Capodanno del Mugnaio 2020, ecco i Grani Italiani del Sud, un successo internazionale

2/7/2020 781
Carmine e Antimo Caputo nel campo di Frignano
Carmine e Antimo Caputo nel campo di Frignano

Il grano dorato del Campo Caputo di Frignano è entrato con la sua bellezza negli schermi di tutto il mondo, facendo toccare quasi con mano la mietitura e il Capodanno del Mugnaio. E se  il primo evento nazionale web, di questa nuova era, quello di fine maggio  della “Pizza per l’Estate”, ha letteralmente sbancato per visualizzazioni, questo del Capodanno del Mugnaio si appresta a superare  il successo. “Abbiamo trasformato questo evento, che si tiene da sei anni, in un momento corale. Portando le immagini catturate dalle telecamere, grazie a internet, in tutto il mondo. Raccogliendo le testimonianze di molti dei protagonisti grazie alla conduzione del giornalista Gianpaolo Trombetti” racconta l’Ad del Mulino di Napoli, Antimo Caputo “abbiamo così condiviso questa magia della trebbiatura, dove la natura ci porta a riflettere, a capire che siamo legati ad essa e ai suoi tempi” .

PACCHI DI GRANI ITALIANI 100% CON PIZZE E PANI
PACCHI DI GRANI ITALIANI 100% CON PIZZE E PANI

Ma non solo. A raccontare come hanno reagito in questi ultimi mesi con le loro pizzeria ci sono stati gli interventi di tre grandi nomi internazionali. Pizzaioli che assieme all’uso di prodotti italiani, della farina Mulino Caputo, hanno imparato la tradizione e l’esecuzione della pizza napoletana. Portando dagli Stati Uniti, al Giappone all’Inghilterra le nostre tradizioni.  E diventando uomini di successo. Chi vorrà potrà rivederli, il filmato della diretta è alla pagina Facebook (facebook.com/MulinoCaputo/) o al profilo Instagram di Mulino Caputo (instragram.com/mulinocaputo/). Sono intervenuti Jonathan Goldsmith, per Spacca Napoli (USA); Pasquale Makishima, per Solo Pizza Napoletana (JAP) e James Elliot, per Pizza Pilgrims (UK).

Quest’anno i campi coltivati a Grano Nostrum,  tutti  al Sud Italia, sono stati 3200 ettari  tra  Campania, basso Lazio, Molise, Abruzzo, Basilicata e Puglia)  producendo   Grani Italiani al 100%”.  “Il nostro è un impegno che dura un anno e che vede sul campo tutta la filiera: produttori, con Franco D’Amore, la Green Farm (l’azienda di Grottaminarda di cui è capo fila di filiera Michele Meninno, che si occupa di assistenza tecnica all’agricoltura) e il Mulino Caputo. Il lavoro inizia dalla scelta del seme giusto per ogni terreno, alla cura di mese in mese dei campi, per passare poi alla trebbiatura e portando i sacchi al mulino dove si ottiene la farina. E quest’anno dopo il grande successo delle farine di Mulino Caputo tra i consumatori finali, il Grano Nostrum sarà distribuito anche nelle confezioni da 1 kg. “Il nostro  processo produttivo riesce a ottimizzare l’antica sapienza contadina grazie al contributo delle tecnologie moderne e ricorrendo anche al supporto delle telecamere satellitari.  Grani scelti,  come  il  “Don Carmine”,  la tipologia  dedicata al nostro presidente”. Il Presidente Carmine Caputo che, nel firmare il nuovo accordo di filiera,  ha fatto commuovere tutti per la sua umanità. E da qui si intuisce che dietro al Mulino di Caputo non c’è solo professionalità, tecnologia, sapienza, ma anche tanto cuore, e questo fa la differenza. Una differenza che porta a curare la farina con amore, consegnando   al consumatore finale  un prodotto di alta qualità, certificato e selezionato in base alle differenti esigenze di utilizzo: quelle di panificazione, pizzeria e pasticceria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.