Vinea Tirolensis 2015: la Schiava in Alto Adige | Garantito IGP

Letture: 97
Vinea Tirolensis 2015
Vinea Tirolensis 2015

di Lorenzo Colombo

Da alcuni anni partecipiamo a VINEA TIROLENSIS, evento che si svolge presso la Fiera di Bolzano nel mese di ottobre, durante i giorni di “Hotel” la manifestazione dedicata al mondo dell’hotellerie e della ristorazione.

Durante gli anni abbiamo visto crescere sempre più il numero di Vignaioli dell’Alto Adige presenti (quest’anno erano ben settantatre) e di conseguenza anche quello dei vini in degustazione (circa trecentotrenta).

Di volta in volta ci siamo dedicati ad assaggiare i vini di una specifica zona, abbiamo così affrontato nel 2013 i Vini bianchi della Val d’Isarco, e lo scorso anno quelli della Val Venosta e del Burgraviato.

Quest’anno invece abbiamo deciso di cambiare registro, e anziché soffermarci su una specifica zona, abbiamo pensato di dedicarci ad un unico vitigno.

Un vitigno, la SCHIAVA, che è sempre stato uno dei più importanti dell’Alto Adige, ma che negli ultimi anni aveva perso sia in importanza come in ettari vitati (ancora nel 2000 se ne contavano quasi duemila ettari), ma che rimane comunque, con i suoi quasi ottocentocinquanta ettari, il più coltivato (18% della superficie vitata regionale).

Vignaioli dell'Alto Adige
Vignaioli dell’Alto Adige

Presente in tutta la regione, ha comunque la sua maggior diffusione in Oltradige, nel Meranese e nei dintorni di Bolzano e viene utilizzato in diverse denominazioni e sottodenominazioni, le più importanti delle quali sono Alto Adige Santa Maddalena e Lago di Caldaro.

Dicevamo di un vitigno spesso poco considerato, ma capace di fornire vini caratterizzati dalla semplicità e dalla facilità di beva, termini quest’ultimi da non considerarsi in senso negativo, ma che costituiscono invece il punto di forza dei vini prodotti con questo vitigno, rendendoli estremamente duttili dal punto di vista degli abbinamenti col cibo.

Vinea Tirolensis 2015, l'allestimento
Vinea Tirolensis 2015, l’allestimento

Eccovi dunque i nostri migliori assaggi, selezionati tra i poco meno di quaranta vini degustati e suddivisi per denominazioni.

Trattandosi di una degustazione a bottiglie scoperte non inseriamo alcun punteggio (tutti i vini menzionati sono comunque stati da noi valutati con un punteggio superiore agli 82/100), i vini, all’interno di ciascuna sottodenominazione rispettano comunque il nostro ordine di gradimento).

Vinea Tirolensis 2015, il pubblico
Vinea Tirolensis 2015, il pubblico

Lago di Caldaro Doc
È l’unica denominazione d’origine altoatesina che compare priva dell’indicazione “Alto Adige”, poiché si produce anche in Trentino. Se prodotto nella zona a denominazione altoatesina, può portare in etichetta gli appellativi “classico”, “superiore” e “auslese”.

Weingut Klosterhof – Auslese Classico Superiore “Plantaditsch R” 2014
Color granato-aranciato molto scarico. Intenso al naso, pulito, fresco, elegante, con sentori di ciliegia speziata, tipico. Fresco, sapido, morbido, pulito, con un bel frutto (ciliegia), piacevolmente amaricante, lunga la persistenza.

Prälatenhof – Auslese Classico Superiore 2014
Color granato di discreta intensità. Buona l’intensità olfattiva, speziato, sentori di ciliegia. Fresco, elegante, con un bel frutto ed una speziatura dolce, lunga la persistenza.

Weingut Niklas – Auslese Classico “Charta” 2014
Color granato scarico. Non molto intenso al naso, pulito, elegante, ciliegia speziata. Fresco, pulito, piacevolmente speziato, leggeri accenni vegetali, lunga la persistenza.

Weingut T. Pichler – Auslese Classico Superiore “Olte Reben” 2014
Mattonato scarico. Sentori di legno al naso. Sapido e persistente, con sentori di rabarbaro.
Ci ha convito più alla bocca che non al naso.

Weinberghof – Auslese “Eicholz” 2014
Granato scarico con note mattonate. Di discreta intensità olfattiva, tipico, sentori di ciliegia speziata. Fresco, fruttato-speziato, note balsamiche, bella vena acida, buona la persistenza.

Alto Adige Santa Maddalena Doc
La sottodenominazione è situata sui versanti a Nord di Bolzano, al vitigno Schiava può essere aggiunto sino al 15% di Lagrein. Se le uve provengono dai vigneti di Santa Maddalena, Santa Giustina, Rencio, Costa e San Pietro, il vino può riportare sull’etichetta il predicato “classico”.

Kandlerhof – Classico 2014
Granato di media intensità. Tipico al naso, fresco, elegante, presenta una bella ciliegia pulita. Fresco al palato, fruttato, piacevolmente amaricante, buona la persistenza.

Ansitz Waldgries – Classico “Antheos” 2014
Dall’intenso color rubino-granato. Di buona intensità olfattiva, pulito, elegante, con sentori di chinotto. Bel frutto speziato alla bocca, pulito, tornano i sentori di chinotto, piacevoli note amaricanti, buona l’intensità.

Griesbauerhof – Classico 2014
Color granato di media intensità. Tipico al naso, di buona intensità, ciliegia speziata. Di buona struttura, sapido, speziato, con bella trama tannica, lunga la persistenza su note amaricanti.

Glögglhof – Classico “Rondell” 2014
Color granato-rubino. Pulito al naso, con sentori di ciliegia speziata. Fresco, pulito, elegante, piacevolmente amaricante, leggere note vegetali, buona la persistenza. Tipico.

Untermoserhof – Classico 2014
Color granato scarico. Di buona intensità olfattiva, note di ciliegia speziata e di chinotto, accenni aromatici. Buona la struttura, sapido, bel frutto (ciliegia), spezie dolci, lunga la persistenza.

Pfannenstielhof – Classico 2014
Color rubino-granato. Di media intensità olfattiva, ciliegia speziata, tipico. Fresco, sapido, fruttato, con bella vena acida, note speziate, lunga persistenza, piacevole beva.

Erbhof Unterganzner – 2014
Rubino-granato di buona intensità. Discreta l’intensità olfattiva con sentori di ciliegia speziata. Di buona struttura, sapido, con bella trama tannica (tannini morbidi), fresco, elegante, piacevolmente amaricante, buona la persistenza.

Weingut Larcherhof – Classico 2014
Rubino-granato luminoso di media intensità. Buona l’intensità olfattiva, sentori di ciliegia speziata. Di buona struttura, sapido, amaricante, con note vegetali, buona la persistenza.

Obermoser – Classico 2014
Color granato-rubino di buona intensità. Intenso e pulito al naso, con sentori di ciliegia e note speziate. Intenso al palato, di buona struttura, accenni vegetali, piacevolmente amaricante.

Wassererhof – Classico 2014
Rubino luminoso di buona intensità. Intenso al naso, pulito, con un bel frutto rosso. Sapido, di discreta struttura, piacevolmente amaricante, buona la persistenza.

Weingut Unterhofer – 2014
Color granato di media intensità. Discreta l’intensità olfattiva, sentori di ciliegia speziata, ricordi di legno. Fresco, con accenni vegetali, bella la vena acida, piacevoli note amaricanti su lunga persistenza.

Zundlhof – Classico 2014
Color granato. Di buona intensità olfattiva, tipico, sentori di ciliegia speziata. Speziato alla bocca, con tannini in evidenza, note vegetali, amaricante, buona la persistenza.

Fliederhof – Classico 2014
Granato-rubino di discreta intensità. Media l’intensità olfattiva, sentori di ciliegia speziata. Di buona struttura, morbido ed al contempo sapido, con accenni vegetali, discreta ala persistenza.

Ebnerhof – 2013
Color granato-mattonato. Intenso al naso, speziato, con sentori di chinotto ed accenni di rabarbaro, buona l’eleganza. Asciutto, con tannino in evidenza, speziato, amaricante, lunga la persistenza.

Alto Adige Meranese Doc (o Colline di Merano)
La zona di produzione è situata attorno alla città di Merano.

Popphof – 2014
Color granato scarico. Di buona intensità olfattiva, tipico, sentori di ciliegia speziata. Fresco, pulito, speziato, con leggeri sentori vegetali, lunghissima la persistenza su note amaricanti.

Pardellerhof Montin – 2014
Color granato di media intensità. Non molto intenso al naso, pulito, fruttato. Fresco, fruttato, con note piacevolmente amaricanti, buona la persistenza. Di piacevole beva.

Innerleiterhof – 2014
Granato-rubino non molto intenso. Tipico al naso, di buona intensità, ciliegia speziata. Fresco, speziato, con note vegetali, buona la persistenza su note amaricanti.

Alto Adige Schiava Doc
Le uve possono provenire da qualunque area vitata altoatesina, dopo la scritta “Alto Adige” è obbligatorio mettere il nome del vitigno utilizzato.

Gumphof – Vernatsch 2014
Color rubino-granato. Di media intensità olfattiva, buona eleganza, sentori di ciliegia speziata. Fresco alla bocca, di discreta struttura e buona persistenza, legno percepibile.

Weingut Ebner – Vernatsch 2014
Granato non molto intenso. Discreta l’intensità olfattiva, speziato, con frutto rosso in sottofondo. Di media struttura, fresco, amaricante, un poco semplice ma di piacevole beva, buona la persistenza.

Igt

Pranzegg – Vigneti delle Dolomiti Rosso “Campill” (Vernatsch alte Reben) 2012
Color granato con mote mattonate. Intenso e pulito al naso, vanigliato, con legno in evidenza. Di buona struttura, sapido, si colgono ciliegia matura e legno dolce, buona la persistenza.
Anche se molto buono, ci è parso un poco atipico (se si può parlare di tipicità in un vino ad indicazione geografica).

I giovani promettenti di garantito igp
I giovani promettenti di garantito igp

Pubblicato in contemporanea su

Alta fedeltà

Internet Gourmet

Lavinium

Luciano Pignataro WineBlog

Percorsi di Vino

Vinealia

Winesurf