Rosato 2009 Campania igt Monte di Grazia

Letture: 57
Angelo Di Costanzo con una vigna gigante di Tintore a Tramonti, Costa d'Amalfi

MONTE DI GRAZIA

Uva: Tintore, Piedirosso, O’Muscio
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Diciamoci la verità, non abbiamo scelto la giornata perfetta per venire a scoprire Tramonti! La suggestione però era tanta, la voglia di venire a camminare queste vigne ultracentenarie incommensurabile. Le continue telefonate con Gerardo Vernazzaro per tastare il polso della situazione potevano far tranquillamente presagire un appuntamento mancato, ed invece no, ne è venuta fuori una giornata memorabile, e non solo per le “quintalate” di vento, freddo e pioggia che ci siamo beccati, ma per lo scenario fantastico in cui ci siamo immersi, per le persone che abbiamo incrociato, per i luoghi che abbiamo camminato e non di meno per i vini, alcuni superlativi, che abbiamo assaggiato.

Monte di Grazia è il piccolo eremo di Alfonso Arpino, medico condotto di Tramonti che ha trovato in questo piccolo casale la chiave di volta della sua vita futura, la profusione dell’amore per la sua terra ripagata dai frutti che essa genera e gli offre di anno in anno, con le stesse viti centenarie che ha avuto il coraggio di preservare invece che estirpare, come i primi enotecnici a cui chiese consulenza nel 2000, gli consigliarono. E’ persona dotta, nei suoi occhi la semplicità disarmante di chi sa ascoltare, nelle sue parole il linguaggio breve di chi ha conoscenza e la sa confrontare, Alfonso Arpino sa aspettare. E’ stato così che ha incontrato Gerardo Vernazzaro e l’ha convinto a seguirlo a Tramonti.
Gerardo, per chi lo conosce, non ha freni, è un giovane metropolitano, dinamico, è tecnico preparato e curioso, quando non è assorbito totalmente dal lavoro tra vigne e vasche in Cantina Astroni – suo il grande merito per la crescita qualitativa dei vini negli ultimi anni, assolutamente indiscutibile, anche dai soloni dal curriculum lungo dalla testa ai piedi – è in viaggio tra le pergole in Trentino o immerso nei filari a Guyot del Collio (“i migliori bianchi d’Italia si fanno qui, ed io aggia capì”, mi ripete continuamente). Così un giorno Alfonso si presenta da lui in cantina, gli porta un paio di bottiglie di Tintore e gli chiede un giudizio. Dopo qualche settimana si risentono, l’enologo è rimasto incuriosito dai vini bevuti ma ammette di non essere preparato sul varietale per potergli indicare la retta via; Il dottore non fa una grinza, lo ringrazia, ma lo invita, prima di rinunciare del tutto, ad andarlo a trovare a Tramonti, a camminare con lui la vigna di Madonna del Carmine: “Non esistono parole per descrivere quel momento, è come se avessero offerto ad un bambino la possibilità di giocare all’infinito con il suo giocattolo preferito, mi lacrimavano gli occhi dalla gioia di ciò che vedevo”.

Così pare quadrare il cerchio, la musicalità melodica, soave, solo a tratti ondeggiante, del progetto del dottore Arpino si arricchisce di quel carattere necessario, di quel jingle fondamentale per raggiungere una orecchiabilità maggiore, che tradotto in vino è vivacità espressiva, in costante crescita, che soprattutto nel Monte di Grazia rosso (di cui racconterò a breve) è quasi danzante negli ultimi millesimi, 2008 e 2009 in particolare.
Il Rosato 2009 invece è l’arma dolcemente letale per rimanere poi rapiti dalla profonda mineralità del bianco e dalla croccantezza del rosso di cui sopra. Nasce da uve tintore e solo in piccola parte con aggiunta di piedirosso e o’muscio. Quest’ultima è una varietà tipica locale a bacca rossa, di profilo molto tenue, dalla buccia praticamente inconsistente e capace di gradazioni alcoliche molto limitate, viene utilizzata, storicamente, soprattutto per stemperare la veemenza acido-tannica del tintore, e nel caso di questo rosato, ci riesce davvero alla grande. Il primo naso è fragrante di fiori e piccoli frutti, quando si racconta dei sentori di rosa canina e lampone si potrebbe pensare, in futuro, a questo vino per insegnarne gli archetipi. Non lascia scampo anche in questa versione molto light la sottile nota pepata caratterizzante l’uva rossa di Tramonti, viene fuori però in maniera molto elegante, a latere di un bouquet affascinantissimo, solo dopo un’attenta ossigenazione; I bocca è secco, piacevolmente caldo, i 13 gradi (e venti) sono perfettamente in equilibrio con la trama acida, palato finemente minerale, corroborante e rinfrancante, per tutta la beva, sulla fine della quale ritorna una nota di frutto estremamente gradevole e persistente.

Ecco cosa cerco quando, lo ammetto, solo di rado, ho voglia di bere un rosato, ecco però cosa consiglierei di non far mancare mai in cantina per conquistare l’avventore di turno voglioso di semplicità ma con fascino, per colpirlo magari nell’immaginario raccontandogli di una terra, un uva e persone straordinarie proponendogli un vino delizioso del quale, statene certi, non potrà che conservare un ottimo ricordo. Provate ad immaginarlo anche sul più semplice dei piatti di Alfonso Caputo della Taverna del Capitano seduti in veranda sul mare di Marina del Cantone, siamo forse troppo campanilisti?

Questa scheda è di Angelo Di Costanzo

Sede a Tramonti, Via Orsini, 36. Tel. e fax 089. 876906 – www.montedigrazia.it – montedigrazia@hotmail.it Proprietà: famiglia Arpino – Enologo: Gerardo Vernazzaro. Ettari: 2 di proprietà. Bottiglie: 3500 Uve: biancatenera, ginestra, pepella, tintore, piedirosso

4 commenti

  • giulia canada bartoli

    (11 marzo 2010 - 12:58)

    ma che campaniisti! viviamo in uno dei posti piu’ belli del mondo e nn sappiamo valorizzarli!!!

  • Michela Guadagno

    (11 marzo 2010 - 14:31)

    gran bel rosato!

  • rosario mattera

    (11 marzo 2010 - 15:09)

    Benvenuti nella terra di jumangji, scusate se faccio il fantastico, ma a me queste vigne hanno ricordato questo film con robin williams.
    Con il temmpaccio che abbiamo trovato, che non ti permetteva di alzare gli occhi, ma eri costretto a tenerli bassi, la visione di queste viti che si inepricano in orrizzontale per decine di metri è stato uno spettacolo che mi ha letteralmente rapito, così come già fui rapito da questo vino al tintore day.
    Quando si torna tutti insieme? magari con un pò di sole, mica dobbiamo fare sempre gli eroi…:-))

  • Angelo Di Costanzo

    (11 marzo 2010 - 15:53)

    A patto però che il sindaco di Tramonti faccia immediatamente rimuovere le lamiere, le baracche e le auto dismesse incastonate qua e là in un paesaggio stupendo.

    Sindacoooooo, noi ci mettiamo la braciola, tu per favore un po’ di coraggio!!

I commenti sono chiusi.