Il Pastificio Artigianale Leonessa sostiene il mondo del teatro con delivery con spettacolo grazie al progetto Consegne // una performance da coprifuoco

13/1/2021 697
Pastificio Artigianale Leonessa
Pastificio Artigianale Leonessa

Il Pastificio Artigianale Leonessa sostiene il mondo del teatro
Consegne // una performance da coprifuoco
Uno spettacolo di Kepler-452
In sella: Collettivo lunAzione
Avviato a dicembre tra le strade di Napoli e continua con il 2021

Il Pastificio Artigianale Leonessa sostiene una giovane e indipendente realtà teatrale in un momento in cui il settore vive un grave momento di difficoltà. Lo storico pastificio campano ha deciso di seguire il nuovo progetto del Collettivo lunAzione, offrendo a tutti gli spettatori una squisita e invitante sorpresa. Il pastificio è da sempre legato al mondo della cultura e in questo difficile periodo storico sceglie di investire in un progetto in cui è il teatro ad andare dagli spettatori.

Dal dicembre e’ partita a Napoli Consegne // una performance da coprifuoco, spettacolo a cura del Collettivo lunAzione. Dopo aver debuttato a Bologna lo scorso novembre con la firma della compagnia Kepler-452, il percorso-performance site specific vedrà ora in sella Cecilia Lupoli, nel ruolo di attrice/rider.

L’adattamento per Napoli è a cura di Eduardo Di Pietro, l’organizzazione di Martina Di Leva e il coordinamento tecnico di Tommaso Vitiello. Il Collettivo lunAzione ha sposato l’idea di Kepler-452 e l’ha riproposta a Napoli in reazione a un momento storico che vede i teatri chiusi e gli artisti privati della possibilità di incontro con il pubblico. Come spiega Eduardo Di Pietro «Il progetto, così interessante e genuino, ci ha fulminato. Ci siamo messi al lavoro con una certa urgenza, pensando al momento in cui saremmo scesi in strada per il pubblico partenopeo. Consegne è uno schiaffo al presente, con tutti i vincoli e le difficoltà del quotidiano: rispetta i protocolli di sicurezza, ma allevia la solitudine del coprifuoco».

Un corriere si sposta nella città, per effettuare la sua consegna: sulle spalle ha un cubo colorato, corre nel vento e nella pioggia, attraversando la notte desolata. Lo spettatore – o più spettatori che abitano allo stesso indirizzo – segue sulla piattaforma Zoom il percorso-performance della consegna, che condurrà il rider a bussare proprio alla sua porta, per un incontro finale.

Questo spettacolo nasce pensando a quali attività possono continuare a esistere in questo contesto di restrizioni e la figura che emerge immediatamente è quella del rider. L’attore si trasforma in un corriere a tutti gli effetti per effettuare delle consegne, in un rapporto di intimità, esclusività, confidenza con il destinatario. Per tutta la durata del viaggio serale attraverso la città deserta, i due saranno collegati offrendo una prospettiva sul vuoto urbano fino all’ suono del campanello.

Il progetto parte dalla domanda su cosa sia essenziale per noi e cosa possa esserlo per gli spettatori, a cui si aggiungono, durante il percorso-performance, altre domande relative al presente che stiamo vivendo.

Consegne è un’azione artistica corsara, assurda, economicamente insostenibile. È un incontro improbabile in un momento impensabile tra un attore travestito da rider e uno spettatore travestito da destinatario, che tentano ostinatamente di capirsi in una città deserta e buia.

biglietto € 15 euro, comprensivo della consegna – info e prenotazioni aperte [email protected] – 3349648516