Il San Lorenzo 2001, estremo ed emozionante

8/11/2016 1.2 MILA

14732185_10209115223109158_6605889376447866514_n

di Albert Sapere

Non adoro particolarmente i discorsi estremi sul vino. Però quando i discorsi estremi portano a personalità, coerenza non si può non gioire. I discorsi di Natalino Crognaletti sono sicuramente estremi, ed Il San Lorenzo sicuramente un grande vino, con delle emozioni, per me bianchista convinto, davvero notevoli.

Una frutta bianca con sentori di grande evoluzione, mai predominante sulle altre nuance, profumi e ricordi di macchia mediterranea eleganti e piacevoli, poi la salvia e l’inebriante profumo dei tigli, austero, placido, assolutamente meraviglioso. in bocca la potenza dei 14,5 gradi, non intacca l’acidità, nel sorso si trova un piacere voluttuoso, corposo, con un finale lunghissimo, come le gambe di Elle Macpherson, non ti stancheresti mai di guardarle.

Da bere ascoltando ‘She’ di Elvis Costello, magari senza cibo per goderne in pieno tulle le sfumature.

Elvis Costello – She

San Lorenzo Vini 

Un commento

    Francesco Mondelli

    (8 novembre 2016 - 10:57)

    Grande cibo e grandi vini non amano convolare a nozze.Gualtiero Marchesi docet.Saranno sempre matrimoni di interesse e mai d’amore.PS.Attenzione al verdicchio:darà filo da torcere ,sia in qualità che quantità ,al nostro amato Fiano.FM.

I commenti sono chiusi.