Campionato Mondiale della Pizza a Parma: ecco tutti i vincitori!

12/4/2018 1.2 MILA
Il Podio della Pizza Classica
Il Podio della Pizza Classica

Si è chiusa  la 27esima edizione del Campionato Mondiale della Pizza 2018, un’edizione da record con tantissimi concorrenti – 773 tra chef e pizzaioli – più di mille gare e 44 nazioni rappresentate. La pizza classica come sempre è stata la gara che ha registrato il maggior numero di partecipazioni – più di 400 concorrenti in due giornate- . Grande impegno da parte delle tantissime delegazioni straniere, che hanno letteralmente partecipato a tutte le competizioni in programma. I tantissimi pizzaioli in gara hanno trovato ospitalità come sempre al Palacassa della fiera di Parma. Presente anche lo chef tre stelle michelin Heinz Beck, che mercoledì ha presieduto la giuria del trofeo ” I primi piatti in pizzeria” e ha dato al pubblico dell’evento di Parma, la propria interpretazione della pizza.

Ecco i primi 3 classificati di ogni categoria con la ricetta della pizza o del piatto proposto:

PIZZA CLASSICA

1 Stefano Miozzo pizzeria al borgo 1964, Cerea (VR), pizza “Cortile dei Nonni” coste, radicchio tardivo, piccione, foies gras, sale maldon vanigliato, aceto balsamico, parmigiano, bottarga di gallina. STEFANO MIOZZO VINCE ANCHE IL PREMIO PARMIGIANO REGGIANO PER LA MIGLIORE PIZZA COL PARMIGIANO.

2 Abramo Fini, pizzeria Nashville, Roma pizza “Contrasto” purea d patate, gorgonzola, mirtilli, miele millefiori, burrata, cialde croccanti a base di piselli, zucca, parmigiano, rapa rossa, mirtillo disidratato, olio evo,

3 Torre Valerio Luca, Torretta Pizza di Azzate (VA) pizza “edo” , crema di asparagi, stracciatella, asparagi croccanti, zabaione salto, parmigiano reggiano, tartare, crescione, fiori eduli, limone.

PIZZA IN TEGLIA

1 Mirko Boniolo, pizzeria Punto Pizza, Cavarzere (VE) pizza “profumi di campagna” pomodoro, mozzarella, asparagi verdi, scaglie di tartufo nero, pancetta al pepe, mimosa d’uovo, parmigiano reggiao.

2 Cesare Valverde, Pizzeria il rustico Polverigi (AN) pizza ” parmigiana di melanzana”: pomodori s. marzano, basilico, aglio, peperoncino, olio evo. Melanzane fritte, auricchio dolce, mozzarella di bufala campana, parmigiano reggiano, basilico fresco.

3 Minelli Roberto, pizzeria Prati Verdi, Pontoglio (BS) pizza “rustico raffinato”, mozzarella, lardo iberico, parmigiano, spuma di parmigiano, rosmarino, emulsione di dragoncello

PIZZA NAPOLETANA STG

1 – Vincenzo Palermo, Eataly Moscow. Ingredienti pizza: antichi pomodori di Napoli “Miracolo di S. Gennaro”, Bufala DOP

2 – Iaiunese Raffaele, Pizzeria Iaiunese, Casal di Principe (Caserta), pomodoro, mozzarella, basilico, olio evo

3 – Pierino Cardonia, Pizzeria L’Oro di Napoli, Montecorvino Rovella ( Salerno) pomodoro, mozzarella, olio evo

PIZZA IN PALA

1 Meloni Roberto, pizzeria da Roberto, Cagliari, pizza “Virginia” mozzarella di pecora, spinacino, carciofi, carpaccio di muggini, pomodori datterini, olio evo, scorza di limone.

2 Thierry Gourreau, Mam’zelle Pizza, saint Pierre – Ile de la Reunion, pizza “recontre”, guanciale, bufala, puntarelle, crema di parmigiaano,

3 Alessio Bertolucci, Ale’s Pizza Massa. Pizza “tosco ligure” melanzane grigliate, squaquerone, pesto scomposto, pomodorino.

PIZZA SENZA GLUTINE

1 – Gianni Pompetti, pizzeria dei Poemi, Penna S. Andrea ( Teramo), pizza “Giusy” con pomodori, stracciatella di mozzarella, alici del mar cantabrico, timo.

2 – Elio Corsi, pizzeria Blender, Oslo “Pizza tartufo e crudo”: crema di mascarpone al tartufo, zucchine, succo di lime, mix di spinaci, rucola e bietolina, olio evo, prosciutto crudo, pecorino sardo, tartufo fresco, fiori di zucca.

3 Hueffmeier Sarah, pizzeria Randy’s Gluten Free ( North S. Paul – USA) pizzeria Sarah’s Margherita: salsa di pomodoro, mozzarella, parmigiano reggiano, origano, basilico, burrata.

PIZZA A DUE

1 COPPIA

Pizzaiolo – Fabio Sebastiani, chef Marco Lavista, Pizza New (Trieste) pizza ” gambero della passione” ingredienti crema di peperone, mascarpone, parmigiano reggiano, bufala affumicata, pomodorini caramellati,, gambero rosso di mazara, germogli di ravanello, menta, frutto della passione, vaniglia.

2 COPPIA

Gourreau Thierry Pizzaiolo, chef Alessandro Lampis, pizzeria Mam’zelle izza, Saint Pierre ( Ile de la reunion, FRA) pizza “Viaggio da St Pierre a Parma, passando da Parigi”. Ingredienti base bianca in cottura, con alghe. Dopo cottura

2 COPPIA EX AEQUO: Salvatore la Porta pizzaiolo, Valentina la Porta ( chef) pizzeria Al posto giusto, pizza “Anteprima” con fiordilatte, crema di melanzane, capperi, mandorle, crema di pomodori disidratati, clorofilla di sedano, cipolla in agrodolce, petali di baccalà aromatizzato al finocchietto selvatico, gamberi rossi di mazara del vallo, guanciale, ricotta di pecora, pecorino romano.

2 coppia EX AEQUO: Gennaro Vingiano (pizzaiolo) Spatola Donato ( chef ) di Calabritto ( Avellino) pizza “semplicità, tradizione e innovazione” fior di latte, fave di pancetta, crudo di scampo, uova di quaglia, menta fresca, scaglie di pecorino,, scorzone, nero irpino, olio evo

3 COPPIA Miozzo Stefano ( pizzaiolo) Manuel Baraldo ( chef) pizza ” La gallina in Canevera” ingredieti, gallina cotta, verdurine croccanti, piselli, cipolla in agrodolce, uvetta, pinoli, bottarga, pancetta al pepe.

STILE LIBERO

1 – Takumi Tachikawa

2 – Volpe Scott –

3 – Jerome Falco –

VELOCITA’

1 – Amendola Giuseppe ( Reggio Emilia) Pizzeria ci vediamo da Mario

2 Raffaele Borrelli ( Palermo)

3 Domenico Sposato pizzeria La Conchiglia ( Bardolino VR)

LARGHEZZA

1 – Daniele Pasini – Pizza Acrobatica ( Imola)

2 – Stefano Mensa – Pizzoleria Tica ( Siracusa)

3 – Luca Lanca – Pizzoleria Tica ( Siracusa)

TROFEO HEINZ BECK – i primi piatti in pizzeria

1 Vingiano Gennaro, ristorante pizzeria Acqu’ sale – Salerno. “Guancioti farciti con ricotta di bufala, coulis di datterini gialli e rossi, alici di cetara, croccante di agerola e caciotta.

2 Emanuele Castelnuovo, “Ravioli di erbete con missultin e bottarga di lavarello”, vince anche il miglior abbinamento vino.

3 Massimo Biale, capo addetto Aeronautica Militare Italiana – “Trofie al Pesto”