Buddha Bar, Montecarlo

3/10/2010 2.7 MILA

Si era anche messa in posa, ma l’ho sfocata lo stesso.

Mano poco ferma, anche prima dell’aperitivo.

Scatto mancato, due volte, questa è la migliore.

Organza bianca , tacco 20, capelli platino.

Ingresso del Buddha Bar, nel Palazzo del Casinò

Nel paese dei balocchi ci deve probabilmente essere anche un qualche regolamento che consente certi ingressi ed altri no. Probabilmente i vigili sono autorizzati a controllare se i tacchi sono regolamentari e le altre proporzioni congrue al paesaggio circostante. Per l’età vanno a occhio, non serve presentare documenti. Diversamente non mi spiego la monotonia che circonda e intasa il nuovo Buddha Bar di Montecarlo.

D j ?
Zona bar

Il 70 % della clientela del bar lunge disco restaurant da 100 + 100 coperti è così, come quella qui sopra, e il parcheggio anche . Il locale è pienissimo, non c’è un posto per la cena e anche i divanetti della sala sottostante il ristorante sono al completo. Al bancone i veloci barman non fanno in tempo a stipare i frigoriferi di Cristal, a spingerci dentro sei bottiglie per volta di Dom Perignon.

Zona ristorante

Come si mangia o cosa si beve sembra interessare ben poco a tutti, ci si aggira senza senso e senza scopi, così, tanto per dare un non senso alla serata. Non mi sembra il caso di dilungarsi oltre.

Parcheggio
Parcheggio

gdf

12 commenti

    virginia

    Le Barbie sono in vendita? Il modello «Montecarlo» mi era sfuggito, eppure ho due nipotine di 5 e 6 anni appassionate del genere che mi tengono aggiornata!

    3 ottobre 2010 - 18:36

    beppe

    un vero peccato per la messa a fuoco!!! Quella Chèrì meritava di più, peccato veramente.
    Le barbie così sono sempre in vendita e con trend in salita :-)

    3 ottobre 2010 - 19:14

    giancarlo maffi

    dai gardien, non ci credo. la foto buona te la sei portata a casa : or-ganza platino = or-gas-p !!!

    3 ottobre 2010 - 20:09

    consumazioneobbligatoria

    io sulla mia con quei tacchi non ce le farei montare ecco…

    3 ottobre 2010 - 22:20

    Giovanni Lagnese

    Ma cosa c’entrano con l’enogastronomia codesti post?

    Giovanni

    4 ottobre 2010 - 00:40

      Lello Tornatore

      Tutto si mangia!!! Magari queste con gli occhi…

      4 ottobre 2010 - 08:50

    roberto

    La rubrica si chiama Itinerari in Provenza, di Turismo si tratta. Quindi , Bar, Ristoranti, Cantine, Musei, Tombe di Fotografi, Hotel de Charme, Intrattenitrici turistiche, Negozi Enogastronomici , Impiegate negli uffici del turismo ecc . Ecco, a voler fare bena la punta alla matita è Monaco che con la provenza è un po’ al limite come concetto, su questo bisogna dare atto a Lagnese della forzatura…

    E non dimentichiamo che tutto ciò rientra nella rinnovata linea editoriale del Pigna Club , linea editoriale di successo che prevede una consistenza presenza di primi piatti a base di patata , linea editoriale che sta pagando in termini di audience ben oltre le aspettative se è vero che un ulteriore venti per cento è in via di acquisizione stabile. Mica pizza e fichi.

    4 ottobre 2010 - 08:56

    robben70

    :-)

    4 ottobre 2010 - 09:39

    Fabrizio

    w la sincerità ma dal pinchio non credo che abbiano speso neanche la metà. :)

    4 ottobre 2010 - 14:44

    Rob78

    Ma la belloccia platinata era in posa davanti al Luigi, mica scema la figliola ;)
    Da prendere in dosi omeopatiche, altrimenti si perde il contatto con la realtà

    4 ottobre 2010 - 15:04

      giancarlo maffi

      da prendere! punto.

      4 ottobre 2010 - 17:42

    Nick

    Io sono stato più volte al Buddha Bar. A parte l’abbondanza femminile (scosciata o meno, prof., free o semiprof.) è un posto dove si mangia divinamente, se vi piace la cucina giapponese.
    Io sono appassionato della japan-cuisine (e di solito dove il posto è cool si mangia da schifo).
    Ma non in questo caso. Straordinari i due chef.

    9 novembre 2010 - 16:45

I commenti sono chiusi.