Pizzeria Quattrocento Gradi a Formicola (CE)

8/11/2018 1.1 MILA
Pizzeria Quattrocento Gradi - La Margherita Sbagliata con salame piccante e Caciocavallo Irpino
Pizzeria Quattrocento Gradi – La Margherita Sbagliata con salame piccante e Caciocavallo Irpino

di Tiziano Terracciano

Tra i Monti Trebulani e la Baronia, tra boschi e vigneti, nella natura incontaminata dell’Alto Casertano sorge il piccolo e grazioso borgo di Formicola, il cui territorio rientra a pieno titolo nel comprensorio del vino Casavecchia ottenuto dall’uva dell’omonimo e misterioso vitigno.

Qui, da pochi mesi, ha aperto la sua pizzeria Antonio Preziosi, un ragazzo del posto che, dopo aver fatto esperienza in varie pizzerie e dopo aver appreso varie tecniche per l’impasto, ha deciso di investire sul suo territorio allestendo un bel localino in un antico edificio del centro storico.

Antonio prepara un impasto con la biga e, come precisa tra le pagine del menù, non utilizza alcun tipo di grasso o miglioratore e dunque neppure del malto che potrebbe renderlo più bruno in cottura. Per Antonio l’essenziale è che il cornicione si alzi e soprattutto che l’impasto sia digeribile e gustoso.Tra gli ingredienti di condimento utilizzati risaltano sicuramente la Mozzarella di Bufala Campana Dop e il pomodoro San Marzano Dop oltre naturalmente ai tanti prodotti di stagione provenienti dai fertili terreni del circondario.

Pizzeria Quattrocento Gradi - i cornicioni
Pizzeria Quattrocento Gradi – i cornicioni

Nella breve lista di vini rossi c’è un Aglianico Irpino sfuso, un Aglianico Irpino imbottigliato e immancabilmente un Casavecchia. Logicamente, essendo in terra di produzione, ordiniamo senza alcuna esitazione il “Corte Rosa” un Casavecchia Igp-Terre del Volturno della Cooperativa “Viticoltori del Casavecchia” che annovera più di 40 piccoli soci i quali “mettono a fattor comune i propri vigneti ultradecennali”.

Pizzeria Quattrocento Gradi -Il Casavecchia
Pizzeria Quattrocento Gradi -Il Casavecchia

Il “Corte Rosa” è fatto di 100% uve Casavecchia, matura 10 mesi in barrique e affina almeno 6 mesi in bottiglia. E’ un ottimo vino che apprezziamo prima di tutto come aperitivo, durante l’attesa delle pizze, con la sua gradevolissima tannicità che di rivela già al primo sorso ed il suo bouquet di profumi che si rivela a mano a mano che lo sorseggiamo.

Tra gli sfizi ordiniamo il cuoppo di verdure in pastella alla birra accompagnato da una salsetta al pomodoro artigianale.

Pizzeria Quattrocento Gradi - Le Verdure pastellate
Pizzeria Quattrocento Gradi – Le Verdure pastellate

Per quanto riguarda le pizze scegliamo la Margherita Sbagliata fatta con il passato di pomodorini gialli sulla quale facciamo aggiungere del salame piccante e delle scaglie di Caciocavallo Irpino. E una Campagnola che è la classica Salsiccia (locale) e Friarielli (paesani con le giuste note di amaro e piccantezza).

 Pizzeria Quattrocento Gradi -La Campagnola
Pizzeria Quattrocento Gradi -La Campagnola

Concludiamo con un pezzetto di Cheesecake artigianale con vero succo di limone.

Pizzeria Quattrocento Gradi - La Cheesecake al Limone artigianale
Pizzeria Quattrocento Gradi – La Cheesecake al Limone artigianale

Pizzeria Quattrocento Gradi
Via Stefano Caputo, 22
81040 Formicola (CE)
Tel. 349 502 7593 – 389 577 7528
Pizzeria Quattrocento gradi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.