Roma, Paris in Trastevere: il miglior carciofo alla romana della capitale

Letture: 401
Paris in Trastevere, il carciofo alla romana

di Virginia Di Falco
Paris in Trastevere fa parte di quei ristoranti della tradizione ebraico romanesca che propongono praticamente da sempre gli stessi piatti rassicuranti, senza nessuna concessione alle mode o frivolezze di alcun tipo.

Paris in Trastevere, Dario Cappellanti, patron dal 1984

Qui lo stile del servizio, la qualità della materia prima, il garbo nella presentazione delle portate, l’eleganza d’antan delle sale, persino l’alleggerimento di alcuni piatti, appartengono alla cultura di classe borghese, non ad una particolare scuola di cucina.

Paris in Trastevere, carciofo alla romana

Secondo Giacomo A. Dente il miglior carciofo alla romana della capitale. Beh, in effetti quello che ho provato io era veramente molto buono. Condito in maniera semplice, come tradizione impone, con le foglie tenere, il gambo che sa di cardo, il profumo inconfondibile di prezzemolo e mentuccia. In questo periodo a Roma è solo questo il sapore della primavera.
Perfetto anche il fritto vegetale, un must del locale, con pastella lieve e leggera a sollevare persino il senso di colpa per un piatto così ricco e goloso. Buona la mozzarella, soddisfatta, come sempre, l’attesa dell’acciuga nel ripieno del fiore di zucca, equilibrio da manuale tra croccantezza e tenerezza nel carciofo alla giudia.

Paris in Trastevere, il fritto vegetale

E questo, come si dice, solo per cominciare. Poi, giacchè la vocazione al classico in un posto come Paris (qui dalla fine dell’Ottocento, nelle mani esperte della famiglia Cappellanti dal 1984) è d’obbligo, ripeto con curiosità, dopo tanto tempo, il test della pasta e ceci della signora Iole. Rossa (pomodori pelati), versione “brodosa”, cioè a zuppa, e, soprattutto con finissimi tagliolini all’uovo. Amidosa grazie all’aggiunta di patate, con i ceci grossi e saporiti, del rosmarino solo un profumo leggero, senza l’amaro, la freschezza del prezzemolo. Davvero un piatto appagante.

Paris in Trastevere, la mitica pasta e ceci della sora Iole

Sfiziosi e saporiti anche i piccoli gnocchetti con il ragù di pesce. E il pesce che sa di pesce è l’altro leit motiv di questo posto. Alla griglia, al forno con le patate, fritto o con il vino e le olive nere. Si sceglie tipo e pezzatura, proprio come usava una volta, e poi si aspettano i minuti di una cottura leggera e rispettosa del pescato.
Ovviamente qui si celebra anche la liturgia con il rito ortodosso: carbonara, amatriciana e abbacchio sono infatti sempre in carta.

Paris in Trastevere, gnocchetti al ragù di pesce
Paris in Trastevere, zoom su gnocchetti al ragù di pesce

Il pane è buono, la carta dei vini corposa e con possibilità di mescita.
Per chiudere, dolci – fatti in proprio – con un discreto tiramisù e una meno convincente zuppa inglese un po’ troppo affogata nella crema. Conto medio, alla carta, sui 50 euro.

Paris in Trastevere, il tiramisu'

Con il sole già prepotente di questo scorcio di aprile molto meglio stare fuori, all’aperto: dehor molto ben organizzato, con tanto di comodo divanetto per l’attesa, servizio professionale ma non anonimo, con l’accortezza dei padroni di casa alternata alle battute sveglie e pronte del cameriere “storico” (e laziale) che fanno piacere tanto agli stranieri che agli habituè — romanisti esclusi, ovviamente.

Paris in Trastevere, l'esterno, dal mio tavolo

Certo sarebbe molto più bello non dover condividere la prospettiva della piazza con le lamiere delle decine di auto parcheggiate. Siamo a qualche decina di metri da Santa Maria in Trastevere, di fronte alla chiesa edificata nel 222 in onore di Papa Calisto I che custodisce due angeli del Bernini. Ma tutto questo evidentemente non basta a farne un’isola pedonale e gli unici dipinti ben visibili oggi sono le strisce blu sui sanpietrini della piazza e i graffiti che qualche simpatico giovane genio ha lasciato sulla porta della chiesa. La maledizione di una pietra al collo prima di finire in un pozzo a questo punto è d’obbligo. Ma gli stolti non la capirebbero.

Paris in Trastevere
Piazza San Calisto 7a
Tel. 06.5815378
Aperti a pranzo e a cena
Chiusura: domenica sera e lunedi
Ferie: agosto
www. ristoranteparis.com

3 commenti

  • Rita

    (11 aprile 2012 - 14:34)

    Ottima recensione, come sempre. Sono invece davvero stupita per l’epilogo…… in effetti hai ragione ma non ti facevo così estremista!
    Ad ogni modo questi carciofi meritano proprio una visita da Paris :-)

  • Sonia

    (11 aprile 2012 - 16:30)

    Il carciofo:delizia e dolore !!!!! Non facile da cucinare per la scelta sapiente ed accurata delle foglie de eliminare per evitare che si mastichino travi .
    Tutto il mio plauso e considerazione a chi sa esaltare questa nobile pietanza con ricette semplici e al contempo saporite. Cara Virginia, i tue dettagli e ragguagli ci rendono sempre più esperti ed esigenti verso coloro che si cimentano nella difficile arte culinaria;ci consente anche saccenti e competenti commenti. Buona maestra, ottimi allievi……..

  • Ilaria

    (13 aprile 2012 - 11:55)

    Interessante il fritto vegetale! ora poi è proprio tempo di carciofi e qui sembrano maestri!!!

I commenti sono chiusi.