Piccolo mondo antico: una bella truffa sul vino con 13 arresti al Nord

Letture: 128

I carabinieri del Nas hanno arrestato 13 persone con l’ accusa di associazione per delinquere finalizzata alla frode, adulterazione di vino DOC e IGT, alla ricettazione di prodotti enologici e all’evasione fiscale sia in Italia che in Inghilterra. Da quanto è emerso dall’attività investigativa, sarebbero stati immessi sul mercato italiano ed inglese dei prodotti enologici di bassissima qualità, spesso con valori al di sotto delle soglie minime previste dalla legge, proposti come prodotti a Denominazione di origine controllata o IGT. La truffa, per un giro d’affari di oltre 10 milioni di euro, si sarebbe sviluppata in particolare nelle province di Pavia, Bergamo e Novara, coinvolgendo una ditta di Gravellona Lomellina (Pavia), una di Bagnatica (Bergamo) ed una di Londra. Le bottiglie di vino «fasullo» o adulterato commercializzate sul mercato inglese per il primo periodo esaminato (circa 8 mesi) risulterebbero più di 3 milioni e mezzo. Su richiesta della Procura della Repubblica il GIP di Vigevano (Pavia) ha disposto il sequestro preventivo dei beni degli indagati al fine di evitare fughe all’estero di beni e denari. Tra i beni sequestrati spiccano autovetture di lusso come Maserati, alcune Mercedes, BMW, Audi – anche con targa estera -, alcuni immobili e un’ingente quantità di denaro presso vari istituti di credito. Ai fini dell’indagine è risultata importante anche il contributo delle Dogane inglesi: alcune persone sono state arrestate infatti nel Regno Unito.

L’indagine sui vini di mediocre qualità o addirittura adulterati venduti come Doc o Igt, coordinata dalla Procura di Vigevano, è stata avviata oltre un anno fa dal Servizio Antisofisticazioni Vinicole Provinciali della Regione Piemonte. Ed in Piemonte si troverebbe il dominus dell’organizzazione, un commerciante di Arona (Novara), R.F., uno dei 13 arrestati. A fornire il vino – hanno ricostruito gli inquirenti – sarebbero state le «Cantine E.Silva» di Gravellona Lomellina (Pavia) e «Enorobica» di Bagnatica (Bergamo), coinvolte con una socuietà inglese, The Italian Wine Company ltd  di Londra. Ma è stata accertata anche la complicità di due ditte di trasporti Siap di Alba (Cuneo) e Baiguini di Pisogne (Brescia).

Un commento

  • cassese bruno

    (17 aprile 2013 - 22:43)

    questa è pura delinquenza,con truffe del genere si perde la credibilità dei grandi prodotti Italiani nel campo dell’enologia,la vera truffa la subiscono tutte le aziende oneste del settore,questi delinquenti meritano la galera e l’esproprio dei loro beni.

I commenti sono chiusi.