Altro che Covid, l’emergenza sono i cinghiali nel Cilento: gli animali sono ghiotti di uva e distruggono i raccolti, produttori di vino scrivono al presidente del Parco Tommao Pellegrino

21/8/2020 2 MILA
La foto del produttore Mario Notaroberto: i cinghiali hanno distrutto questo filare

Emergenza cinghiali nel Cilento. Sembra una storia di altri tempi, invece è attuale e concreta: la viticultura cilentana, ma non solo, è minacciata dai cinghiali contro i quali non c’è legittima difesa. Ecco la lettera dei produttori al presidente del Parco Tommaso Pellegrino.

Una decina di anni fa, l’Ente Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni ha introdotto in natura diversi esemplari di cinghiali, in ottemperanza ad una direttiva europea di difesa delle specie. Da qui l’inizio della problematica: gli esemplari immessi erano cinghiali del nord Europa, una specie più forte e prolifica del cinghiale cilentano.

Le due specie si sono incrociate, creando un ibrido più grande del cilentano e capace di riprodursi velocemente e in gran quantità: una femmina può dare alla luce una dozzina piccoli ogni sei mesi. A ciò si aggiunge la caccia indiscriminata portata avanti da cacciatori inesperti. I cinghiali vivono in gruppo ed ogni famiglia ha un capo branco, un maschio alpha. Se in una battuta di caccia quest’ultimo viene ucciso, si crea uno squilibrio negli accoppiamenti che porta a maggior nascite.

Il tutto deve essere inserito in un territorio a bassa incidenza umana dove i cinghiali posso agire indisturbati.

Nel 2016, l’Ente Parco ha avviato dei corsi per la formazione di cacciatori istruiti, i cosiddetti selecontrollori, utilizzati per un abbattimento selettivo degli ungulati. I selecontrolli, oggi, ci sono e sono autorizzati a sparare anche in periodi in cui la caccia sarebbe vietata, ma dopo qualche mese di attività, le battute di caccia controllate si sono fermate e della loro sorte non si sa nulla.

Il Parco fu obbligato ad attivarsi in tal senso perché erano molteplici le richieste da parte delle istituzioni che raccoglievano le proteste di agricoltori e imprenditori, ma anche di semplici residenti. Gli animali non sono protagonisti soltanto di sortite tra uliveti e vigneti, ma spesso scorrazzano liberamente anche in strada rischiando di provocare incidenti. Numerosi sono i sinistri da loro provocati e in qualche caso si sono registrati feriti molto gravi. L’Ente Parco prevede degli indennizzi, ma i fondi sono sempre esigui, così come i rimborsi erogati, insufficienti a coprire i danni.

Dal 2016 sono passati 4 anni , nulla ancora e’ stato fatto , nel frattempo i branchi di cinghiali sono aumentati a dismisura , non e’ raro incotrarli scorrazzare indisturbati anche nei centri abitati alla ricerca di cibo nei nostri rifiuti , i danni in agricoltura oramai non si calcolano , chi può’ si arma a difendere il proprio pezzo di terra , trasformandosi in moderno cowboy.  Gli incidenti automobilistici  a causa attraversamento mandrie sono frequentissimi.

Oramai l’emergenza e’ drammatica , se si pensa che un settore come quello vitivinicolo che ha notevole incidenza economica per la nostra provincia , producendo reddito e creando posti di lavoro che permettono anche la sopravvivenza di paesi dell’interno, sempre più a rischio di  abbandono da parte degli abitanti.

 

Un commento

    friariello

    Vecchia storia.Per far contenta la lobby dei cacciatori sono stati introdotti animali provenienti dall’est Europa ed immessi in anni lontani.Fonte ISPRA.

    21 agosto 2020 - 15:51Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.