Tel Aviv: mercati, dolci, Hanukkà, pane e spezie

Letture: 321
La splendida vista su Tel Aviv da Giaffa (foto di Sara Marte)
da Tel Aviv
Sara Marte

La città lo sa che vi siete seduti. Avete cominciato a capire come si vive a Tel Aviv, dove andare e cosa fare. Avete aperto la mente verso questo minestrone multi-emozionale ma in fondo l’avete già piazzata tra le sensazioni risolte. Proprio allora sarete le vittime più semplici da gettare nei caotici mercati e nei quartieri di viuzze intricate. Tra Yafo (Giaffa) ed il porto di Tel Aviv c’è un mondo di bancarelle utili e inutili, di folclore puro e ciarpame abominevole e la linea è così sottile che a superarla basta una contrattazione sbagliata.

Mangiare nel cuore del Flea Market, Giaffa (foto di Sara Marte)

Il cibo vero, quello di tutti i giorni, si compra qui. Eventualmente, nelle giornate pigre, si può mangiare tra la confusione dei venditori e le buste degli acquisti che, in alcuni casi, impongono un dubbio: chi, tra venditore e acquirente, abbia davvero fatto l’affare.

La Saraya e la Torre dell’Orologio costruita in onore del Sultano Ottomano Abdul Hamid, Yafo (foto di Sara Marte)

A Yafo, attraversata la piazza della Torre dell’Orologio, pur essendo a due passi da Tel Aviv, vi sentirete altrove. Prima di essere annessa alla “collina della primavera” fu città di grande splendore sotto gli ottomani ed il mondo arabo si percepisce forte e chiaro.


Uno dei venditori al Flea Market, Yafo (foto di Sara Marte)

Si narra che, dopo il Diluvio Universale, per mano di Iafet, figlio di Noè fu fondata Giaffa. E’ certo comunque che, oltre alle tradizioni e ai racconti, questo sia uno dei centri antropizzati tra i più antichi al mondo. Troverete sulla strada un forno molto rinomato, Abouelafia. Un’enorme vetrina espone golosità dolci e salate in pile che non hanno mai il tempo di colmarsi data l’affluenza costante. Nel retro lavorano a ritmi “industriali” operosi fornai che permettono agli avventori di avere sempre qualcosa di caldo da gustare.

La vetrina dello storico forno sempre ricca e affollata (foto di Sara Marte)
Uno sguardo all’interno del forno, aperto ormai dal 1869 (foto di Sara Marte)

La pasticceria qui in Israele è mista e generosa. Baklava e Kugel (dei piccoli taglioni dolci fatti in teglia) si trovano un po’ ovunque così come tutta la gamma di dolci arabi, che nei mercati aggiungono colore a colore.

Alcuni dolci tipicamente arabi esposti nel cuore del mercato (foto di Sara Marte)
Ancora dolci che richiamano la tradizione araba (foto di Sara Marte)

Imponente l’abbondanza di dolci da forno come cornetti, fagottini e torte dal gusto semplice ed appagante per qualcosa di più tipico. Deliziosi sono i Sufganiyot: dei krapfen fritti e ripieni di gelatina alla frutta o creme, secondo la fantasia del pasticciere.

Una classica pasticceria che espone dolci da forno e i Sufganiyot (foto di Sara Marte)
I Sufganiyot (foto di Sara Marte)

Questo è il periodo in cui abbondano nello splendore delle numerose varianti giacché è il dolce tipico dell’Hanukkah o Festa delle Luci. Cade il 25 del mese ebraico di Kislev, solitamente a Dicembre. Quest’anno, dunque, la festa dell’Hanukkah sarà celebrata dal 20 al 28 Dicembre. La ricorrenza ricorda la liberazione del Tempio a Gerusalemme da parte dei Maccabei, celebra la riconsacrazione del Tempio ed il miracolo avvenuto in esso. Fu ritrovata una sola ampolla d’olio “puro “. Tale quantità sarebbe bastata ad alimentare la Menorah per un giorno soltanto ed invece bruciò per otto giorni. Ciò diede la possibilità ai Sacerdoti di prepararne del nuovo. Il miracolo dell’olio spiega anche perché alcuni cibi della tradizione del Chanukkà sono fritti appunto nell’olio come i nostri Sufganiyot o i classici latkes, frittelle di patate.

Alcune Menorah , tipiche della tradizione ebraica (foto di Sara Marte)
Simbolico ed intenso il ruolo della Menorah dell’Hanukkà, candelabro a otto braccia più uno. Saranno accese, giorno dopo giorno, otto candele o luci alimentate ad olio. La nona luce, collocata in posizione differente rispetto alle altre, è chiamata shamash. Questa è utilizzata primariamente per accendere le altre candele. Si dice che sia auspicabile porre la Chanukkià nei pressi della porta d’ingresso o ad una finestra mostrando all’esterno la sua luce per “permettere a ognuno di affermare la propria identità e la propria gioia”.
Congedata la confusione di Yafo e tornati nel cuore di Tel Aviv, dirigetevi sull’Allenby. Questa strada lambisce strip club e negozi carini, agenzie e alberghi, declinando ancora una volta quel contrasto, assorbito ormai dagli occhi. Ora siete al Carmel Market.
All’ingresso del Carmel Market…Eravamo tre amici al mercato (foto di Sara Marte)
TFILIN utilizzati per una breve preghiera, Carmel Market (foto di Sara Marte)
Nel Carmel Market. Accomodatevi, ce n’è per tutti (foto di Sara Marte)

Ernesto, un ristoratore Ebreo Romano mi racconta che la gente viene a fare la spesa qui: i prezzi sono convenienti, la qualità alta, la posizione cittadina favorevole. Potete assaggiare le olive condite, al forno, verdi, semplici, nere, miste, con peperoncini sott’aceto e in un tripudio di aglio e sapori.

Le olive, buonissime e considerate un vero e proprio piatto (foto di Sara Marte)

Qui sono onnipresenti in insalate, antipasti e assolute. Tra le varietà più diffuse troviamo le Manzanillo, solitamente denocciolate e le Musan. Prima di comprarle allungate la mano senza timore nei grossi contenitori, assaporatele e gettate il nocciolo nelle vaschette messe lì proprio per i passanti golosi; se vi piacciono, le prendete se no via verso il prossimo venditore.

Convivenze. Carmel Market (foto di Sara Marte)

Fidatevi del vostro naso e lasciatevi trasportare coltivando l’abilità di scartare un cimelio e aggirare pelliccette di animali ignoti e sospetti, oltre le magliette e dietro le cianfrusaglie. Arriverete al pane con le sue mille forme e semini di ogni gusto: dal papavero al girasole, zucca e sesamo, integrale, segale, farro, misto, bianco, pita e intrecciato come vuole lo shabbat. Nei ristoranti e nei negozi, lo troverete sempre caldo, spesso fatto al momento, fragrante e gustoso. Sarà servito con una salsa di pomodoro piccante o ancora con dell’olio locale, spezie a parte, o con intingoli aromatizzati di verdurine rigorosamente agliose. E’ una sorta di firma di ogni locale che idealmente riscalda, ché pane-casa son focolare lontano.

Carmel Market. Pane e Pane (foto di Sara Marte)
Tipico dei ristoranti. Qui uno sfilatino caldo con olio locale e spezie a parte (foto di Sara Marte)
Pitta calda a salsa di pomodoro piccante (foto di Sara Marte)
Nel mercato degli artisti, vicino al Carmel Market (foto di Sara Marte)
Pane arabo cotto al momento e cambiato appena freddo da veloci camerieri (foto di Sara Marte)

Il tour dei mercati finisce con quello che è considerato “da buongustai”, un po’ caro e un po’ snobbino. Alla fine della promenade, dove anche di shabbat c’è un fervore umano liberale, troverete olio locale e frutta esotica, ristorantini e un caos controllato.

Uno scorcio del Tel Aviv Port (foto di Sara Marte)
Indoor Market . Mercato coperto , vitale ed elegante (foto di Sara Marte)
Indoor Market nel giorno dello Shabbat (foto di Sara Marte)

In ogni luogo gourmet, mercato o ristorante che sia, incapperete nella pasta, apprezzata e spesso fatta a mano, e oscillante dal decoroso al molto buono. Ottimo risultato.

Uno dei tanti banchi di spezie che si trovano in giro nei mercati (foto di Sara Marte)
Spezie e frutta secca nel mercato coperto (foto di Sara Marte)
Immancabili anche qui le spezie di cui però non comprendo l’imponente presenza. Trovo che nella cucina locale siano usate con maggiore generosità rispetto al palato Italiano ma con discreta moderazione se confrontato con il Medio Oriente. I gruppi gustativi sono i soliti, piccanti all’occorrenza o anche troppo, delle volte senza necessità. L’abilità che hanno qui sta nel combinare sapientemente le spezie con numerose ed abbondanti erbe aromatiche. Sono quelle mediterranee: principalmente il basilico, che ha presenza, per quantità, quasi italica; seguono l’origano, il prezzemolo e influenze lontane come il coriandolo. Il mediterraneo stringe accordi col Medio Oriente e la cucina ringrazia.
Fra tutti questi colori e sfumature s’impara a non liquidare ciò che sembra noto. Si andrebbe incontro al rischio imperdonabile di perdere le sorprese che si nascondono dietro un’apparenza cui ci si è abituati in fretta. E’ proprio vero che in fondo non si viaggia per trovare, ma per cercare.

Le informazioni sull’ Hanukkah provengono dalla vita qui a Tel Aviv, dal forte interesse personale , da www.e-brei.net , dai siti della comunità ebraica di Roma e Bologna,dalle informazioni da www.bbc.co.uk e dalla cortese occhiata di amici credenti e praticanti sempre disponibili.

13 commenti

  • Mario

    (19 dicembre 2011 - 17:40)

    Che bello scoprire attraverso i viaggi queste tradizioni. Meraviglioso il melting pot di gusti con i dolci, le spezie e il pane.
    La foto con i krapfen fritti tutti colorati invoglia!
    Il gusto preferito?
    La saluto.

    • Sara

      (19 dicembre 2011 - 18:44)

      Uff! se la foto invoglia immagini i profumi all’ingresso di alcune pasticcerie. Ti tirano dentro!
      I gusti sono infiiti! Il classico dell’ Hanukkà è quello con la gelatina di fragole, ma se proprio devo scegliere per me “dulce de leche” è il più godurioso! Parola di golosa!

  • Giovanni Fusco

    (19 dicembre 2011 - 17:47)

    I mercati sono una realtà importante nella vità di Tel Aviv ed è riuscita a trasmetterne a pieno gli odori, i sapori ed i colori.
    Complimenti

    • Sara

      (19 dicembre 2011 - 18:48)

      Se ben ricordo dallo scorso commento lei ha vissuto 3 anni a Tel Aviv. Mi rende davvero felice sapere che le mie impressioni corrispondono a quelle di chi conosce così bene questa splendida città.
      Grazie mille.

  • Massimiliano Russo

    (19 dicembre 2011 - 18:02)

    C’è una differenza sostanziale tra mangiare in giro per il mondo e scoprirlo attraverso il cibo…Grazie per ciò che cerca e che fa scoprire a noi.
    Massimiliano

    • Sara

      (19 dicembre 2011 - 18:45)

      Grazie di cuore :o)

  • Ottavia

    (20 dicembre 2011 - 09:05)

    Buongiorno. Sono una signora di una ragguardevole età e gran viaggiatrice. Ora non riesco più a viaggiare come prima , ma certo non mi faccio mancare niente. Quando sono a casa però poter leggere di questi splendidi viaggi mi fa proprio bene .
    Grazie allora per queste belle descrizioni.

    • Sara Marte

      (20 dicembre 2011 - 15:22)

      E’ un vero piacere condividere con appassionati del mondo le mie piccole esperienze.

  • Luca

    (20 dicembre 2011 - 10:52)

    Adoro i mercati , perchè per me rappresentano la parte più vera , variopinta e interessante di ogni luogo. E’ divertente e curioso leggerne , soprattutto quando provengono da posti così poco conosciuti (almeno per me) e di cui spesso si ha un’idea distorta.

    • Sara Marte

      (20 dicembre 2011 - 15:20)

      E’ proprio così, nei mercati si respirano colori e sapori più terragni che riescono a dipengere nuove sfumature al quadro generale di una città.
      Un Saluto

  • Vittorio

    (20 dicembre 2011 - 16:57)

    Oltre ai dolci, ai profumi e ai cibi, sto leggendo con molto interesse gli spunti sulle festività . Non ho mai avuto modo di approfondire , ma ho sempre avuto molto interesse per la cultura ebraica. Quindi grazie perchè spiega tutto con chiarezza e semplicità.
    Mi permette un appunto, ma con simpatia..Dulce de leche??! un dolce..dolce proprio!

  • Sara Marte

    (21 dicembre 2011 - 10:27)

    Mi fa piacere che riesca a comunicare con chiarezza e semplicità culture così profonde e complesse.
    Riguardo ai sufganyot..sa cosa? avrei potuto sparare un gusto raffinato, complicato da palati eletti..ma avrei mentito! Una roba dolce, golosa e infantile è proprio da me! :o) mi piace che l’abbia letto e notato.
    Un abbraccio

  • mercadee

    (21 dicembre 2011 - 21:47)

    · Gomasio: è ottenuto da semi di sesamo e sale marino integrale, tostati e pestati; si può preparare facilmente in casa o si trova confezionato nei negozi specializzati e in alcuni supermercati, può essere usato al posto del sale per condire a crudo, tenendo conto che il prodotto è meno salato – poiché ogni singola particella di sale è rivestita da un sottilissimo strato d’olio. Per prepararlo in casa occorre: 100 g. di semi di sesamo per ogni 7 g. di sale marino integrale; risciacquate i semi sotto l’acqua fredda, ripulendoli da eventuali granelli o sassolini, lasciateli poi asciugare su carta da cucina; scaldate una padella su fiamma medio/bassa e fatevi arrostire i semi, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno e scuotendo di tanto in tanto la padella per evitare che brucino. I semi sono pronti quando cominciano a scoppiettare e quando, schiacciandone uno tra il pollice e l’indice, si rompe con facilità. Levateli subito dalla padella per evitare che il calore (anche a fiamma spenta) li bruci. Quindi, fate arrostire il sale marino nella stessa padella, su fiamma bassa, per alcuni minuti, sempre mescolando. Questo procedimento permette al sale di perdere l’umidità e di combinarsi bene con l’olio rilasciato dai semi di sesamo. Aggiungete i semi arrostiti e pestate bene il composto con delicatezza. Conservate in barattoli di vetro.

I commenti sono chiusi.