Ragis Rosso 2015, DOC Costa d’Amalfi di Patrizia Malanga, altri descrittivi

18/4/2021 587

di Marco Galetti

Raito
Raito
L’identita' di un territorio
L’identita’ di un territorio
Le vigne di Patrizia
Le vigne di Patrizia

Potremmo chiuderla qui, un calice vista mare sulla Costa d’Amalfi, la rara bellezza del borgo di Raito, toni d’azzurro, nettari nei vetri a Vietri, ombre disegnate da ceramiche, vigne disegnate dalla mente di una donna di origini lucane, i pini marittimi a far da sentinella dovessero tornare invasori Longobardi…

Quante  storie in quattro immagini, le prime due prese dal Web, le altre me le ha inviate Patrizia dopo il nostro colloquio… due sere fa…

MG:“Buonasera Patrizia, ho ricevuto in dono un Ragis 2015, mi farebbe piacere ricevere due righe sul suo rosso ormai mio… nel porgere i miei saluti chiedo se approva l’abbinamento con un capretto al forno con patate”

PM:” È un piacere per me ricevere il suo messaggio e sarò molto lieta di darle le informazioni che chiede, la mia è una piccolissima realtà vitivinicola della bellissima costiera amalfitana… produco poche bottiglie di due tipologie, rosso e rosato, utilizzo solo uve coltivate in azienda…l’azienda e i suoi prodotti sono biologici certificati da ICEA…Secondo la storiografia locale ottocentesca il nome Ragis sembra derivi da un guerriero Goto o Longobardo che avrebbe dato il nome a Raito… col capretto ci starebbe bene una 2013 o 2016, più complesse e strutturate e con una alcolicità un po’ più alta…la 2015 ben si abbina con primi a base di pasta…”

Dopo i saluti, altre piccole gentilezze che non starò ad elencare ricevute via WhatsApp, ho ripensato a quanto garbo e disponibilità avesse avuto nei miei confronti questa donna del vino che oggi sembra lavorare in paradiso ma che per renderlo tale avrà sicuramente passato le pene dell’inferno con un pit stop in Purgatorio, giusto il tempo di prendere il meglio del venticinquesimo e metterlo in etichetta.

Non posso che immaginare gli inevitabili momenti di conforto&sconforto nel dar vita, dal nulla, nei pressi di Villa Guariglia, ad una vigna e continuare ad accudirla come una figlia che necessita di cure ed attenzioni costanti, ci vuole coraggio per affrontare la vite e la vita.

In questa azienda ventenne, visti i terreni impervi, tutti i processi di lavorazione sono effettuati a mano, tra giardini pensili intervallati da muretti a secco l’approccio manuale è da manuale, visti i risultati di questo rosso di territorio (60 Aglianico e 40 Piedirosso) quindi oltre le mani anche la testa ha dato il meglio, in effetti manualmente racchiude mano e mente…

Avrei voluto e dovuto anch’io fare scelte di passione, un lavoro che dia soddisfazione più che retribuzione, quella viene da sé, riuscire a portare a casa il pane quotidiano avvalendomi delle parole… invece ho dato i numeri, onore a Patrizia che ce l’ha fatta.

Ragis, le parole di Dante in controetichetta, controproposta…

Ragis
Ragis

…controproposta: inizialmente avevo pensato di abbinare al Ragis un capretto al forno con patate, poi, guidato dalle gentili parole di Patrizia, dai soli 13 gradi di questo rosso, ho proceduto per gradi virando verso un piatto di Lumaconi di Gragnano, quelli del Pastificio Di Martino, al ragù.

Produzione biologica e  limitata, gran parte della quale emigra negli Stati Uniti e continuerà a farlo, spinta ulteriormente dalle parole e dai voti di Monica Larner, la critica dagli occhi verde mare, responsabile del comparto italiano per Robert Parker, che ha assegnato a questo Rosso 2015, coltivato a picco sul verde mare della Costa d’Amalfi un 89 tendente al 90 per un vino “da paura” che è un complimento… sui titoli di coda  un bell’articolo sembra invitarmi all’assaggio del rosato di Patrizia, Vitamenia, toponimo medievale del luogo su cui sorge l’azienda, intrigante il corsivo di Giampaolo Gravina su Campania Stories, ma questa è un’altra storia, un subliminale, chissà se il Dottor Malgi saprà scovare per me anche un rosa tramonto in Costiera…

Le Vigne di Raito
Azienda Agricola Biologica di Patrizia Malanga
Via San Vito 9
84019 Raito – Vietri sul Mare SA
Mob 328 8651452

6 commenti

    Mondelli Francesco

    Nella sua intensa vita avrà anche dato i numeri ma posso testimoniare che con le parole ci ha sempre giocato egregiamente e, con ragione, oggi ancora di più come testimonia il sintetico e bellissimo richiamo al padre Dante nell’anniversario dei 700 anni dal suo ritorno alla casa del Padre Nostro.PS La vita comunque vissuta non va mai rinnegata (neppure al canto-rimpianto del Galetti)specie quando con grandi vini è stata innaffiata FM

    18 aprile 2021 - 07:21Rispondi

    Enrico Malgi

    Grande Marco, grande vino e grande Patrizia

    18 aprile 2021 - 07:47Rispondi

    marco contursi

    Conosco Patrizia da anni, una signora, elegante, fine, ma con una cordialità disarmante. Ospitò il convegno Onas tra lo stupore dei convenuti da tutta Italia, increduli di trovarsi in un così bel posto. Ci manco da troppo pure io, se scendi ti ci porto.

    18 aprile 2021 - 13:01Rispondi

    Marco Galetti

    Dunque anche oggi tre bei rintocchi
    campane campane rallegrano i miei occhi
    mentre cucino il riso confortante
    l’accenno di sorriso è altalenante
    non merito, però, nel dì di festa
    un calice ormai vuoto o quel che resta…
    ho chiesto a Enrico un rosa,
    tramonto amalfitano
    sembra che non sia cosa
    non sente il cilentano

    18 aprile 2021 - 14:35Rispondi

    Mondelli Francesco

    Segui la Stella che illumina la via in rosa e capirai ogni cosa FM

    18 aprile 2021 - 16:13Rispondi

    Enrico Malgi

    Marco aspetta ed abbi fede mi raccomando.

    20 aprile 2021 - 15:47Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.