Vitamenia 2019, il rosato biologico di Patrizia Malanga che guarda il mare, altri descrittivi

28/4/2021 605
Vitamenia rosato
Vitamenia rosato

di Marco Galetti

 

Guardano il mare i vini di Patrizia Malanga
Guardano il mare i vini di Patrizia Malanga
L’Azienda Agricola e Agrituristica, Le Vigne di Raito, in conduzione biologica certificata ICEA, con coltivazione esclusivamente manuale,  produce, oltre al Ragis Rosso, il Vitamenia rosato, DOC Costa d’Amalfi.

Vinificazione in bianco per le uve di Aglianico e Piedirosso, raccolte in leggero anticipo e pigiate a bassa pressione, prima dell’imbottigliamento, fermentazione in acciaio e affinamento in legno per circa sei mesi.

Le Vigne di Raito, sorrisi&grappoli tentatori
Le Vigne di Raito, sorrisi&grappoli tentatori
Amore al primo morso (diciamo sorso) e a prima vista, come fu quello di Patrizia per Raito e per il suo territorio immerso nella macchia mediterranea con vista privilegiata sulla Costiera Amalfitana.

L’azienda vitivinicola, che ha mosso i suoi primi passi nel 2001, su due ettari di terreno in stato di semi abbandono, oggi, oltre che punto di riferimento enoturistico, è anche agriturismo e meta di visitatori da tutto il mondo.

Vitamenia, quando una quota rosa è interessante anche il suo lato B non è da meno, queste sono 2 delle 1800 bottiglie prodotte

Vitamenia
Vitamenia
Il nome Vitamenia, mi dice Patrizia, è stato scelto perché “ nel Medioevo, nel territorio corrispondente all’attuale contrada San Vito in Raito, è citata in più documenti un’area denominata Vitamenia ed etimologicamente riconducibile alla vite”.

Questo rosato di tredici gradi, secco, fresco, è sicuramente versatile quanto ad abbinamenti&momenti adatti alla degustazione, azzeccata la scelta di stapparlo in occasione di un aperitivo campano.

I salumi&formaggi cilentani, col “rinforzo” di un vassoio di pizza marinara appena sfornata, hanno reso onore a questo rosato intenso, anche nel colore, prodotto con metodo biologico e biodinamico da uve coltivate all’interno dell’Azienda.

La piacevole acidità del Vitamenia, prelevato dalla cantina e servito a tavola fresco,  ha rinfrescato e pulito la bocca preparando il palato al boccone successivo di salumi che, per colori e sapidità, viaggia ton sur ton con questo rosato piacevolmente lungo, minerale, infatti  scorre come l’acqua, indicatore da non sottovalutare, per questo rimprovero a Patrizia di non aver apposto in controetichetta la scritta: da assumere con moderazione.

Qualche ulteriore considerazione in corsivo prima dei titoli di coda… ***

L’abbinamento che ho scelto: salumi&formaggi campani, cilentani per l’esattezza

Salumi&formaggi campani
Salumi&formaggi campani
Primo piano e primo assaggio
Primo piano e primo assaggio
*** Il subliminale vestito da interrogativa indiretta ha fatto il suo effetto, il Dottor Malgi, dopo avermi mandato il Ragis di Patrizia, ha voluto offrirmi anche l’assaggio di questo rosato dal colore intenso e quasi irreale che questo vino sembra prendere dal tramonto della Costa d’Amalfi.

Sul solco dell’LP tracciato dall’Editore, provo a dire con parole mie quel che lui disse e mi colpì di questo mondo: di un vino non “arriva” la scheda tecnica, né quelle caratteristiche risultato del triplo esame guidato da vista, olfatto e gusto, di un vino arriva la sensazione che scaturisce dall’aspettativa che genera emozione, quella che ho provato io immaginando di vedere attraverso un calice di rosato un tramonto in Costa d’Amalfi… Patrizia prima o poi arrivo, tienimi un piccolo posto vista mare, la vita(menia) scorre veloce, godiamocela.

Le Vigne di Raito

Azienda Agricola biologica e Agrituristica di Patrizia Malanga

Via San Vito 9

84019 Raito – Vietri sul mare SA

Mob 328 8651452

4 commenti

    Marco Contursi

    Gran bel posto, gran bel vino, gran bella persona.

    28 aprile 2021 - 09:37Rispondi

    Enrico Malgi

    Caro Marco è tutto merito della illimitata generosità di Patrizia Malanga, artefice di questa grande e gradita sorpresa. E’ proprio lei che bisogna ringraziare. E comunque hai ragione: si tratta davvero di un rosato eccellente, che fa il paio col rosso Ragis.

    28 aprile 2021 - 10:02Rispondi

    Mondelli Francesco

    La vita in rosa di un milanese che si scioglie al pensiero Divina Costiera volando sulla tastiera (effetto collaterale per chi non ha mai volute far sue le regole dell’assaggiatore ritenendosi semplicemente un santo bevitore) sognando l’azzurro del mare dove al più presto di sicuro vorrà naufragare FM

    28 aprile 2021 - 14:04Rispondi

    antonio prinzo

    Tutto stupendo e pensare che da quel posto si volge lo sguardo al nostro Cilento!

    28 aprile 2021 - 21:31Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.