Garantito IGP | Biodinamico “equiparato” al biologico: perché è una grande opportunità per tutti

3/6/2021 306
Corno letame
Corno letame

di Carlo Macchi

Art. 1 La produzione biologica viene definita attività di interesse nazionale con funzione sociale e ambientale. Il metodo di agricoltura biodinamica viene equiparato al metodo biologico nei limiti in cui il primo rispetti i propri disciplinari e i requisiti previsti a livello europeo per produrre biologico.

Questo è il primo articolo della normativa approvata il 19 maggio scorso e su queste parole si è scatenato un inferno mediatico che difficilmente è riuscito a far ragionare ma solo a far prendere posizione su due barricate diverse, che non hanno mai avuto l’opportunità e l’intenzione di comunicare se non a cannonate.

La cosa che, da non sostenitore della biodinamica e nello stesso tempo “fustigatore” della chimica nel vigneto, mi viene in mente è che queste poche parole siano non tanto un riconoscimento della biodinamica ma un modo per portare la biodinamica a ragionare con il settore enologico/scientifico (mi si passi il termine) più prossimo. In altre parole se un produttore biodinamico vuole i contributi non solo dovrà lavorare in regime biologico ma dovrà avere anche un ente certificatore che lo afferma, quindi sottostare a controlli che, volente o nolente, lo porteranno a confrontarsi con il mondo del biologico.

Nello stesso tempo gli enti certificatori del biologico dovranno trovare un modo per convivere e per “creare ponti” con produttori che hanno idee e metodologie molto diverse  per non dire agli antipodi.

Corno letame
Corno letame

Questi due mondi che si toccheranno potranno respingersi (ma non credo) o convivere. Prima magari da separati in casa ma in futuro potrebbero piano piano avvicinarsi e così far iniziare un dialogo che oggi, non so se per colpa di produttori o di accaniti e intransigenti sostenitori di questi mondi paralleli (i negazionisti della scienza e gli avvelenatori, tanto per usare termini con cui i due mondi si definiscono) non esiste.

Per questo vedo con piacere la scelta del legislatore, che però riuscirà ad essere propositiva solo se da una parte i produttori biodinamici e dall’altra gli enti di certificazione biologica faranno entrambi un passo avanti nell’ottica di progredire, di allargare i propri orizzonti e di arrivare a produrre vini “moralmente e fisicamente” migliori.

Un commento

    Germano

    Tutte le mattine migliaia di agricoltori si alzano e pregano il loro Dio (Allah, Buddha, Manitu, Giove Pluvio, etc) affinché protegga i loro raccolti: Perché non equiparare l’Agricoltura Diodinamica a quella biologica???
    Tutte le mattine migliaia di agricoltori si alzano e vanno a leggersi l’oroscopo per vedere quel giorno che destino incontreranno le loro colture: Perché non equiparare l’Agricoltura Astrologica a quella biologica?

    3 giugno 2021 - 19:27Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.