Panzano biodistretto del Chianti Classico

26/10/2019 507
Panzano biodistretto del Chianti Classico
Panzano biodistretto del Chianti Classico

di Monica Bianciardi

Vino al Vino 2019  una manifestazione per valorizzare i vini di Panzano  attraverso una degustazione con una retrospettiva dal 1999 al 2009 che ha messo in risalto non solo il livello qualitativo dei vini ma anche la loro grande longevità  organizzata dall’Unione Viticoltori di Panzano in Chianti.

22 Produttori per 650 ettari di vigneto ed un orgoglio per la propria terra che accomuna i produttori di Panzano ha portato a costituire un associazione a tutela di tutta un area divenuta nel 2019  primo biodistretto vinicolo del Chianti Classico e d’Italia. Situato  nel comune di Greve in Chianti, Panzano è un piccolo Borgo posto sopra un altopiano collinare nel cuore del Chianti Classico che si affaccia sulla Conca d’Oro circondato da boschi di quercia con un  microclima condizionato da forti escursioni termiche ed una esposizione solare costante.

Nata nel 1995 l’Unione Viticoltori di Panzano in Chianti ha intrapreso questa strada del biologico e biodinamico  allo scopo di rendere i vini prodotti il più salubri possibile evitando l’uso di prodotti di sintesi e contemporaneamente preservare i luoghi e le colline con le sue biodiversità in un senso di connessione profonda e di rispetto verso la terra “origine di tutta la vita”. Una scelta dettata dal preservare l’ambiente integro da agenti chimici ed inquinanti in un ritrovato senso d’armonia con la natura. Un gesto d’amore per il posto dove ogni giorno 9 vignaioli vivono e lavorano da cui trae beneficio anche il consumatore che ha l’opportunità di godere di prodotti eccellenti e sani. Un ritorno verso un’agricoltura consapevole che garantisca prodotti di alta qualità in modo ecosostenibile.

La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra.
(Proverbio dei Nativi americani)

 

Tasting notes di alcuni dei migliori assaggi.

1999 primavera mite ma piovosa, inizio estate fresco con frequenti piogge, seguito da un’estate calda ma asciutta.

2009 primavera piovosa ma mite a cui è seguita un’estate calda e asciutta che ha consentito una maturazione fenolica completa .

Le Cinciole Chianti Classico Riserva Petresco 2009
Le Cinciole Chianti Classico Riserva Petresco 2009

Le Cinciole Chianti Classico Riserva Petresco 2009

Olfatto con soffuse sensazioni date da spezie frutti rossi succosi e mentolati impressi in un palato carismatico ed elegante dato da freschezza pulsante e tannini fini  lunghissima persistenza e chiusura decisa.

Vecchie Terre di Montefili Bruno Rocca  2009

Austero palesa sensazioni data di frutto rosso agrume e  pepe rosa. La bocca scandaglia con freschezza  e materia con sottolineature minerali alla fine.

Vecchie Terre di Montefili Bruno Rocca 2009
Vecchie Terre di Montefili Bruno Rocca 2009

Tenuta degli Dei Tommaso Cavalli 2009. ottima rappresentazione di fattura bordolese, che offre una rilevante alternativa con un bland di taglio internazionale. La toscanità si evince dalle  erbe aromatiche, le note boschive e aromatiche che unite alle avvolgenti morbidezze  alle pungenti sensazioni erbacee  offrono un ottima alternativa dal sorso carnoso rotondo e delicato tannino finissimo e bocca distesa nel finale.

Tenuta degli Dei Tommaso Cavalli 2009
Tenuta degli Dei Tommaso Cavalli 2009

Il Palagio Chianti Classico Riserva 2009

Tratto caldo all’olfatto dove escono toni di spezie, visciole, tocchi ferrosi,menta fresca. Il palato ha uno sviluppo saldo con tannini incisivi ma rotondi,con chiusura rinfrescante di salinità e acidità .

Il Palagio Chianti Classico Riserva 2009
Il Palagio Chianti Classico Riserva 2009

Castello dei Rampolla D’Alceo 1999

Blend di Cabernet Sauvignon e Petit Verdot ottenuto da viti ad alberello che hanno superato i 25 anni di età, a coltivazione biodinamica.  Colore compatto e  impenetrabile,  dalla tenuta perfetta priva di sbavature. All’olfatto sembra di sentire qualcosa di inafferrabile che guarda più verso il Medoc, aprendosi escono una profusione di sfaccettature floreali ed un frutto composto e sostenuto che lasciano il campo a sottobosco spezie intessute con garbo e rinfrescanti balsamici di resina. Il palato è un palpitare di toni morbidi ed aromi freschi con proporzioni cesellate e definite. Ha grazia e dinamismo ed un  finale che ritorna sapido e sospeso.

Castello dei Rampolla D'Alceo 1999
Castello dei Rampolla D’Alceo 1999

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.