La storica vigna bicentenaria del Bue Apis minacciata dai ras del cemento in affari con i politici: l’appello del sindaco di Vitulano

16/4/2022 2.4 MILA
Ospiti canadesi in visita alla vigna del Bue Apis
Ospiti canadesi in visita alla vigna del Bue Apis

di Pasquale Carlo

Il primo cittadino di Vitulano Raffaele Scarinzi lancia un disperato appello per salvare le secolari vigne di aglianico del ‘Bue Apis’.

Il suggestivo vigneto, oltre a dare le uve per uno dei migliori vini del Sannio, è ormai diventato tappa obbligata ed emozionante per chi si occupa di promozione del vino e del territorio. Nel corso degli anni il luogo ha accolto numerosi visitatori, operatori e giornalisti provenienti da ogni parte del mondo.

Purtroppo tutto questo sembra non interessare i rappresentanti della politica sannita, che ancora una volta evidenziano la loro incapacità ad operare per il bene del territorio.

Il secolare vigneto di località Pantanella a Vitulano

Di seguito riportiamo la lettera aperta che Scarinzi ha indirizzato al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio e a tutte le istituzioni locali per invitare gli organi preposti a rivedere quella che sembra a tutti gli effetti una scelta scellerata in merito alla realizzazione del tracciato della Fondovalle Vitulanese.

“Tutto nasce da un vigneto di oltre 200 anni che produce un vino chiamato Bue Apis – scrive il primo cittadino -, insignito di numerosi riconoscimenti nazionali e fonte di reddito di contadini che lo coltivano con le tecniche tradizionali dei padri e dei nonni. La Fondovalle Vitulanese è invece la storia di un’incompiuta da 30 anni che aspirerebbe a collegare la Campania con il Molise. Finanziato un lotto ancora intermedio, per circa 46 milioni di euro, i contadini scoprono che la strada ha preso di mira proprio il loro terreno. Si rivolgono al sindaco e ad un parlamentare che già si era mostrato sensibile a quella produzione agricola, Pasquale Maglione. Il comune di Vitulano suggerisce alla Provincia di Benevento, che deve approvare il progetto definitivo del tracciato, un percorso alternativo di minore impatto ambientale, andando in buona parte a sovrapporsi alla viabilità esistente, più lineare ed efficiente ai fini della percorrenza e più economico con possibilità di recuperare risorse per il lotto successivo.

La proposta – spiega – non verrà considerata per circa un anno e mezzo perché avrebbe allungato i tempi per l’appalto. Si arriva all’approvazione del definitivo in conferenza dei servizi e la Commissione del Paesaggio di Vitulano, richiesta dalla Soprintendenza di esprimere il proprio parere ambientale, boccia all’unanimità il progetto della Provincia e approva invece la proposta alternativa del comune. Nel trasmettere alla Provincia e a tutte le altre autorità il parere ambientale, il comune di Vitulano si offre pure di elaborare gratuitamente e in un mese la progettazione della variante. Nessuna risposta anche in questo caso e la conferenza approva a maggioranza il progetto che cancella il Bue Apis e stravolge un’area incontaminata di piccoli torrenti, antichi mulini ad acqua e masserie in pietra, con tre enormi viadotti in cemento armato fino a 225 metri di lunghezza e 9 di altezza. Ad oggi è stato inutile ogni tentativo di far ritornare la Provincia su quella decisione ed il 21 aprile prossimo si discuterà innanzi al Consiglio di Stato la richiesta di sospensiva del comune di Vitulano.

Secolari vigne di aglianico sul Taburno
Secolari vigne di aglianico sul Taburno

Inutile – conclude – parlare delle altre criticità del progetto che, per aggirare la necessaria Valutazione di incidenza ambientale ha artificiosamente declassato la strada da C a F e previsto un limite di velocità di 40 kmh. Quello che ne determinerà però la morte annunciata è che il progetto esecutivo che sta per essere appaltato insieme alla realizzazione dell’opera è stato già bocciato dalla Commissione del paesaggio di Vitulano, con parere già in qualche modo fatta propria dalla Soprintendenza e che non sarà sostituibile con altro di diversa autorità. Anche se non sarà facile fermare al momento l’appalto, anche per le indicazioni di non bloccare la capacità di spesa degli enti in tempo di Pnrr, dobbiamo provarci fino il fondo. Se non riusciremo almeno non chiamatela Vitulanese. Chiamatela fondovalle del cemento e del già Bue Apis”.

Bue Apis 2003
Bue Apis 2003

Un commento

    friariello

    Tutta la mia solidarietà d Vitulano.Speriamo che il gloriosa vigneto possa sopravvivere a l’insipienza di tanti amministratori.

    16 Aprile 2022 - 17:15Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.