Birreria Draft a Vallo della Lucania, lettera aperta al turista milanese in vacanza in Cilento

10/7/2018 4.3 MILA
Scario
Scario

di Marco Galetti

recenti ricordi cilentani
recenti ricordi cilentani

Caro turista milanese che hai programmato la tua prossima vacanza balneare in Cilento, qualunque sia la tua destinazione finale, che tu abbia scelto Agropoli, Ascea, Palinuro, Marina di Camerota, Scario o un’altra località sulla costa cilentana, sappi che  non troverai un semaforo a frapporsi tra te e il mare, il Cilento è un altro mondo, verde, incredibilmente verde appena ci si allontana dalle  spiagge che per dimensioni e per numero di turisti definirei vivibili, un territorio molto vasto e poco  abitato, non ci sei abituato lo so, caro turista milanese… Milano ti odio, ho bisogno di iodio, ti ho sentito dire allo specchio, poi ti sei ritagliato mezz’ora del tuo tempo, rubandolo ad una giornata lavorativa che deve necessariamente partire prima e finire dopo per via del traffico, e hai prenotato un soggiorno in costa cilentana, anche il Frecciarossa si è dovuto adeguare ai tuoi ritmi offrendoti fermate mirate consentendoti di risparmiare un po’ del tuo tempo che qui, innegabilmente, oltre ad essere nettamente meglio dal punto di vista meteorologico, si muove ad una velocità meno disumana… e se già all’altezza di Numana, gli altri anni ti sembrava quasi di rinascere, una volta superata Salerno, non dovrai far altro che cercare una Sabrina tra una bufala e l’altra, perché qui il tempo si è fermato prendendo spunto da Eboli.

Caro turista milanese, in questo luogo l’offerta mare-terra ti consente di vivere giorno-notte due giornate in una, scoprendo calette e turiste verde smeraldo nei fondali e negli sguardi… si offriranno al tuo sguardo per deliziare le tue serate, locali inerpicati e inaspettati che osservano al fresco il mare dall’alto, in questi locali troverai pasta e verdure, salumi e formaggi locali, olio buono e una buona accoglienza, sempre che tu voglia rinunciare al pesce appena pescato che ti verrà servito in riva al mare, pesce che non deve fare un lungo viaggio in direzione nord prima di finire nel tuo piatto…

Caro turista milanese sei nella terra del sorriso, sorridi, in fondo dovrai solo rinunciare al riso, per il resto c’è davvero tutto e non è una bufala… caro turista milanese che come me opterai per la bufala a colazione, sfruttando ogni boccone bianco perla che ti si presenta, goditi più che puoi paesaggi, odori e sapori cilentani…

La costa cilentana vista da Ascea

La costa cilentana vista da Ascea
La costa cilentana vista da Ascea

Draft, il bancone

Draft, il bancone
Draft, il bancone

…ma se una sera, la Milano che odi ma in fondo ami, dovesse affacciarsi timidamente nei tuoi pensieri, con l’immagine che credevi dimenticata di uno di quei locali di tendenza sul Naviglio, di quelli con una vasta scelta di birre, hamburger sulla griglia e musica dal vivo, uno di quei locali pieni di gente e di vita pulsante, non farti prendere dalla malinconia ma fatti passare a prendere dal baffo del cilento e lasciati condurre da lui a Vallo della Lucania al numero tre di via De Marsilio.

Draft è una birreria dall’aspetto metropolitano con oltre ottanta posti a sedere piacevolmente distribuiti in un locale che fa della programmazione musicale live un punto di forza, oltre cento le birre proposte tra artigianali e alla spina pronte ad accoppiarsi con hamburger di alto livello  che soddisfano per qualità, quantità e digeribilità, sono hamburger DOC a denominazione di origine cilentana, farciti con prodotti freschi e locali, anche il pane (bonus) è quello di Storie di Pane di Vallo.

Draft, sgabelli…

Draft, sgabelli..
Draft, sgabelli..

… e sedute

Draft, il pane sopra media di Storie di Pane

Draf, il pane sopra media di Storie di pane
Draf, il pane sopra media di Storie di pane

Caro turista milanese, non hai più scuse, fermati in Cilento, c’è anche un locale un po’ milanese dai ritmi slow, quando sono stato da Draft, gli incorreggibili amici cilentani, forse pensando che oltre cento birre fossero una scelta limitata, si sono presentati con un paio di bottiglie di vino, l’avessero fatto a Milano, con molta probabilità, ci avrebbero accompagnato nemmeno troppo gentilmente all’uscita, qui sono stati gentilissimi offrendoci calici per il vino in cambio delle birre che non avremmo acquistato e dimostrando ancora una volta, ce ne fosse bisogno, che l’accoglienza cilentana è un passo avanti, come cantavano i Madness…magari, come hanno fatto recentemente molti artisti, verranno anche loro qui, a suonare dal vivo, in questo luogo che sembra geograficamente fuori dal mondo eppure è “One step beyond”…

Draft, l’hamburger è un passo avanti

Dratf, l'hamburger e' un passo avanti
Dratf, l’hamburger e’ un passo avanti

7 commenti

    Enrico Malgi

    (10 luglio 2018 - 10:25)

    Impagabile! P.s Marco fammi il piacere non dirlo troppo in giro che nel Cilento si sta benissimo, si mangia e ci si diverte tanto, altrimenti verranno qui da tutta l’Italia e dal mondo…

    Marco Galetti

    (10 luglio 2018 - 10:37)

    @Baffo, se saremo noi turisti ad adeguarci al passo cilentano e non viceversa, il problema non sussiste

    marco contursi

    (10 luglio 2018 - 11:16)

    Manca ancora lo scritto di Marco su una osteria viitata insieme……..come sono curiosi di leggerne…..anzi…..siamo. ;-)

    Marco Galetti

    (10 luglio 2018 - 11:58)

    La foto in notturna della costa è stata scattata proprio la sera nella quale campani e lombardi si sono ritrovati in osteria, a fine serata io e Marco Contursi abbiamo incontrato una volpe, vera, l’abbiamo riconosciuta perché ci ha guardato con insistenza ma non ci ha chiesto alcun bicchiere di passito…

    Francesco Mondelli

    (10 luglio 2018 - 14:57)

    Verde anche a partire dalla spiaggia.Ascea Marina ad esempio.A pochi metri dalla scogliera il recente sentiero degli innamorati(fortemente voluto dal nuovo presidente del parco) in una lecciaia marina (per me caso raro) tra aglio selvatico carote marine e orchidee selvatiche(quando è periodo) gigli bianchi e ginestra cilentana si apre al fine sull’infinito blu del mare.Sempre ad Ascea (ma lo stesso si può dire di quasi tutto il Cilento )più della metà delle spiagge sono LIBERE e raggiungibili con dieci minuti a piedi dalla stazione FS.Non può mancare infine un accenno al sito archeologico di Velia che diede i natali a Parmenide e Zenone e dove troviamo il primo esempio di arco a volta dell’antica Roma detto oggi Porta Rosa.Non di solo PANE vive l’uomo ma di ogni PAROLA che viene da DIO.FM.

    Marco Galetti

    (10 luglio 2018 - 15:20)

    E che dire, caro Francesco, delle due pluripremiate eccellenze che mi hai fatto conoscere, l’olio dell’Azienda Agricola Pietrabianca e i fichi di Santomiele… ma che ne sanno i milanesi… ma che ne sanno i milanesi di una spiaggetta a Pioppi…

    Enrico Malgi

    (10 luglio 2018 - 16:02)

    Ti ho pregato Marco: non alzare troppo la voce, non ti esporre troppo. Credimi stiamo bene così, a parte qualche visita interessata come la tua e quella della tua gentile signora. Quando vuoi venire qui sei sempre benvenuto ed io sarò felicissimo di farti da guida. D’altra parte dobbiamo ancora visitare insieme altri locali ed altri siti, perché fino adesso hai goduto soltanto di un piccolo assaggio. Ce n’è ancora da vedere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.