Tramonti rosso 2004 Costa d'Amalfi doc

Letture: 69

SAN FRANCESCO

Uva: piedirosso, tintore, aglianico
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Non so se sia suggestione psicologica, ma il naso dei vini di Tramonti ottenuti da vigne a piedefranco ha un varietale inconfondile, tipico, immediatamente riconoscibile. Il rosso di questa piccola azienda, ultima nata in Costiera Amalfitana, curato dall’enologo Carmine Valentino, somiglia molto infatti al quello base di Apicella, al Cardamone di Reale e persino al rosso di Episcopio: tre enologi diversi i quali, evidentemente, hanno puntato sulle caratteristiche del frutto. Il naso infatti non è esuberante, un po’ cupo con sentori vegetali prima ancora che di frutta, ma in bocca la mineralità e la freschezza hanno immediatamente la meglio e segnano invece una beva vigorosa, energica, vitalistica, pronta ad affrontare i piatti più squilibrati della cucina napoletana a cominciare dalle polpette fritte al sugo e terminare con il soffritto al peperoncino. La prevalenza di piedirosso rende il Tramonti Rosso di San Francesco abbastanza morbido, i tannini sono ben risolti dalla semplice evoluzione in legno e in vetro, anche se il percorso di questo vino sicuramente è ancora abbastanza lungo.

Sede a Tramonti, Via Salficiano. Tel. 089.876748. Enologo: Carmine Valentino. Ettari: 7 di proprietà.  Bottiglie prodotte: 15.000. Vitigni: piedirosso, tintore, falanghina, biancolella, pepella.