Rionero in Vulture, Il Cantuccio del Vulture

Letture: 62

Località Piano delle Nocello
Monticchio Sgarroni
Tel. 0972.731314
www.cantucciodelvulture.it
Sempre aperto, chiuso il martedì nel periodo invernale
Numero: tre camere doppie, una camera tripla, 3 camere quadrupla

Per chi ama l’atmosfera dei boschi popolati dagli Elfi, soffio del Nord nel profondo Mezzogiorno, questa azienda agrituristica rappresenta una scelta sicura. Siamo infatti nel cuore del territorio del Vulture, il vulcano spento squassato da una terribile esplosione 800.000 anni fa, ricoperto dai boschi, gonfio di acqua minerale e caratterizzato dai due laghi di Monticchio. La proprietà si estende per circa 80 ettari coltivati principalmente a grano e ortaggi, la casa mantiene inalterato l’anima architettonica dei casali di antica tradizione contadina, si viene ricevuti in un ambiente genuino non artefatto. La sala da pranzo, ricavata dove un tempo trovavano rifugio gli animali, è arredata in stile rustico. Nel piano superiore si trovano sette camere da letto, anche queste sistemate in modo semplice ed essenziale ma dotate di tutti i comfort richiesti dall’enoturismo moderno. Vi trovano posto una ventina di persone. Proprio a fianco alla struttura si trova “La Cantina dei Vini”, una delle passioni del proprietario, dove c’è una vasta scelta di Aglianico del Vulture in particolare e di etichette regionali in generale con qualche incursione in altri territori italiani. Il servizio in tavola è affidato ai camerieri. Si mangia la tipica cucina contadina lucana dei giorni di festa, con ricchi antipasti di salumi, verdure e formaggi, primi di pasta fresca condita con sughi molto robusti di carne e di funghi, grigliate di carne mista cotta alla brace e dolci fatti in casa. Si pranza e si cena anche all’aperto quando c’è la buona stagione. L’azienda organizza giornate a tema dedicate ad esempio alla raccolta dei funghi, delle castagne, delle noci, con gite tra i boschi organizzate di buon mattino da guide specializzate. I “Cantuccio del Vulture” propone escursioni a cavallo o in mountain bike, attraverso i sentieri dei boschi che circondano i Laghi di Monticchio dove si organizzano gare di pesca. L’agriturismo è una base per visitare Venosa, la città del poeta latino Orazio, i resti della cui dimora hanno resistito sino ad oggi, e dove sorge la splendida Abbazia della Trinità, ricca di affreschi medioevali, Melfi e Lagopesole i cui castelli (XI e XII sec.) edificati rispettivamente sotto il regno di Guglielmo d’Altavilla e Federico II di Svevia, sono da sempre motivo di attrazione per i tanti turisti che quotidianamente si recano sul posto. Barile e Rionero, i due centri dove si concentrano la maggior parte delle aziende vitivinicole, sono ad un tiro di schioppo. Molto vicina anche Calitri, in provincia di Avellino, importante centro fieristico.