Siano, ristorante pizzeria Il Pirata

Letture: 434
il bravissimo e giovanissimo pizzaiolo, Eliseo

di Lello Tornatore

Certo che ci vuole una bella dose di faccia tosta, solo per parlare…di cibo (ma noi siamo andati oltre la parola) dopo la stupenda cavalcata a Casa del Nonno
13!!! Devo dire, per la verità, che la colpa è stata tutta della disquisizione sulle pizze iniziata proprio nella “salumeria” di Raffaele Vitale. Le solite storie…la vera pizza la fanno solo a Napoli, la vera pizza è quella che messa in bocca non riesci a distinguere il “disco” dal “companatico”, la vera pizza è quella che ha la giusta elasticità per essere piegata “a libretto”…e via di questo passo.

Come al solito i toscani, che ne sanno una più del diavolo, ed in questa occasione erano ben più che rappresentati, per bocca di Gionata Rossi e Paolo Parisi ci prospettano il seguito della giornata da ” Il Pirata”di Siano (Sa).

da sx, Gionata Rossi, Il Pirata, Paolo Parisi e Raffaele Vitale

Scremata la comitiva dallo storico-psichiatra della gastronomia campana, il buon Tommasino Esposito, che desiste onde evitare di dover fare a botte con il proprio fegato, dagli ormai stanchissimi Maffi e Ciomei e quindi dal dispiaciuto Pigna che in questo frangente svolgeva per i toscani il ruolo che fu di Virgilio per Dante, ci dirigiamo alla volta del Pirata. Beh, non vi aspettate chissà cosa, un posto dignitoso dove poter continuare in santa pace il nostro cazzeggio sulle pizze e sull’evoluzione del gusto, in merito.

da sx, Paolo Parisi e Raffaele Vitale

 

Il tosco-campano Gionata Rossi

Ordina Rafilino, l’architetto del gusto…si ma dovete sapere che qui dal pirata, ordinare o non ordinare, è quasi la stessa cosa. In che senso? Evvelospiegosubito!!! Raffaele aveva chiesto solo qualche pizza e un pò di carne…ci arriva a tavola dopo tre minuti tre, una stupenda per me, magari per il Pigna panosa, pizza margherita che in un battibaleno divoriamo ed archiviamo.

La pizza margherita

Ma che ci si beve su? Ah no, all’unanimità bulgara decidiamo di lasciar perdere il vino, “che ne abbiamo un fracco”, direbbe la mia conterranea ormai donata alla capitale, Virginia Di Falco. E allora si va di Fisher in Fisher, una discreta bionda, “calda” intorno ai 6°…Ma anche sulla tagliata? Eccerto, siamo mica qui a contare i peli della barba del Parisi!!!

Birra Fisher

Questo è un locale spartano, essenziale, si mangia e si beve per fame e per sete, l’enogastrofighetteria si lascia fuori dall’uscio…e c’arriva la tagliata preventivamente mostrataci per farci verificare la frollatura. Una cottura da uomini delle caverne, d’altronde così l’avevamo chiesta (‘na votata e ‘na girata)!!! Ma il sapore delle carne, forse di marchigiana, non ricordo ce l’abbiano spiegato, così si sente tutto. Assieme alla tagliata ci arrivano delle costatelle di maiale niente male.

la superba tagliata

 

particolare della tagliata
costatelle di maiale

In Toscana ce la sognamo una carne così, ammette il Parisi, ma aggiunge, a parte i miei maiali!!! Il tavolo incomincia a trabordare, il Pirata (con tanto di bandana), ci spedisce ancora un piattone di delizioso Mallone, l’amalgama tra rape e patate è perfetta, e mi è piaciuto tantissimo anche il sentore di aglio bruciato, lungi da me a voler fare improbabili accostamenti, che sentiamo anche in alcuni piatti dell’Oasis di Vallesaccarda. A completare il tutto, si ce la facciamo ancora, un sontuoso e coloratissimo monticciolo di patate e papaccelle fritte.

il Mallone

 

patate e papaccelle

Gusti ancestrali, le patate sono quelle sbucciate e tagliate, dalla forma irregolare, non quelle tutte uguali direttamente dal congelatore, dal sapore posso affermare che sicuramente c’era una buona percentuale di sugna nell’olio di frittura, buone anche le pappaccelle, magari solo un pò di acidulo in eccesso…E si sono fatte le 23:30, daccordo Pigna che qui al sud non si guarda l’orologio (vedi poi da quale pulpito viene la predica…), ma stare a tavola incessantemente dalle 13:00 alle 23:30 è ben più di una giornata di lavoro, e perciò un pò di riposo lo meritiamo anche noi, lavoratori …della tavola!!! ;-))

 

Ristorante-pizzeria Il Pirata

di Nocera Salvatore

via Zambiano, 188 Siano (Sa)

tel. 3408241163

6 commenti

  • mario stingone

    (31 gennaio 2013 - 12:57)

    Ottimo per la carne appena posso ci vado ,Gtazie per la dritta.

  • Luigi SAVINO

    (31 gennaio 2013 - 14:19)

    Ottimo anche ii Mallone!

  • Gionata Rossi

    (31 gennaio 2013 - 18:55)

    Il Pirata un posto dal romanticismo gastronomico da libro Quore ed il patron malgrado le apparenze , è la maestrina dalla penna bianca, che ti guida, prendendoti per la mano attraverso i sapori della sua cucina.
    Non sbaglia quasi mai il Pirata, cintura nera di mallone e solista della costatella , ottima anche la pizza come appetaizer che dire!! Grazie per quello che fai
    P:S.
    ci sono voluti i lupi di toscana per portare un lupo irpino dal Pirata!! W La Campania amici mie!!

  • Angelo

    (1 febbraio 2013 - 12:57)

    Si è vero il Pirata Salvatore è un maestro, ma la cucina e la pizza del Ristorante Pizzeria Guernica , sempre a Siano, per me non le batte nessuno nella zona. Tutto questo sotto la direzione di un’altro Pirata: Mario, fratello di Salvatore.

    • Lello Tornatore

      (1 febbraio 2013 - 13:51)

      …andremo a verificare…rotolando!!! Preparati, Mario…;-))

  • daniela

    (29 marzo 2013 - 14:20)

    am mancat si noi acolo,in aprilie 2012, a fost foarte buna pizza

I commenti sono chiusi.