Veuve Clicquot versus Picariello, pace fatta per Decanter. E adesso parla Ciro

Letture: 152
le etichette di Veuve Clicquot e Ciro Picariello – immagine tratta da /www.decanter.com

La vicenda di Ciro Picariello-Veuve Clicquot mi ricorda questa storiella. In uno stretto vicolo dei Quartieri si incrociano due auto. Una è una Mercedes, l’altra una vecchia 500. Il guidatore della prima urla all’altro, piccolo e mingherlino: “fai retromarcia e fammi passare”. “Ma perché, visto che tu sei  in senso vietato?”. “Perché sono più grande”.

Ciro, visto cosa ha dichiarato la Veuve Clicquot a Decanter? Niente denuncia formale, sei soddisfatto?
“Sicuramente entrare in conflitto giuridico con il gigante dello Champagne non è una cosa che mi farebbe piacere. Certo, mi sorprendo un po’ quando leggo che eravamo in discussione amichevole. Il tono delle lettere dei legali non può certo considerarsi tale”.

Riassumiamo bene la vicenda

Tutto nasce da due articoli pubblicati sul Brut Contadino: uno su questo blog e uno sul blog Percorsi di Vino di Andrea Petrini. Negli articoli, scherzosamente e non io direttamente, si faceva riferimento alla concorrenza con la Veuve Clicquot. Ma era un chiaro gioco di paradossi perché nessuno può pensare che io vendo le mie tremila bottiglie di spumante giocando sull’equivoco e soprattutto con l’idea di fare concorrenza allo Champagne. Neanche un folle potrebbe prendermi sul serio e ci farei una pessima figura.

Anche perché, diciamolo, il tuo marchio è ben conosciuto nell’ambiente degli appassionati italiani e internazionali di nicchia e il tuo prodotto è completamente diverso, anche per quanto riguarda l’etichetta. Ricordo infatti che mi chiamasti chiedendomi di togliere l’articolo per chiuderla lì. Cosa che io feci di buon grado sperando nel buon senso delle persone. Lo stesso atteggiamento ha avuto l’amico Andrea Petrini. Ma c’è stato uno strascico.

Purtroppo sì. Tramite il mio legale ho spiegato che avevo provveduto a ritirare le bottiglie dal commercio ma ho ricevuto un’altra lettera a dicembre nella quale, lascio stare il tono certo non amichevole, la Veuve Clicquot si riservava di valutare i danni subiti.

E come si possono calcolare i danni non avvenuti?
Non ne ho idea. So quello che ho dovuto spendere io per questa vicenda: ci siamo rivolti infatti ad uno studio legale specializzato per capire le cose come stavano. Ed è risultato che il colore giallo è registrato, ma la mia etichetta è quasi arancione e il colore non risultava registrato da nessuno.

Qua tra poco qualcuno si andrà a registrare l’aria. Nonostante tutto, hai ritenuto di non entrare in conflitto legale
No, e mi fa piacere sapere che anche il colosso francese non intende andare oltre. Voi gentilmente avete tolto questi articoli, io ho ritirato le bottiglie, cos’altro avrei dovuto fare per evitare scontri? Io credo che quando vengono lesi dei diritti è giusto promuovere azioni legali, ma prima di procedere bisogna anche valutare chi si ha di fronte. Ho avuto contatti con altri piccoli produttori nella mia stessa situazione mentre ci sono ben altre etichette che somigliano allo Champagne.

Beh, adesso la vicenda è chiusa. Cosa hai imparato?
Ad essere ancora più prudente, se possibile. Noi piccoli produttori ormai dobbiamo avere avvocati, commercialisti e davvero diventa difficile andare avanti in questo periodo tra controlli, burocrazia, leggi e leggine. Oltre ad essere bombardati da richieste di ogni tipo.

L’importante, caro Ciro, è che continui a fare un grande Fiano di Avellino come hai sempre fatto:-)

E ora la traduzione dell’articolo di Decanter pubblicato giovedì

Articolo tratto da decanter.com

Un piccolo produttore di vino della regione Campania in Italia ha attirato l’attenzione dell’azienda produttrice di Champagne Veuve Clicquot per il colore delle etichette.

Il produttore italiano Ciro Picariello ha leso il colore del marchio
‘Clicquot Yellow’, l’azienda ha sostenuto.

Contrariamente a quanto riportato dai media, Clicquot ha detto in una dichiarazione rilasciata a decanter.com che non ha esposto denuncia formale contro il produttore italiano che possiede sette ettari e fa circa 3.000 bottiglie all’anno di vino spumante da uve Fiano di Avellino, il suo vino principale.

‘Veuve Clicquot aveva informato Ciro Picariello alla fine del 2013 circa la somiglianza tra i colori delle loro etichette e aveva chiesto se l’etichetta di Ciro Picariello poteva essere cambiata per evitare qualsiasi rischio di associazione tra i due prodotti’, ha detto l’azienda produttrice di Champagne.

Ha aggiunto che le due parti erano entrate in ‘discussioni amichevoli’.

Una campagna di protesta è iniziata in Italia su twitter sotto l’hashtag #boicottalavedova, facendo riferimento alla vedova Madame Clicquot che ha costruito la reputazione internazionale del gruppo.

Veuve Clicquot ha detto che lavorano molto per proteggere i diritti del marchio in tutto il mondo. ‘Il colore giallo di Clicquot è un marchio registrato nell’Unione Europea, negli Stati uniti e in Australia’, hanno detto.

Traduzione di Novella Talamo

 

9 commenti

  • Mr.D

    (26 gennaio 2014 - 00:30)

    e quindi niente più brut contadino o si cambia solo etichetta?

    • luciano pignataro

      (26 gennaio 2014 - 00:39)

      Si cambia etichetta, Ciro sta pensando alla Pommery

      • Mr.D

        (26 gennaio 2014 - 00:47)

        Allora così stiamo apposto :-)

        E tutte le maison con etichetta nera? Si copiano tra loro? Cause su cause?

        • Mr.D

          (26 gennaio 2014 - 00:56)

          Che poi a sto punto vado a registrare tutta la palette di colori in RGB ed esadecimale a scanso di equivoci…poi mandò lettere a qualsiasi produttore di qualsiasi cosa al mondo

          • Pietro

            (29 gennaio 2014 - 15:05)

            Ritengo la risposta di Mr. D. perfetta. Ora, fermo restando il fatto di non copiare etichette, ritengo eccessiva la registrazione del colore, mi pare davvero assurda come storia!

  • Max Perbellini

    (26 gennaio 2014 - 08:41)

    e perchè non chiamarla semplicemente CIRO scritto in caratteri arzigogolati e ombreggiati?

  • Lello Tornatore

    (26 gennaio 2014 - 09:06)

    E’ sempre la solita storia, il pesce grande mangia il più piccolo…avrei voluto vedere una solidarietà maggiore intorno a Ciro Picariello, visto che di ragioni ne aveva …più che di bottiglie, da vendere!!! ;-))

  • Aurelio Speranza

    (26 gennaio 2014 - 09:38)

    L’attacco del colosso francese, a mio giudizio, si basa sul nulla: le etichette sono diverse (colore, caratteri e impaginazione sono palesemente,differenti). Anche se paradossale, mi viene da pensare che il colosso francese ha voluto “fare rumore” attorno al suo marchio, seguendo la vecchia regola del “basta che se ne parli”….

  • Maura Sarno

    (26 gennaio 2014 - 13:36)

    Io credo che la vedova ha fatto solo un grande piacere a Ciro, non che Ciro ne abbia bisogno intendiamoci , lui è un grande….gli ha fatto una gran pubblicità ! Forza Ciro fagliela vedere ….

I commenti sono chiusi.