E’ Maura Gigatti di Parma la migliore sommelier del Primitivo

15/6/2017 520
Migliore sommelier del Primitivo - Carlo Pagano, Roberto Erario, Maura Gigatti, Donato Giuliani, Antonio Riontino
Migliore sommelier del Primitivo – Carlo Pagano, Roberto Erario, Maura Gigatti, Donato Giuliani, Antonio Riontino

E’ Maura Gigatti di Parma la migliore sommelier del Primitivo. A premiarla, ieri 13 giugno a Manduria (TA) Roberto Erario, presidente del Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria insieme a  Donato Giuliani,  presidente del Consorzio di Tutela Vini Doc Gioia del Colle.

Secondo posto per il molisano Carlo Pagano e il pugliese Antonio Riontino conquista il terzo posto.

Il “primo master del Primitivo’, l’oscar che ha premiato il miglior sommelier in base alla sua preparazione tecnica e al suo grado di esprimere al meglio le qualità del vino ottenuto dal vitigno primitivo è stato organizzato dall’Associazione Italiana Sommelier (Ais)  Puglia.

Migliore sommelier del Primitivo - Carlo Pagano,  Maura Gigatti,  Antonio Riontino
Migliore sommelier del Primitivo – Carlo Pagano, Maura Gigatti, Antonio Riontino

“Se oggi nel nostro Paese si beve meglio e soprattutto con maggiore senso di responsabilità  – dichiara Erario – è anche grazie al contributo dei sommelier. A Maura Gigatti e agli altri vincitori vanno le nostre congratulazioni, convinti che porteranno in giro con professionalità la storia, la tradizione e le virtù del nostro Primitivo di Manduria”.

Migliore sommelier del Primitivo - Premiazione
Migliore sommelier del Primitivo – Premiazione