Paestum, degustazione coperta di Taurasi 2000

Letture: 30


Primi ex aequo: D’Antiche Terre e Molettieri
di Diodato Buonora*

L’Amira (Associazione Maîtres Italiani Ristoranti e Alberghi) sezione Paestum, organizza periodicamente delle degustazioni vinicole alla “cieca”, vale a dire i degustatori non sono informati dei vini che assaggiano.
Il tema dell’ultima degustazione è stato: Taurasi Docg 2000. Questo vino è “sulla carta” il rosso più prestigioso del meridione, infatti, è l’unico riconosciuto con la Docg. Ottenuto con le uve del vitigno aglianico, per almeno l’85%, in 17 comuni dell’Irpinia, ha una gradazione alcolica minima di 12 gradi. L’invecchiamento minimo è di tre anni (di cui 1 in botte) e se invecchiato 48 mesi (di cui 18 in botte) può portare in etichetta la menzione “riserva”, purché raggiunga la gradazione di 12,5 gradi.
Sono stati presi in considerazione 8 Taurasi della vendemmia 2000, gli stessi che gli esperti della rivista “IL MIO VINO” hanno degustato e di cui hanno pubblicato il risultato sul numero uscito in edicola lo scorso dicembre. Questa degustazione è stata fatta per confrontare 2 metodi di valutazione, entrambi al “buio”. Si premette che i degustatori Amira stimano la rivista “IL MIO VINO” ed apprezzano l’operato dei loro esperti.
I vini sono passati sotto l’esame attento di 11 degustatori AMIRA. (Aiello, Buonora, Calabrese, Daniele, Lembo B., Napoleone, Onorato, Rotondi, Saturno D., Taurone e Vicinanza).

I campioni degustati il 2 febbraio nei saloni dell’Hotel Esplanade di Paestum, hanno dato il seguente risultato. Naturalmente, è possibile per numerosi motivi, che un altro campione della stessa azienda e della stessa annata possa dare un giudizio diverso.


1° vino classificato ex aequo:
Taurasi Docg 2000, D’Antiche Terre, Manocalzati (AV). Questa è stata la sorpresa positiva della giornata. Confrontando la degustazione dell’Amira Paestum con quella de “IL MIO VINO”, in quest’ultima, il Taurasi di D’Antiche Terre ha ottenuto solo il sesto posto, mentre il risultato Amira è molto vicino a quello del Gambero Rosso che ha assegnato a questo vino i due bicchieri rossi (in pratica quasi tre bicchieri). In degustazione, il vino è stato giudicato particolarmente equilibrato e piacevole. Eccellente/ottimo all’esame visivo, come d’altronde tutti i vini assaggiati. All’olfatto è stato giudicato “ottimo” e si percepivano dei piacevoli sentori di prugna, di amarena e di altra frutta rossa matura. Al gusto è piaciuto soprattutto nella finezza e nella piacevolezza. Sicuramente il miglior Taurasi prodotto da questa azienda che è stata fondata nel 1989. Avanti così. Risulta strano che la guida “Duemilavini” dell’Ais abbia completamento dimenticato questa cantina. Prezzo indicativo in enoteca: € 19,00. Gradazione alcolica 13%. Punteggio finale 84/100, ottimo.

1° vino classificato ex aequo:
Vigne Cinque Querce 2000, Taurasi Docg, Salvatore Molettieri, Montemarano (AV). Anche su questo vino il risultato non è concorde tra i due metodi. Per “IL MIO VINO”, 4° posto e tre stelle, per l’Amira un primo posto ampiamente meritato. Per la cronaca, il “gambero” ha “dato” a questo vino i 2 bicchieri rossi ed ha affermato che manca ancora un ulteriore tocco di finezza e di equilibrio per raggiungere i fatidici 3 bicchieri. Ancora strano che la guida dell’Ais abbia “dimenticato” anche quest’azienda. A differenza del precedente, il “Cinque Querce” è risultato più “caldo”, sicuramente per l’elevata gradazione alcolica, ma ugualmente piacevole ed elegante. Prezzo indicativo in enoteca: € 27,00. Gradazione alcolica 15%. Punteggio finale 84/100, ottimo.
3° vino classificato ex aequo:
Taurasi Docg 2000, Perillo, Castelfranci (AV). Che fatica trovare questo vino. Uno degli amirini è andato fino a Castelfranci (80/90 Km da Paestum), dove è risultato difficile trovare qualcuno che conoscesse l’azienda Perillo. Alla fine, aiutato dalla fortuna, il nostro inviato ha trovato la casa/cantina e Michele Perillo che gli ha gentilmente offerto il vino per la degustazione. L’azienda, anche se piccola, si sta distinguendo per la qualità del suo vino. Nel ’99 la “Perillo” ha prodotto poco più di 2000 bottiglie, nel 2000 circa 6000 e per il 2001 si è arrivati a quasi 10,000. Questo Taurasi è molto ricercato dagli amatori e dai ristoratori che desiderano avere delle particolarità. In degustazione è risultato ottimo/buono al naso dove si evidenziavano i sentori di liquirizia. Al gusto, ottimo in tutti i parametri. Complimenti. Altre guide: GR (2 bicchieri rossi) – Ais (assente!). Per “IL MIO VINO”, terzo posto e 3 ½ stelle. Prezzo indicativo in enoteca: € 23,00. Gradazione alcolica 14,5 %. Punteggio finale 79/100, buono.
3° vino classificato ex aequo:
Radici 2000, Taurasi Docg, Mastroberardino, Atripalda (AV). Per “il mio vino” il 2° posto (4 stelle) e miglior vino per il rapporto qualità/prezzo. Difatti, questo “Radici” è piaciuto in tutti i sensi. Segno che la più famosa azienda vinicola avellinese sta ritornando ad essere quella che tutti conoscono. Di questo, se ne sono accorti anche quelli del “Gambero” che hanno assegnato a questo Taurasi (l’unico della vendemmia 2000) i famosi 3 bicchieri. In degustazione è risultato ottimo/buono sia al gusto che all’olfatto dove si evidenziavano sentori di frutta rossa matura. Altre guide: Ais (4 grappoli) – Espresso (16,5/20). Prezzo indicativo in enoteca: € 18,50. Gradazione alcolica 13,5%. Punteggio finale 79/100, buono.

5° vino classificato:
Taurasi Docg 2000, Feudi di San Gregorio, Sorbo Serpico (AV). Della “Feudi” questo è il Taurasi considerato da “battaglia”, infatti non figura in nessuna guida. L’azienda produce anche il “Piano di Montevergine Riserva” e il “Selve di Luoti”, due prodotti nettamente superiori a quello degustato. Il vino non ha entusiasmato gli amirini e neanche gli esperti de “il mio vino” che lo hanno classificato al 7° posto. Comunque, tirate le somme, è un discreto Taurasi. Prezzo indicativo in enoteca: € 19,50. Gradazione alcolica 14%. Punteggio finale 75/100, buono.

6° vino classificato:
Vigna Macchia dei Goti 2000, Taurasi Docg, Antonio Caggiano, Taurasi (AV). Per “il mio vino” è risultato il vino migliore (il più buono), quindi è stato classificato al primo posto. Per l’Amira è stata la delusione della giornata. Già all’olfatto gli amirini hanno riscontrato qualche “defaillance” nella finezza, mentre al gusto il vino è stato giudicato solo buono/ottimo, le “pecche”, se così le possiamo chiamare, sono state individuate nell’intensità, ancora nella finezza e nella piacevolezza. Così le altre guide: GR (2 bicchieri rossi) – Ais (5 grappoli) – Espresso (17/20). Si spera che il giudizio Amira, nettamente contrastante con tutti, sia dovuto ad una bottiglia conservata male. Prezzo indicativo in enoteca: € 28,00. Gradazione alcolica 13,5%. Punteggio finale 71/100, buono.
7° vino classificato:
Taurasi Docg 2000, Villa Raiano, Serino (AV). Trovare questo vino è stata un’altra avventura. In azienda, dove già da qualche tempo commercializzano il 2001, non è stata trovata l’annata 2000. L'”inviato” amira, non sapendo che fare, ha acquistato un magnum dell’annata richiesta. Il responsabile delle degustazioni lo ha rifiutato, in quanto sull’etichetta non era menzionata l’annata. Un altro inviato ha acquistato una bottiglia in un’enoteca di Avellino, arrivato a Paestum si rende conto che è del 1999. La volontà di fare questa degustazione era tanta, così è iniziata una ricerca in “rete”. Un po’ di fortuna ed è stata trovata una bottiglia (l’ultima) in un’enoteca di Ercolano. Ancora 160 km (tra andata e ritorno) e 25 euro, ed è stato possibile effettuare la degustazione. Il vino? Deludente. Ci si aspettava di più sia all’olfatto che al gusto. Un Taurasi, secondo gli amirini, poco più che accettabile. Non si può confrontare il risultato delle altre guide, poiché tutte hanno degustato la 2001. Per “il mio vino” 5° posto. Prezzo indicativo in enoteca: € 25,00. Gradazione alcolica 13,5%. Punteggio finale 67/100, buono.
8° vino classificato:
Taurasi Docg 2000, Giulia, Prata di Principato Ultra (AV). Ultimo posto con i “due” metodi. Nel giudicare questo vino si è avuto rispetto della parola “Taurasi”. Infatti, meritava un punteggio ancora più basso. Al naso, pochi i profumi e non molto gradevoli. Al gusto….da dimenticare. Altre guide: GR (assente) – Ais (presente con il ’99 – 4 grappoli) – Espresso (l’azienda è presente solo con i bianchi). Prezzo indicativo in enoteca: € 15,50. Gradazione alcolica 13%. Punteggio finale 65/100, buono.

Il confronto tra i “grandi” degustatori de “IL MIO VINO” ed i “piccoli” dell’Amira si è rivelato molto interessante. Da notare, tra i due metodi, una sola certezza: il Taurasi (fatte poche eccezioni) non è assolutamente il grande vino che si vuol far credere, per non parlare dei prezzi che sono effettivamente esagerati.

* Fiduciario Amira Paestum
Responsabile degustazione
Per informazioni: amirapaestum@tiscali.it
www.amirapaestum.it