Garantito IGP – Anima Arancio, l’Arneis macerato di Claudio Fenocchio

20/2/2020 210
Anima Arancio, l'Arneis
Anima Arancio, l’Arneis

di Roberto Giuliani

Siamo in Langa, in uno dei comuni di punta del Barolo, a Monforte d’Alba, dove dimora un’azienda che ha oltre 150 anni di storia. Come spesso accade le generazioni che si susseguono portano idee nuove, cercano di lasciare un segno del loro passaggio attraverso percorsi innovativi.
Claudio Fenocchio non è più un “ragazzo”, anche se forse nell’animo mantiene una gran voglia di crescere e migliorare, perseguendo strade che non hanno nulla di azzardato ma segno di una sobrietà che solo anni di esperienza in vigna e cantina ti possono conferire.
Cosa accomuna ad esempio il Barolo Bussia “90 dì” Riserva e l’Anima Arancio? Il lavoro sulla macerazione, che in un certo senso sembra più un ritorno alle origini, ma con le conoscenze di oggi. Tornare a macerare il nebbiolo per un periodo così lungo nasce dalla consapevolezza che questa pratica ha un senso, fornisce una serie di valori estremamente positivi al vino che verrà, in base ovviamente alla qualità dell’annata, non è un vino che si può fare sempre e comunque.
L’Anima Arancio, invece, è sicuramente un passo nuovo in azienda, anche se quella di macerare l’arneis, vitigno a bacca bianca originario del vicino Roero (e infatti il vigneto si trova a Monteu Roero a circa 350 metri slm), è un’esperienza già affrontata da altre aziende, ma nella maggior parte dei casi si tratta di macerazioni brevi e non di tutta la massa, qui invece parliamo di 30 giorni!
Niente legno, solo acciaio, a dimostrazione che lo scopo è quello di estrarre tutto ciò che l’uva può offrire senza altri “aiuti”, la fermentazione fra l’altro è spontanea, senza aggiunta di lieviti selezionati né additivi.
Insomma è a tutti gli effetti un “orange wine”, il colore lo dimostra chiaramente, arancio caldo tendente all’ambrato, limpido però, pulito. La sensazione olfattiva ha una profondità del tutto particolare, certamente richiama l’albicocca disidratata, la cotogna, l’agrume candito, ma anche toni minerali, quello che colpisce è l’estrema purezza espressiva, si sente che è un vino seguito con attenzione, il risultato non è frutto di un caso ma di una sistematica ricerca per ottenerne la massima espressione.
E all’assaggio conferma queste impressioni, rivelando fra l’altro una freschezza che non era così intuibile dai profumi, segno che l’anima del vitigno si è perfettamente mantenuta, con in più un delicato tocco tannico che accompagna un frutto sì maturo ma per nulla dolce. Non è un vino ruffiano, al contrario si racconta in modo diretto, “langhetto”, e fornisce già tutti gli elementi per intuirne tutta la potenzialità evolutiva.

Azienda Agricola Giacomo Fenocchio
Località Bussia, 72 – 12065 Monforte d’Alba (CN)
Tel: +39 0173 78675, +39 0173 78311
www.giacomofenocchio.com
[email protected]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.