Somma Vesuviana (Na), ristorante Lo Smeraldo

Letture: 756

Via Aldo Moro, 2° tratto
Tel. 081.8932159
www.villasmeraldo.it

Non dovete entrare nella grande struttura di Carmine e Salvatore Notaro nuova di zecca dedicata alla banchettistica, uno dei settori economico-gastronomico più fiorenti in Campania dove la fame di locali di questo genere è insaziabile. Vi infilate invece nel salone dove da sempre ha funzionato questa trattoria, un tempo chiamata Casa ‘e tre pizzi, ove la i diventa pronunciandola quasi e. Qui potrete entrare sino in fondo del palato gastronomico vesuviano, scavarlo nelle sue minuzie psicologiche irrefrenabili, una miniera inesauribile di sapori ancora poco conosciuta, tanto più ricca in quando è questo un territorio di antica e consolidata vocazione commerciale dell’agroalimentare, dalla frutta al vino, sino alle sementi, per non parlare dei capretti a Sant’Anastasia e dello stocco a Somma, il maggiore centro di smercio del Centro-Sud. Ok, come una vera trattoria, si va per mangiare alcuni piatti, sempre quelli, ma di grande fattura. Ve li elenco: zuppa di fagioli, stocco all’insalata, polpette al pomodoro, braciola di cotica. Volendo, vi farete preparare un pacchero con lo il sugo di stocco e vi consolerete con l’antica scarpetta fatta di pane cafone dal sapore inimitabile. Vi assicuro che come conoscono le tecniche di lievitazione da queste parti è davvero difficile rimanere delusi da pani e dolci. Punto. Un bicchiere di vino e via. Il servizio è alla buona, senza fronzoli, ma ben esercitato dai grandi numeri e dalla esperienza pluridecennale. La trattoria è sempre aperta, è una sorta di porto con gente che va e che viene sin dall’ora di pranzo.

Come arrivare. Da Napoli imboccate la statale 268, superstrada dei Paesi Vesuviani in direzione di Ottaviano. Svoltate per Somma e al bivio di Ottaviano centro (direzione destra), girate a sinistra e proseguite sino a quando non trovate le indicazioni.