Osteria del Crudo, il mare fresco e semplice servito vicino la stazione di Salerno

19/7/2018 5.4 MILA
Osteria del Crudo - Fabio e Mariarosaria
Osteria del Crudo – Fabio e Mariarosaria

di Marco Contursi
Gli manca solo la vista mare. Ma il pesce è così fresco che si muove ancora e viene dalla barca di famiglia. Cucinato bene e senza accendere un mutuo per mangiarlo.

Siamo a Salerno, in una stradina laterale del corso Vittorio Emanuele, a 20 m dalla stazione centrale.

Qui Fabio Avagliano e sua moglie Mariarosaria, figlia e sorella di pescatori, hanno aperto da pochi mesi il loro localino, Osteria del Crudo, pochi tavoli e tanto pescato del giorno.

“Il 90% di quello che servo me lo forniscono i miei cognati- racconta Fabio- per il resto mi servo al mercato del pesce”.

E questo spiega perché il pescato del giorno, da fare all’acquapazza o al forno, costi solo 35 euro al kg, che è il prezzo più basso da me registrato in Campania attualmente. Pesce vivo, come dicevamo.

L’antipasto caldo costa 15 euro e comprende vari assaggi, tutti molto buoni e ben preparati. Ottimi i cannolicchi e i totani con le patate, calloso il polpo, sfiziosissime le trigliette.

Osteria del Crudo - polpo e alici
Osteria del Crudo – polpo e alici
Osteria del Crudo - totani e patate
Osteria del Crudo – totani e patate
Osteria del Crudo - trigliette
Osteria del Crudo – trigliette

Nomen Omen, qui gli amanti del crudo vanno a nozze. C’è un gran vassoio a 25 euro, che comprende molluschi, crostacei e saporitissimi ricci. Nella testa dei gamberoni rossi ci senti il tartufo. Succhiatela stringendola tra due dita e mi ringrazierete. Non aggiungo altro. Imperdibile.

Osteria del Crudo - crudo
Osteria del Crudo – crudo

Molto buone pure le linguine ai frutti di mare, pasta al dente e tanti molluschi.

Osteria del Crudo -linguine frutti di mare
Osteria del Crudo -linguine frutti di mare

Croccante, e finalmente varia, la frittura di paranza, che prevede nel giorno della mia visita, alici, calamari, gamberi, fragaglia, merluzzetti, trigliette, sgombro e un altro pesce più grande di cui ignoro il nome. Tutto molto gustoso e non unto.

Osteria del Crudo - frittura
Osteria del Crudo – frittura

Ma è la spigola al forno a strappare l’applauso: carni sode, umide, cotta divinamente. Unico neo, l’olio messo a crudo, ma a breve anche questo migliorerà. Da tempo non mangiavo un pesce così saporito e carnoso.

Osteria del Crudo - pesce al forno
Osteria del Crudo – pesce al forno

Troppo sazio per il dolce (Bassano per la millefoglie, Pantaleone per la scarzetta, Mariarosaria per il resto..), mi concedo un finocchietto, home made e due chiacchiere con Fabio.

Carta dei vini, sufficiente, da implementare con le dop salernitane: costa d’Amalfi, colline salernitane e cCilento. Io ho preso il Trentenare di San Salvatore, sempre valido.

Conto sui 40-45 prendendo 3 portate ma le porzioni sono abbondanti e consiglio di dividere o il primo o il secondo, così non vi appesantite e il conto scende.

Per digerire, due passi sul corso Vittorio Emanuele e un caffè da Castorino, torrefazione salernitana con un punto vendita sul corso che sta facendo cose pregevoli con monorigini arabici. Quello etiope il mio preferito, provatelo e assaggerete un caffè che vi sorprenderà. Ma fatelo con la curiosità di provare qualcosa assolutamente diverso da quello che bevete ogni mattina.

Questa la Salerno che mi piace.

Osteria del Crudo
Via Vicinanza 7 Salerno
tel. 3929862211
chiuso lunedi e in estate a pranzo tranne sabato e domenica

4 commenti

    Enrico Malgi

    (19 luglio 2018 - 11:53)

    Bravissimo Marco sempre in giro a scoprire e farci conoscere queste eccellenti realtà.

    Francesco Mondelli

    (19 luglio 2018 - 12:39)

    Prezzo davvero basso che testimonia innanzi tutto il ciclo virtuoso del Chilometro zero.A me ancora meno perché lo compro dai pescatori lo pulisco a mare e,al massimo,per cena è in padella.E fa niente se capita ,come stamane ,che una sogliola si faccia una passeggiata nel sedile posteriore della mia auto.Ad maiora semper e……acqua in bocca.FM.

    Marco contursi

    (19 luglio 2018 - 20:09)

    Caro Francesco io avanzo sempre una cena,magari si aggrega anche Enrico,a patto però di portare qualche buona bottiglia ;-)

    Enrico Malgi

    (20 luglio 2018 - 12:56)

    Eccomi pronto non con una, ma molte bottiglie da stappare, a patto che non mi facciate mangiare troppo…!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.