Pommery e il piatto dell’anno di Vito Mollica per l’Espresso al Four Season di Firenze

Letture: 130
Cavatelli cacio e pepe con gamberi marinai e calamaretti

Fuori programma dopo la presentazione della Guida Espresso. Ilario Iannone e Mimma Posca di Pommery Italia hanno organizzato un light lunch per provare il piatti dell’anno dello chef Vito Mollica al Palagio del Four Season.

apetizer

 

apetizer

 

apetizer

 

Eleonora Cozzella e Vito Mollica

 

La tavola

 

Il tavolo imperiale

 

Cuvèe Louise Pommery 2000

 

Vito Mollica e Mimma Posca

 

Cavatelli cacio e pepe con gamberi marinai e calamaretti

Ecco il piatto, moderatamente ruffiano come lo ha definito Vizzari, e non poteva essere diversamente quando entra in gioco il formaggio, ma con il geniale allungo dei gamberi e dei calamaretti che lo rende interessante e mutevole. Perfetta la Cuvee Louise 1999 illustrata da Giuseppe Vaccarini, migliore sommelier del mondo nel 1978.

Cuvée Louise Pommery 1999
Lampredotto e francesina
Il tavolo

 

Il palagio Frivolezze

 

Tronchetto alla nocciola con gelato al torrone di Canelin

 

Il tavolo
Enzo Vizzari e Stefano Bonilli

Poi dopo pranzo due battute con i grandi maestri della critica gastronomica italiana:-)

5 commenti

  • Giancarlo Maffi

    (12 ottobre 2012 - 16:05)

    Noi non siamo stati invitati, a pranzo. A cena pero’ si, con modalita’ un po’diverse: vino portato da casa: magnum di Krug, magnum di Conte della Vipera, Tignanello e’un clamoroso champagne , Saignee’ de Sorbee’ di Vouette e Sorbee’. Cena notevole, con Mollica in grande spolvero, nonostante la giornata non proprio leggera. Da 18/20 il suo piccione in rete, 17,5 per il piatto dell’anno, i cavatelli, oggi in fotografia sui migliori quotidiani. Ottimi anche l’uovo con patate e il primo tartufo dell’anno, perfetto il foie gras e altre delizie. Leggermente sottotono il riso(tto) con ovoli, tra l’altro prodotto da un mio conterraneo. 17 pieno, ottimo servizio. Tanta roba:-))

  • Il Guardiano del Faro

    (12 ottobre 2012 - 17:01)

    Il Conte della Vipera è un’etichetta che mi ha sempre inquietato, ancor più del suo contenuto

  • Fabrizio Scarpato

    (12 ottobre 2012 - 17:26)

    Io mi son fatto una Magnum di antidolorifico, Oki 2008, millesimato. ;-))

  • Giancarlo Maffi

    (13 ottobre 2012 - 17:00)

    Non mi ero accorto, anzhi l’avevo anche detto: la nuova moda, in onore dei diversi mondi, e’ che le didascalie si leggono da destra a sinistra guardando lefoto: il panino con il lampredotto e’ quello di destra:-)

  • Giancarlo Maffi

    (13 ottobre 2012 - 17:06)

    Del resto anche gli APEtizer denotano una futura tendenza: Inaki ci fara’ senz’altro in futuro delle ZANZAREtizer e Il Noma delle MOSCHEtizer, in onore della nuova cucina con gli insetti. Della serie: gli strafalcioni ci portano al futuro:-))

I commenti sono chiusi.