Partizia Spigno è il nuovo Fiduciario della Condotta Slow Food Vesuvio

Letture: 116

Il Piacere di educare al buono, pulito, giusto.

Condotte Slow Food a congresso: Condotta per Condotta, in questa nostra regione. Le storie e i progetti di buona agricoltura, di cucine e protagonisti  si stanno componendo per una nuova Campania da raccontare.

La Condotta Slow Food Vesuvio ha scelto di combattere i silenzi, ha scommesso sulla nostra storia e sulla nostra agricoltura, e senza incertezze ha partecipato alle battaglie contro la discarica nel Parco Nazionale del Vesuvio. Quando nell’Ottobre 2010 la Condotta si costituì, la stessa Assemblea votò all’unanimità un duro documento contro la discarica di Cava Sari che proprio in quei giorni veniva aperta. Il primo atto è stato rivolto alla difesa dell’ambiente, del paesaggio e della legalità. Quell’atto conteneva la condanna all’apertura di una nuova discarica di Stato in area protetta e una dura denuncia per l’esistenza di moltissime discariche abusive, sistematicamente ignorate – ma non sconosciute – da tutti gli Enti chiamati a tutelare il territorio vesuviano.

Avevamo ragione,  e lo sapevamo. Dovevamo dirlo ai vesuviani, ai ristoratori, ai produttori, dovevamo diventare co-produttori, responsabili e partecipi insieme, tutti!,  per far cambiare il sapore della nostra terra.

Qualche numero della Condotta Vesuvio:

  • 4 Orti in Africa già in produzione
  • 5 orti scolastici in partenza
  • 4 chef e 1 pizzaiuolo dell’Alleanza
  • 4 Presìdi con 21 produttori/cooperative complessivi di riferimento
  • Produttori di vino recensiti con ottimi giudizi da Slow Wine
  • Osterie ottimamente recensite da Osterie d’Italia
  • Rapporti proficui e di buona considerazione con scuole ed Enti
  • Un progetto di Mercato della Terra

E se i numeri non bastano,  allora vi proponiamo la foto del nostro Presidio

sulla tessera Slow Food di quest’anno!

 Al momento sul territorio della Condotta è attivo il Presidio del “Pomodorino del Piennolo del Vesuvio”.  Dall’agosto 2013 è stata allargata la base dei produttori passando da 1 a 8 produttori, tutti, o quasi, giovani produttori. Inoltre all’inizio di quest’anno sono pervenute altre 5 richieste di adesione al vaglio dell’Associazione e del responsabile Slow Food del Presidio.

Inoltre sono attivi anche altri tre presìdi: quello della “Papaccella Napoletana” con 4 produttori, quello del “Fagiolo Cannellino Dente di Morto di Acerra”, sempre con 4 produttori e quello degli “Antichi pomodori di Napoli” con 5 produttori/cooperative.

Sarà proposto ai produttori del Presidio Pomodorino del Piennolo  di utilizzare  le etichette narranti che Slow Food ritiene uno strumento importante e fondamentale per la conoscenza dei prodotti e dei produttori.

Obiettivo della condotta è la creazione di almeno altri due Presidi, quello dell'”Albicocca vesuviana” e del “Pane tradizionale di San Sebastiano” ed allargare la base associativa dei Presidi attivi sul territorio.

 

L’Alleanza

Il progetto di Alleanza fra cuochi e Presidi è già avviato. In Condotta già tre cuochi ed un pizzaiolo hanno stretto un patto con i Produttori dei Presidi, impegnandosi a proporre e valorizzare i loro prodotti. Almeno tre Presìdi, tutto l’anno secondo stagionalità, sono presenti nei loro menù.

E poi

Al momento sul territorio vesuviano non vi sono Comunità di Terra Madre attive. Entro la fine del 2014 si tenterà di identificare comunità locali da mettere in rete e con le quali cominciare il percorso di Terra Madre. Le comunità da identificare potranno essere formate da produttori agricoli, da pescatori, ma anche chi da tiene vive tradizioni artistiche e musicali locali. Si comincerà dalla Comunità dei Custodi dell’agricoltura Vesuviana e dalla Comunità della Piccola Pesca di Costa del Vesuvio.

IL PIACERE DEL SAPERE E DEL RACCONTARE

È un elemento fondamentale per il futuro della nostra Associazione e sarà  il filo conduttore delle attività future della Condotta. È il progetto che hanno in comune tutte le Condotte: lo stare insieme con amicizia. Il progetto è articolato come è già stato fatto altrove:

  • Piacere della convivialità: appuntamenti a tavola, cene, momenti per conoscersi e condividere il piacere di esserci
  • Piacere di sapere: degustazioni, Master of Food, laboratori del gusto; acuiamo le abilità dei sensi ed incrementiamo la nostra capacità di capire e di scegliere
  • Piacere dell’impegno: raccolta firme e “attivismo” sui temi caldi: l’acqua, l’ambiente, la biodiversità, la difesa del buono del pulito e del giusto
  • Molto piacere: iniziative di benvenuto per i nuovi soci
  • Piacere della festa: un appuntamento all’anno: la festa della Condotta
  • Piacere solidale: raccolte fondi ed iniziative per la Fondazione e per la solidarietà verso realtà locali
  • Piacere di toccare con mano: giornate in campagna o sul mare con i produttori ed i prodotti che Slow Food tutela

Infine, iniziamo a scrivere un nuova pagina della Condotta Vesuvio che dedicheremo all’EDUCAZIONE  e alla formazione delle giovani generazioni.

 

“L’Educazione in Slow Food promuove cambiamenti generando pensieri e comportamenti nuovi e più responsabili“ – Manifesto per l’Educazione

In Condotta Vesuvio, costruiremo  pensieri e comportamenti nuovi e più responsabili insieme agli studenti e ai giovani vesuviani: molti li ereditiamo dall’esperienza di Slow Food, ma li metteremo alla prova, con passione e cultura, portando a scuola i nostri educatori ma soprattutto i produttori, i contadini, gli appassionati del cibo e della nostra terra vesuviana, e spostando la scuola nei campi, nelle aziende, ai mercati, nelle mense scolastiche.

IL CONGRESSO

Ieri sera, lunedì 24 marzo, a Villa Signorini abbiamo scritto un nuovo capitolo di questo racconto vesuviano: la Condotta si è rinnovata: Partizia Spigno è il nuovo Fiduciario, coadiuvata dal nuovo Comitato di Condotta eletto dall’assemblea, formato da Marina Alaimo, Maria Lionelli, Bruno Sodano e Alberto Capasso. Giovanni Russo è l’inamovibile segretario.