solo commento personale, visto che ero direttamente coinvolto: è stato un vero piacere essere in nomination con due colleghi assolutamente indipendenti e bravissimi nei loro rispettivi campi. E un onore essere battuto da una persona come Sandro (l.p.)