Oscar Farinetti ha aperto Eataly New York. Ecco come è andata l’inaugurazione e cosa ci trovate

Letture: 273

Eataly, Oscar Farinetti

di Alessandra Baldini

NEW YORK «Cuciniamo ciò che vendiamo e vendiamo ciò che cuciniamo». Eataly New York oggi è ai blocchi di partenza. Il sindaco Michael Bloomberg, presente il gotha dell’imprenditoria enogastronomica italiana, ha tagliato un nastro simbolicamente realizzato in pasta per inaugurare lo sterminato megastore del gusto «tricolore» ideato da Oscar Farinetti nel cuore della Grande Mela.

Eataly New York

6.000 metri quadrati di pizze e paste cucinate alla perfezione, carni trattate come se fossero sushi, ostriche e verdure fritte, una birreria di 650 metri quadrati sul tetto del Toy Building, un palazzo fine Ottocento di fronte all’iconico grattacielo Flatiron: Eataly, all’angolo tra Quinta e 23esima, è un gioco di parole tra Italy e eat (mangiare) ma soprattutto è una enorme sfida: «È l’american dream che sposa i sogni italiani», ha detto lo chef Mario Batali, uno dei partner americani di Farinetti con i soci Joe e Lidia Bastianich.

Eataly, il discorso del sindaco Blomberg

«Un sogno reso possibile anche da una task force del comune di New York», ha detto Bloomberg: la New Business Acceleration Team ha aiutato gli italiani a navigare negli incubi della burocrazia municipale accelerando di 15 settimane il momento del taglio del nastro.

Eataly, Mario Batali

Non è da oggi che Manhattan adora mangiare italiano: negli anni ’80 e ’90 San Domenico di Tony May, i vari Cipriani e Le Cirque di Sirio Maccioni hanno portato i newyorchesi ad apprezzare piatti oltre gli «spaghetti and meatballs» delle mense degli emigranti del Novecento. Oggi però il palato raffinato della capitale del melting pot globale ha bisogno di qualcosa che offra una marcia in più.

Eataly New York

 Ed ecco dunque l’iniziativa da 25 milioni di dollari che Farinetti, sulla scia di esperienze analoghe a Torino e in Giappone, ha lanciato accompagnato dal fondatore di Slow Food Carlo Pedrini, cinque sindaci del Piemonte (Torino, Alba, Barolo, Bra e Novello), il presidente della Liguria Claudio Burlando e il presidente della Commissione Ambiente del Senato Antonio D’Alì.

Eataly, la panetteria
Eataly, la panetteria

Il taglio del nastro simbolico di pasta nei colori delle bandiere italiana e americana è stato benedetto dall’arcivescovo di New York Timothy Dolan e innaffiato da magnum di Asti Spumante e Ferrari Brut. L’idea di Eataly è quella di un department store di lusso che illustra e vende le eccellenze italiane e locali in fatto di cucina con orari di apertura dalle sei di mattina per il caffè (il primo Lavazza Cafè nel mondo) alle due di notte per la birreria sul tetto.

Eataly, Lidia Bastianic e Mario Batali

Tutti i prodotti freschi sono locali, scelti all’insegna del meglio: come la carne di razza piemontese portata dal veterinario della Granda Carne Sergio Capaldo nel Montana con l’inseminazione artificiale, o la mozzarella prodotta ogni giorno con latti locali davanti ai clienti.
I dipendenti sono 400 di cui 300 assunti in loco, molti da aziende di Wall Street in crisi e però pronti a cambiare lavoro, come ha spiegato Adam Saper, chief financial officer e general manager di Eataly.

Eataly, Lidia Bastianich e Sergio Chiamparino

 «Creare posti di lavoro a New York è senz’altro un modo molto efficace per promuovere il sistema Italia negli USA», ha dichiarato l’ambasciatore italiano negli Stati Uniti Giulio Terzi secondo cui Eataly rappresenta una «vetrina unica nel cuore del paese che rappresenta il terzo mercato per il nostro export».

Eataly, Marco Ausenda e Gerard Nudo nell'angolo Rizzoli

Completano il panorama del sistema Italia un bancomat Unicredit, il corner Rizzoli per libri di cucina, lo stand per il design Alessi e Bialetti e un angolo per la lettura dei giornali, anzi del giornale: La Stampa attraverso alcuni iPad messi a disposizione dei clienti.

Eataly, piazza Eataly
Eataly, reparto formaggi
Eataly, reparto Lavazza

11 commenti

  • Beniamino D'Agostino

    (1 settembre 2010 - 09:31)

    Andrò a visitarlo il 18 settembre quando sarò a ny per l’Annual Tasting del mio importatore e ti porterò un bel reportage.

  • Lello Tornatore

    (1 settembre 2010 - 10:39)

    ” Tutti i prodotti freschi sono locali, scelti all’insegna del meglio: come la carne di razza piemontese portata dal veterinario della Granda Carne Sergio Capaldo nel Montana con l’inseminazione artificiale, o la mozzarella prodotta ogni giorno con latti locali davanti ai clienti “.
    Scusate, non ho capito bene, questa iniziativa tratta prodotti locali realizzati con “know how” italiano?
    E’ così?

    • Luigi

      (1 settembre 2010 - 10:50)

      Hai detto bene: non hai capito. E’ un’altra cosa, inutile spiegare. Sai oltre forino c’è anche NY.

  • ilaria Petitto

    (1 settembre 2010 - 12:41)

    ERO A NY A FINE GIUGNO E L’EVENTO ERA GIà MOLTO ATTESO,SONO TORNATA IERI DA MIAMI E ANCHE Lì SE NE PARLAVA!
    ONORE AL MERITO…SUPER FARINETTI

  • Gennaro Albano

    (1 settembre 2010 - 15:29)

    Tutto molto bello , molto , come dire americano!! Un trionfo …italiano!senza ombra di dubbio………solo 2 cose porterei in terreno “italico” !!!La prima è la New Business Acceleration Team che ,con un anticipo di ben 15 settimane ha sbaragliato l’iter burocratico! Vuoi vedere che in Italia potrebbe verificarsi un miracolo di tal genere?che ne dite?;la seconda cosa :far venire con un concord la”Naomi Campbell” che si trova nella foto dietro il bancone della lavazza! per pubblicizzare in futuro un department store in quel di Forino,presso un noto Agriturismo??

    • Lello Tornatore

      (1 settembre 2010 - 17:21)

      Caro Gennaro, figurati se possa essere contrario all’arrivo della ” Campbell “(quella vera sarebbe meglio),ma bisognerebbe vedere cosa ne pensa la Chef, capisc’a me…

      • mauro giuseppe d'amato

        (1 settembre 2010 - 18:33)

        complimenti a farinetti!!è riuscito ad unire tante piccole e grandi eccellenze italiane

  • AleBax

    (2 settembre 2010 - 17:28)

    Ebben sì, anche a NY potranno apprezzare la solidità e la compatibilità ambientale dei cestini e porta cestini interamente realizzati in PET riciclato.
    Evviva…speriamo che se ne accorgano ancor di più in Italia i vari Super, Iper, ecc.
    Ciao AleBax

  • Beannah

    (5 settembre 2010 - 08:42)

    Che bella testimonianza per l’ Italia, avere connazionali all’ estero che fanno grandi cose come questa.
    E pensare che quando gli Italiani emigrarono all’inizio del 900 non godevano molto della simpatia degli Americani. Ne è stata fatta tanta di strada da allora. Congratulazioni vivissime a Oscar Farinetti e allo staff di Eataly.

  • Livio Zoppas

    (13 ottobre 2010 - 16:10)

    Sono appena tornato da NYC dove ho presentato i miei vini ad un importatore che mi ha portato, credo per farmi una sorpresa facendomi mangiare come a “casa”, da Eataly: devo dire assolutamente che il luogo, oltre a rappresentare molto bene l’Italia per il saper presentare i propri prodotti, ha anche un’ottima qualità nei prodotti stessi. Non posso che fare i miei complimenti; quando qualcosa viene fatta bene bisogna dirlo ed urlarlo, inutile urlare sempre le cose negative, impariamo a divulgare quelle positive!!! Tutto questo non può altro che giovare alla nostra immagine…

  • luciano pignataro

    (1 settembre 2010 - 09:42)

    Stavolta l’hai detta proprio giusta

I commenti sono chiusi.