Aglianico a Roma, emozioni e assaggi da ricordare

23/2/2018 1.2 MILA
Vuolo dai Colli di Salerno
Vuolo dai Colli di Salerno

di Marina Betto

Il colore rosso più noto del vino è il bordeaux che tinge anche il mondo della moda e del make-up ma dovrebbe essere presente anche il color Aglianico, rosso rubino intenso, una tinta vivace e trasparente   seppur cupa.

Diverse etichette di Aglianico dall’Irpinia, Puglia, Colline Salernitane
Diverse etichette di Aglianico dall’Irpinia, Puglia, Colline Salernitane

A Roma si è svolta un’interessante manifestazione su questo vino e i territori dove alligna, il Vulture in Basilicata, Taurasi in Irpinia, Il Beneventano, Salerno, Il Sannio e il Taburno, il Cilento in Campania ma è stato possibile assaggiare anche qualche vino pugliese come Tormaresca. Villa Raiano e Tenuta Cavalier Pepe per l’Irpinia, casa di Baal per le Colline Salernitane, Musto Carmelitano e Tenuta I Gelsi per il Vulture, il Taburno con Fontanavecchia sono solo alcuni esempi di Aglianico assolutamente da provare e bere ogniqualvolta si desidera un vino rosso strutturato e corposo ma allo stesso tempo equilibrato e ricco di sfumature dove il tannino ben presente è domato, levigato, reso setoso dal lungo affinamento. L’uva giusta nel posto giusto è il segreto di un grande vino come svela il Prof. Luigi Moio ( enologo e produttore) nel suo ” Respiro del Vino” Rizzoli editore, presente alla manifestazione romana tenendo una conferenza dove ha a approfondito i concetti di terroir che spesso vengono evasi dall’enologia moderna volendo piantare tutto dappertutto.

Il Respiro del Vino- Rizzoli editore di Luigi Moio
Il Respiro del Vino- Rizzoli editore di Luigi Moio

Non è il caso dell’Aglianico che resiste e vegeta da millenni nell’areale campano e in Basilicata e come tale fa parte di un mondo agricolo che lo ha sempre tenuto nella giusta considerazione. Non esiste però un modello di Aglianico, un modello sensoriale di questo vino e se le differenze sono date  dalle maggiori o minori macerazioni sulle bucce, l’affinamento, in accaio , barrique o botte grande lo spartiacque rimane il territorio in cui viene prodotto. Il Vulture sfodera un’innata classe figlia di un clima freddo di alta montagna ideale per questo tipo di vitigno a maturazione tardiva che ama le temperature rigide. Elena Fucci con il suo Titolo, Musto Carmelitano con il Maschitano e Serra del Prete, gli ottimi Stupor Mundi e 400 Some di Carbone  vini tra i più  raffinati sotto il profilo olfattivo con sentori di incenso e spezie dolci che vanno ben al di là dei piccoli frutti, così come il Basilisco e il Teodosio di Viviana Malafarina. I vini di  Paternoster  difficilmente vengono superati per eleganza nella versione Rotondo o Don Anselmo rimangono una pietra miliare per questa tipologia di vino avendone fatta in un certo senso la storia. Spostandosi in Irpinia a Montefalcione troviamo  il Donna Chiara dalla suadenza rotonda e garbata poi Optio di Cantine Macchie S. Maria ;  i vini Irpinia Aglianico 2015, Irpinia Campi Taurasini e il Taurasi 2013 tutti di Villa Raiano  sanno esprimere  sia pronta beva sia completo equilibrio nel Taurasi; Stella Maris 2012 di Tenuta Scuotto  è un vino essenziale nel delineare la potenza e la gradevolezza di questo vitigno come un gioiello simbolo di classe unica e particolare.

I vini di Mustilli dal Sannio
I vini di Mustilli dal Sannio

I vini da uve Aglianico sono longevi sempiterni fatti per tavole antiche dove si gustano capretti al forno, intingoli di agnello, funghi, ma alcune espressioni permettono una bevibilità più quotidiana soprattutto se provenienti da altri areali come il Cilento  dove da non perdere è l’assaggio dei Viticoltori De Concilis o il Taburno con Nifo Sarrapochiello e il Sannio  con Mustilli o Dai Colli di Salerno come l’Azienda Agricola Vuolo. L’immagine di un vino è fatta di tanti assaggi che si compongono poi a creare l’idea di quel prodotto; la mia dell’Aglianico è un’immagine di vino potente ma elegante capace di raccontare la storia in cui è nato e per questo ricco di fascino.

Alcune etichette di Aglianico del Vulture presenti alla manifestazione Aglianico a Roma
Alcune etichette di Aglianico del Vulture presenti alla manifestazione Aglianico a Roma

Un commento

    Francesco Mondelli

    (23 febbraio 2018 - 11:43)

    Matrimonio ideale ,più volte sperimentato con tutte le tipologie,secondo me è con soffritto di interiora di capretto con un odore di cipolla ramata,un pelato San Marzano ogni due porzioni EVO di Salella Cilentana ed una leggerissima spolverata di peperoncino calabrese che, come i grandi profumi francesi .non deve essere mai invadente ma finememente esaltante.PS.Come si vede chiaramente anche dalla foto il libro del professor Moio è edito da Mondadori.FM.

I commenti sono chiusi.