Cenate Sopra, Agriturismo Sassi della Luna, fare del bene, farsi del bene

22/11/2021 680
Sassi della Luna, le capre
Sassi della Luna, le capre

di Marco Galetti

Sassi della Luna, il viale d’accesso e l’insegna dell’Azienda che sorge a Cenate Sopra su un terreno collinare di nove ettari dove si alternano vigneti, alberi da frutta di varietà antiche, ulivi, filari di frutti di bosco, l’orto, strutture per galline, faraone, conigli e altri animali di bassa corte nonché un bosco dove pascolano vacche di razza piemontese, capre orobiche, camosciate e pecore di razza gigante bergamasca.

Sassi della Luna, il viale d’accesso e l’insegna
Sassi della Luna, il viale d’accesso e l’insegna

Sassi della Luna, una delle due sale ristorazione dell’Agriturismo il cui fabbisogno energetico è soddisfatto dall’impianto fotovoltaico integrato nel tetto dell’abitazione dei proprietari Claudio&Cristina che (bonus) utilizzano l’acqua piovana, raccolta in cisterne, per l’irrigazione effettuata con il metodo “a goccia” che salva le preziose gocce di vita dalla dispersione

Sassi della Luna, una delle due sale
Sassi della Luna, una delle due sale

Sassi della Luna, gli antipasti: flan di cavolfiore, lardo con polenta, salumi misti (migliorabili) intrigante fonduta calda di formaggi locali sgrassata ed esaltata da un calice di Quadrifoglio, il Rosé Brut Metodo Classico di Pecis, un’azienda a meno di sei chilometri in linea d’aria, l’aria pura e salubre delle colline bergamasche

Sassi della Luna, gli antipasti
Sassi della Luna, gli antipasti

Sassi della Luna, la giardiniera in accompagnamento agli antipasti che vale il viaggio, freschezza impareggiabile, verdure croccanti, colori&sapori, l’effetto cromatico di altissimo livello ha caricato le mie aspettative per nulla disattese

Sassi della Luna, la giardiniera
Sassi della Luna, la giardiniera

Sassi della Luna, il buon risotto al radicchio rosso con formaggio strachitunt e riduzione al Moscato di Scanzo

Sassi della Luna, il buon risotto
Sassi della Luna, il buon risotto

Sassi della Luna, il brasato con polenta accompagnato da un calice di Nove Rosso, blend di Cabernet Sauvignon e Merlot, frutto del lavoro aziendale nei due ettari di vigneto di proprietà a certificazione biologica; nella cantina a basso impianto ambientale, completamente interrata, vengono prodotti anche il Nove Puro e il Nove Aurora

Sassi della Luna, il brasato con polenta
Sassi della Luna, il brasato con polenta

Sassi della Luna, il tiramisù, l’ultimo dei piatti del menù degustazione a euro trenta che, oltre agli antipasti, al primo, al secondo e al dolce, è comprensivo di pane&focaccia auto prodotti, acqua, coperto e caffè

Sassi della Luna, il tiramisù
Sassi della Luna, il tiramisù

Sassi della Luna, il conto, il Quadrifoglio e il Nove Rosso che cresce su un terreno calcareo-marnoso, ideale per la viticoltura perché sue pietre bianche, dette Sass de Luna, trattengono il calore di giorno e lo restituiscono di notte alla piante

Sassi della Luna, il conto
Sassi della Luna, il conto

Sono tornato volentieri, a distanza di otto anni dall’articolo apparso su Armadillo a firma Marco 50&50, in un luogo “sicuro” che mi sento di consigliare mettendoci la firma e la faccia, io sono quello a destra nella foto con l’asino…
Fortunatamente non è cambiato niente, loro sono le stesse persone per bene che mandano avanti un’azienda agricola e nel fine settimana propongono una ristorazione di buon livello ad un prezzo, trenta euro, sostanzialmente uguale a quello del 2014 che vide una splendida faraona finire nel mio piatto prima che mi buttasi a capofitto sui formaggi di territorio.

Novembre non è il mese più adatto per poter apprezzare appieno i prodotti dell’orto ma indubbiamente la proposta nel complesso è valida, il luogo è isolato, pulito, silenzioso, tranquillo, anche il nome della località, Cenate Sopra, sembra un invito alla sosta, un risotto è sempre in carta e questo, insieme all’ambiente e ad un bel calice di Nove Rosso, rasserena quasi quanto cenare al tramonto ai Sassi…

Tramonto ai Sassi della Luna
Tramonto ai Sassi della Luna

Mangiando&stappando qui facciamo un’opera di bene, o perlomeno, anche se in minima parte, contribuiamo a farla, i titolari infatti, sostengono economicamente La casa di Leo, una residenza nata per poter accogliere le famiglie di bambini che necessitano di lunghi e frequenti ricoveri all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Sassi della Luna, l’asino e l’autore, in attesa di rivedersi si annusano, qui sotto le coordinate dell’Agriturismo aperto da venerdì a cena fino a Domenica a pranzo

Sassi della Luna, l’asino e l’autore
Sassi della Luna, l’asino e l’autore

Azienda Agricola Sassi della Luna

Via S.Ambrogio 2/d

Cenate Sopra BG

Tel 035 4258563

https://sassidellaluna.it/

5 commenti

    Enrico Malgi

    Grande Marco. Stai attento all’asino che ti sta puntando.

    22 novembre 2021 - 16:26Rispondi

    FRANCESCO MONDELLI

    Il poeta “contadino”dal gusto sopraffino alla riscoperta del formaggio caprino che(bonus)come un bambinello si fa la foto con l’asinello:cosa non si deve fare pur di magnare ! Stupidate a parte questo bel post mette l’accento su un fatto importante e cioè che a saper cercare, anche vivendo in città, ci si può “addecreare” se non propio a km 0 comunque a distanze molto contenute.Ad maiora semper da FM

    23 novembre 2021 - 13:04Rispondi

    Marco Contursi

    Neanche un maialotto vedo nelle foto….

    25 novembre 2021 - 20:42Rispondi

    Marco Galetti

    Dovrebbe essercene uno vis a vis con l’asino….oggi ero da un norcino e ti ho pensato…

    25 novembre 2021 - 20:46Rispondi

    marco contursi

    Nel senso che mi hai preso dei salumi e me li stai portando? Prenoto la stanza in albergo e allerto il Malgi per un contributo vinoso?

    26 novembre 2021 - 08:40Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.